Viaggio nel passato: serie tv degli anni ’70

Siamo finalmente giunti al terzo appuntamento della rubrica Viaggio nel passato: è il turno delle serie tv degli anni ’70, decennio famoso per la messa in onda di Alla conquista del West e Il mio amico Arnold, ma non solo.

Sara1 Famiglie di tutto il mondo, è ora di radunarsi davanti al televisore e inserire una monetina nel jukebox, perché Fonziesta arrivando! Il 15 gennaio 1974 è infatti andato in onda il primo episodio del cult Happy Days con gli indimenticabili Henry Wilker e Tom Bosley. Ma i Cunningham non sono l’unica famiglia che ha riunito grandi e piccini davanti allo schermo: ci sono anche i Robinson, i Jefferson e gli Ingalls de La casa nella prateria (serie a cui si aggiungono cinque film girati per la televisione).

Sara2 Oltre ai prodotti per tutta la famiglia, gli anni ’70 possono essere ricordati per i grandi gialli: il tenente Colombo, interpretato dall’immortale Peter Falk, ha fatto apparizione per la prima volta nel 1968, ma in Italia venne trasmessa a partire dal 1974; Perry Mason compare in quello stesso periodo, con attori tuttavia differenti rispetto al cast originale del ventennio precedente; in Germania Horst Tappert è il volto dell’ispettore Derrick, mentre a New York Ellery Queen infrange la quarta parete rivolgendosi direttamente allo spettatore. Investigatori “eccentrici” sono invece i poliziotti Starsky e Hutch e le famose Charlie’s Angelsdelle omonime serie tv.

Sara3 Non bisogna tuttavia dimenticare M*A*S*H, il cui episodio finale risultò il più visto della storia televisiva americana. Una curiosità: in Ragazzo da parete (Stephen Chbosky), il protagonista Charlie racconta di come scoprì suo padre a piangere dopo aver visto quella puntata. Siamo davanti a una serie che non cadrà facilmente nel dimenticatoio.

 

– Sara Carucci –

Rispondi