Romanzi ambientati in Croazia

Il nostro viaggio letterario oggi ci porta a conoscere alcuni romanzi ambientati in Croazia, terra dal fascino complesso che ha ispirato diversi autori. Inizierei da uno dei più famosi libri che vengono in mente quando si parla di questa terra, ovvero Il leone di Lissa. Viaggio in Dalmazia, uno scritto che segue l’autore in viaggio tra città e isole, e che al suo interno conserva storia, tradizioni e sapori di quelle terre e di quei mari, in modo suggestivo. C’è poi  (Fanculopensiero) di Cristian Maksim, pubblicato nel 2007 da Feltrinelli, che si basa tra Zagabria e Milano, seguendo la storia dell’autore che decide di cambiare totalmente vita, sentendo dentro di sé il bisogno di trasferirsi in Italia e sopravvivere con i pochi mezzi a disposizione.

Le ballate di Petrica Kerempuh di Miroslav Krleza (Einaudi, 2007), considerate un classico della poesia del ventesimo secolo, sono scritte negli anni Trenta in un croato arcaico e regalano uno sguardo alla società croata dal Cinquecento fino al primo Novecento, in un viaggio interessante. Vita fuori tempo di Ivan Dolinar, invece, è un romanzo tragicomico, incentrato su un uomo che riassume in sé la storia della sua terra. Ivan nasce a fine anni Quaranta in Croazia, al tempo di Tito e, a distanza di anni, viene coinvolto nella guerra tra serbi e croati e arruolato dai primi contro i suoi stessi compatrioti. Quando riesce a tornare nella sua terra, la troverà, ovviamente, cambiata nel profondo.

Se siete appassionati di storie d’amore, invece, in Croazia, nell’impero Austro-Ungarico, è anche ambientato il romanzo di Janko Leskovar, Castelli in rovina – Herrenhaus. Qui si parla della passione tra Pavao Petrovic e Ljudmila Borkovic, del fallimento della loro relazione, con il castello che fa da metafora alla caduta del sovrano di Dobrovac e del “vecchio mondo”. Senz’altro un classico della letteratura croata!

– Lidia Marino –

Rispondi