Rubrica – Discografia ellenica

01Volete sentire musica tipica dell’Antica Grecia? Volete riempire l’abitacolo della vostra auto con suoni ellenici? Volete rendere l’atmosfera di casa vostra delicata con melodie dal sapore olimpico? Eccovi una piccola discografia dal quale attingere le musiche adatte: la discografia ellenica.

Il primo disco dal quale attingere è Musique de la Grece Antique, un album orchestrale del 1978 (riproposto in cd solo nel 2000) della Harmonia Mundi. Il disco è stato riprodotto seguendo gli studi di antropologi e musicologi che hanno ricercato i sentori ellenici negli strumenti antichi. È stato registrato da una piccola orchestra, una ensemble musicale chiamata Atrium Musicae de Madrid e diretta dal direttore d’orchestra italiano Gregorio Paniagua.

Sempre di stampo francese, ma più studiata e attinente al periodo greco classico, è Musiques de l’Antiquité Grecque, prodotto nel 1995. A suonare questa volta è 02un’ensemble dedita alla musica antica greca, chiamata Kerylos, che prende il nome da una località con una famosa villa posseduta da un ricco archeologo greco. A dirigere fu Annie Bélis, una archeologa, filologa, papirologa e musicista francese.

Più complesso è il progetto che ha portato a Melpomen – Ancient Greek Music for an Athenian Symposion of ca. 450 BC nel 2005. Questo progetto è stato suonato da un’ensemble composto ad hoc per il progetto e chiamato, per l’appunto, Melpomen. A ricostruire e comporre le musiche fu Conrad Steinmann, che diresse anche la piccola orchestra. Steinmann è un musicista e filologo amante della cultura antica e con molte composizioni di stampo storico alle spalle. Lui stesso ama ricostruire e provare gli strumenti antichi e questa esperienza lo portò a poter comporre questo bellissimo album.

Non mi resta che augurarvi un buon antico ascolto.

– Giorgio Correnti –

Rispondi