Sere d’estate ai musei italiani

1Abbiamo ancora più o meno un mese prima che le iniziative estive si concludano, quindi è decisamente tempo di approfittarne. Ecco perché voglio informarvi di tutti i musei italiani aperti di sera, così che potrete godervi del fresco, tra varie opere d’arte. Come al solito, fatemi sapere le vostre esperienze, tramite commento!

Ogni sabato fino al primo ottobre, dalle ore 19,30 fino alle 22,30 (con ultimo ingresso alle 21:45), potrete visitare gli Appartamenti storici della Reggia di Caserta, al prezzo simbolico di 1 euro. L’iniziativa rientra nel progetto di valorizzazione del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo con l’intento di adeguare agli standard internazionali i principali musei italiani, per rispondere alle esigenze del pubblico interessato a fruire della cultura in ore libere da impegni professionali e familiari. Durante le aperture serali, saranno visitabili gli Appartamenti del Settecento e dell’Ottocento, la collezione “Terrae Motus” e la sezione permanente sui “Disegni & Modelli”.

Aperture fino alle ore 24 dal giovedì alla domenica e un biglietto annuale al costo di 15 Euro che consente l’accesso all’area archeologica di Paestum, al museo e a tutte le iniziative incluse nel biglietto regolare. Le aperture serali, finanziate grazie a un progetto del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo e della Regione Campania, andranno avanti fino all’11 settembre.

3A Firenze, invece, fino al 27 settembre 2016, la Direzione delle Gallerie degli Uffizi e il suo Dipartimento di Comunicazione Digitale, in collaborazione con Firenze Musei, organizzano una rassegna estiva dal titolo Uffizi live, un calendario di eventi di musica, teatro, danza e performance delle più diverse arti dello spettacolo, specificamente collegati – per tema o suggestione – alle opere d’arte presenti nel percorso espositivo della Galleria. “Tutti i martedì d’estate dalle 19 alle 22, nella suggestiva cornice degli Uffizi eccezionalmente aperti anche di sera – sottolinea il Direttore Eike Schmidt – con il normale biglietto di entrata del museo i visitatori avranno l’opportunità di godere non soltanto delle opere d’arte della collezione, ma anche di un ventaglio molto ampio di “altre” proposte artistiche, collegate in modi diversi e originali alle opere della Galleria; proposte che spaziano dai repertori e dai linguaggi espressivi più classici delle diverse arti performative fino a quelli più contemporanei, con un’attenzione particolare rivolta alle piccole realtà artistiche del territorio e ai giovani”.

Fino al 1° ottobre 2016,  una volta alla settimana, alternativamente, saranno straordinariamente aperti il Museo di Palazzo Reale dalle 19 alle 22 e la Galleria Nazionale di Palazzo Spinola, dalle 19.30 alle 22.30. Il personale specializzato del Museo guiderà il pubblico (alle ore 19.30 – 20.30 – 21.30 gruppi di massimo 30 persone) alla visita delle cucine storiche ottocentesche, approfondendo lo studio degli spazi, delle forniture, 2della servitù e degli strumenti necessari per la preparazione dei pasti nell’ambito della vita quotidiana di una famiglia aristocratica genovese all’inizio del XIX secolo; si salirà poi alla sala da pranzo del piano nobile dove verranno illustrate le modalità di apparecchiatura della tavola nei secoli, in particolare il passaggio dall’apparecchiatura “alla francese” a quella “alla russa”, da cui deriva il nostro modo di apparecchiare. Oltre al percorso tematico proposto per l’occasione, saranno visitabili i piani storici, esempio di dimora aristocratica genovese sei-settecentesca dove si possono ammirare, nella loro collocazione originale, gli arredi storici e opere di artisti quali Joos van Cleve, Anton van Dyck, Valerio Castello, Gio. Benedetto Castiglione detto il Grechetto, Luca Giordano, Domenico Piola, Bernardo Strozzi, nonché gli affreschi di Lazzaro Tavarone, Lorenzo De Ferrari e Sebastiano Galeotti straordinari ambienti come il ‘Salotto Galeotti’, la Galleria degli specchi e le cucine ottocentesche. La Galleria Nazionale della Liguria ospita numerosi acquisti effettuati dallo Stato Italiano nel corso degli ultimi decenni, tra cui il Ritratto equestre di Gio Carlo Doria di Pieter Paul Rubers, il Sacrificio di Isacco di Orazio Gentileschi, il Ritratto di Stefano Raggio di Joos van Cleve, l’Ascensione di Ludovico Brea. Negli stessi spazi sono conservati gli straordinari argenti colombiani da parata realizzati nel XVII secolo e l’Ecce Homo di Antonello da Messina.

A Napoli, fino al 29 settembre, saranno aperti il Museo Archeologico Nazionale, che apre le porte a tutti i visitatori dalle ore 20.00 alle 23.00, al prezzo di € 2,00, con visite guidate, concerti, manifestazioni e convegni, e il Museo archeologico nazionale di Napoli di giovedì, dalle 19.30 alle 22.30 (ultimo ingresso ore 21.30), con ingresso a € 1 4euro, aprendo al pubblico le sale dell’Appartamento Reale, la Collezione Farnese e le famose porcellane di Capodimonte. A Milano, invece, sempre fino al 29 settembre, potrete visitare ogni giovedì sera la Pinacoteca di Brera, aperta fino alle 22.15 con un biglietto di 2 euro a partire dalle 18.00 fino alla chiusura della biglietteria alle 21.40: un’occasione speciale non solo per ammirare nelle sere d’estate gli straordinari capolavori di uno dei musei più belli d’Italia, ma anche per scoprire il nuovo ri-allestimento delle sale della Pinacoteca. E a Modena? La Galleria Estense apre le sue porte con rappresentazioni teatrali, presentazioni di libri e dibattiti, con un biglietto di 4,00 euro.

Arriviamo a Torino: con l’iniziativa Reale di sera, tutti i giovedì sera, i Musei Reali di Torino (Palazzo Reale, Galleria Sabauda, Museo di Antichità e Giardini Reali) prolungano l’orario di apertura al pubblico fino alle 22, offrendo un ricco calendario di attività ed eventi. Concludo con Urbino: i giovedì sera della Galleria Nazionale delle Marche propongono rappresentazioni teatrali e l’apertura straordinaria del Torricino Nord, per la prima volta visitabile dal pubblico (Ingresso in gruppi di massimo 15 persone ogni 20 minuti, dalle 19.30 con ultimo ingresso alle 22.30).

Buona visita!

– Lidia Marino – 

Rispondi