Rubrica – L’organo gotico

1Quando pensiamo alla musica di stile gotico, qualsiasi sia l’epoca, il primo strumento che ci viene in mente è l’organo. Strumento principale del gotico classico, prevalentemente suonato per accompagnare le funzioni religiose nelle grandi cattedrali, viene ripreso anche oggi quando si vuole rappresentare uno spettacolo di stile gotico (come il musical The Phantom of the Opera, con la famosa frase di organo del suo Main theme) o il Goth Metal.

Questo accostamento tra gotico e organo a canne, è dovuto prevalentemente alla sacralità di questa architettura. Infatti, l’apoteosi dell’architettura gotica la possiamo trovare proprio negli edifici religiosi, come le famose cattedrali francesi. In questi edifici, veniva posto sempre un organo che serviva per accompagnare i canti religiosi.

L’architettura gotica, così cupa e piena di dettagli, si riversava anche su questi strumenti, che divenivano vere e proprie opere d’arte. Gli artisti giocavano molto sulla disposizione delle canne e sugli abbellimenti della tastiera e dell’invasione dell’organo nella struttura. Troviamo esempi di queste opere d’arte nella cattedrale di Notre-dame di Parigi e nella cattedrale di Chatres, anche se quest’ultima fu costruita nel XV 2secolo.

L’uso dell’organo nelle cattedrali gotiche era dovuto al suo suono. Infatti, la musica dell’organo è completa, con armonia e melodia che risuonano all’unisono. Il suono di questo strumento è solenne e grave, come l’architettura ed il pensiero gotico. Inoltre, il riverbero dovuto dalle ampie cattedrali gotiche che, spoglie, facevano riecheggiare il suono, amplificava questa solennità, dando, alla musica dell’organo una cupezza che risuonavano nell’animo dei fedeli.

Insomma, gotico e organo vanno spesso di pari passo, nella visione popolare della musica di questo periodo, tanto da essere riutilizzata quando si vuole riproporre il pensiero cupo di questo pensiero, che sia una rivisitazione classica o in chiave moderna.

– Giorgio Correnti –

Rispondi