Videoclip Top 5 – Katy Perry

Dopo il rap, vediamo il pop, quelle canzoni che riempiono le radio e, con le giuste sonorità, le discoteche. E parliamo di una delle regine di questa musica: la mora dagli occhi di ghiaccio Katy Perry.

5. Hot ‘n’ Cold

Quando mi ritrovo a preparare questi video, spesso incappo in video non bellissimi, non stupendi, ma con quella nota di esilarante che ti ricarica la giornata. Questo video non è tra i più belli che abbia visto: parla di un matrimonio tra una ragazza (Katy stessa) ed un ragazzo (interpretato da un amico di infanzia della cantante). Al momento di dire “lo voglio”, il ragazzo ha un attimo di titubanza. Da qui parte la canzone, con lo sposo che scappa e lei che lo insegue, tra varie inquadrature e scenografie, con anche una ripresa di Katy che si avvicina allo sposo sorridendo insieme ad una zebra. Alla fine, però, torniamo alla chiesa. Tutta la fuga non è stata reale, ma solo un viaggio mentale dello sposo che, infine, dice il fatidico “lo voglio” e la chiesa esplode di gioia, come se avesse segnato il rigore decisivo ai mondiali.
Dove sono le chicche? Intanto tra le testimoni di Katy vi è un ragazzo vestito da damigella, ma la scena che veramente mi ha fatto uscire gli occhi di fuori è all’inizio, quando lo sposo non riesce a dire lo voglio, parte la canzone e tutti nella chiesa iniziano a muovere la testa a tempo… anche il prete, che assume una posizione da gangster di colore dei bassifondi di Detroit che muove la testa a tempo di qualche rapper. Il prete, ragazzi! Guardatelo bene!

4. Roar

Roar è il ruggito del leone (almeno la scritta onomatopeica). Per rendere interessante il videoclip, hanno preso Katy e l’hanno portata nella giungla (finta, ovviamente). Katy ed il suo ragazzo (interpretato da Brian Nagel) sopravvivono ad un incidente aereo che li catapulta nella giungla. Durante l’esplorazione, la cantante è visivamente preoccupata, mentre il ragazzo mostra una tale incuranza da venir ucciso da una tigre. Ormai sola, Katy affronta ragni, coccodrilli, sempre fuggendo. Ma, pian piano, capisce che la giungla non è così brutta e che, dentro di lei, c’è l’animo di una tigre. Katy diventa, così, più forte e coraggiosa e riesce a diventare una novella Tarzan al femminile, riuscendo a vivere nella giungla ed a convivere con scimmie, tigri ed elefanti. Anche il suo vestiario diventa più selvaggio… ma non il suo trucco, che rimane sempre estremamente forte, tanto da chiedersi: quante scorte di trucchi c’erano in quell’aereo? Avevano svaligato Sephora?

3. Wide Awake

Questa canzone ha un significato profondo, parlando di quanto sia duro tornare alla realtà, dopo essere stati al settimo cielo per molto, troppo tempo. Il video inizia, infatti, con Katy che finisce di registrare un video (quello di California Gurls), riceve i complimenti dello staff e si dirige al camerino. Una volta dentro, però, si guarda allo specchi e tutta la stanza si trasforma in una camera oscura. Ora Katy affronta la sua realtà, vestita in modo cupo. Attraversa il labirinto della sua personalità, si smarrisce ed affronta tanti pericoli, ma è il suo lato fanciullesco a salvarla. Il video ha chiari riferimenti alle sue canzoni: ricompaiono i fuochi d’artificio sul petto della cantante come in Firework, ma ci sono riferimenti anche a Part of Me, The One That Got Away e Last Friday Night. Il tutto per ripercorrere un viaggio mentale percorso veramente da Katy Perry in un momento di sconforto. Fortunatamente Katy è stata forte e ne ha fatto una canzone dal video cupo e, alle volte, gotico, ma molto significativo.

 

2. The One That Got Away

Il video ci porta nel futuro, dove vediamo una Katy Perry anziana in una casa moderna con quello che sembra essere il marito. Ma, durante il video, Katy inizia ad avere vari flashback riguardante il suo primo amore (interpretato da Diego Luna, attore messicano che ritroveremo quest’anno in Rogue One: A Star Wars Story). Le scene che si susseguono sono le classiche scene di una coppia felice dove uno dei due (in questo caso, lui) è un estroso artista. Li vediamo mentre lui la ritrae su tela, mentre le fa un tatuaggio, mentre ballano ad una festa, eccetera… Ogni scena è inframezzata con inquadrature della vecchia Katy, triste in volto. La storia sembra non andare a buon fine: i due litigano e Katy giovane lancia della vernice rossa sul quadro di lui. Litigano ed il ragazzo prende la macchina e va via. Scopriamo, poi, che questo ha avuto un incidente mortale proprio quella sera, quando, guardando un oggetto appartenuto a Katy, non vede dei massi sulla strada e, nello schivarli, cade in un burrone. Vediamo poi la vecchia Katy recarsi nel luogo dell’incidente. Ora, so di essere uno sdolcinato che piange per ogni cosa, ma la scena dove il fantasma del ragazzo compare vicino alla vecchia Katy e le stringe la mano, mentre lei piange, mi ha commosso. Davvero.

 

1. Last Friday Night

Scuola americana, ragazza tredicenne con occhiali da nerd e apparecchio ortodontico molto vistoso. Un amico la ringrazia per aver organizzato la migliore festa di sempre, ma lei non ricorda. Così viaggiamo nella sua mente, mentre lei cerca di ricordare. Vediamo una bellissima festa adolescenziale dove la ragazza sfigata riesce, con l’aiuto di un’amica, a sembrare più carina (anche se rimane impacciata e con l’apparecchio, anche se meno vistoso). L’evolversi degli eventi inizia ad andare fuori controllo: la ragazza riesce ad attirare così il ragazzo dei suoi sogni, in giardino lo zio Kenny suona il sassofono sul tetto, un ragazzo nerd e il ragazzo figo si scontrano per avere la ragazza e questa sviene sul letto ubriaca. Scena finale, i genitori aprono la porta trovando la ragazza con il ragazzo dei suoi sogni nudo nel letto e tutta la casa in disordine. Questa racconta tutto l’accaduto, ma, sapendola una sfigata, i genitori non le credono e la lasciano riposare. Ah: la ragazza sfigata sarebbe Katy Perry, anche se stenterete a crederci.

 

– Giorgio Correnti –

Rispondi