Oggi è il White Day in Giappone, la festa collegata a San Valentino

Oggi, 14 Marzo, ad un mese da San Valentino, si festeggia il White Day in Giappone. Di cosa si tratta? Ebbene, è usanza che il 14 Febbraio le ragazze regalino cioccolatini ai ragazzi che amano, come strumento di comunicazione non verbale. Se questi provano gli stessi sentimenti, possono ricambiare con un altro dono proprio oggi, durante il White Day. Di solito si tratta di qualcosa, per l’appunto, di bianco, dalla cioccolata a qualcosa di più impegnativo, purché sia più costoso: si usa infatti l’espressione sanbai gaeshi (三倍返し? “tre volte al ritorno”) per indicare che il regalo dell’uomo deve avere un valore doppio o triplo di quello della donna.

Come per il cioccolato di San Valentino, anche per il white day esistono tre categorie di doni: honmei-choko (“cioccolato del favorito”) che si consegna alla persona amata; tomo-choko (“cioccolato dell’amico”), regalato agli amici e giri choco (“cioccolato d’obbligo”), dato per convenzione sociale a colleghi e compagni. Vista la moda dei nostri giorni, sono certa che molti di voi staranno pensando: “oh Dio, un altro modo terribile per subire la Friendzone”. Ad ogni modo, nonostante il regalo non debba essere necessariamente dolce, le origini del White Day si collegano direttamente a questi: introdotto nel 1978 dal Zenkoku ame kashi kōgyō kyōdō kumiai (“Associazione nazionale delle industrie dolciarie”) come risposta al giorno di San Valentino, l’idea alla base rappresentava un’estensione sull’intero territorio nazionale del marshmallow day, inventato nel 1977 dalla Ishimura manseido, un’azienda confettiera di Fukuoka che il 14 marzo vendeva agli uomini confezioni regalo di marshmallow da usare come risposta al cioccolato del 14 febbraio.

Un’idea ancora più carina, dunque, potrebbe essere quella di cucinare con le vostre manine i deliziosi marshmallow, perciò vi lascio la ricetta, nel caso voleste testare le vostre abilità!
Ingredienti:
300 g di zucchero semolato; 160 ml di acqua fredda; 120 ml di acqua a temperatura ambiente; 6 fogli di colla di pesce; 3 cucchiai zucchero a velo; 2 cucchiai di maizena; 1 cucchiaio olio di semi; 1/2 stecca di vaniglia; colorante alimentare q.b..

Foderate una teglia rettangolare con della pellicola trasparente, ungendola con un pennellino imbevuto nell’olio di semi e lasciate da parte. Nei 160 ml di acqua fredda, immergete i fogli di colla di pesce. In un pentolino mettete i 120 ml di acqua con lo zucchero e la vaniglia e non mescolate fino a quando non sarà in ebollizione; poi miscelate gli ingredienti, fino a fare sciogliere per bene lo zucchero. Ora spegnete il fuoco e aggiungete i fogli di colla di pesce strizzati, mescolando per scioglierli. Versare poi il tutto in una planetaria aggiungendo da subito l’acqua di ammollo della colla di pesce. Lavorate per almeno 10 minuti con la frusta, fino ad ottenere un composto compatto e spumoso in grado di mantenere la forma. Mettete il composto nella teglia, livellatelo e copritelo interamente con il mix di zucchero a velo e maizena. Lasciare riposare in un luogo asciutto per una notte intera senza coprire. Tagliate i marshmallow della forma che preferite e lasciateli asciugare un altro giorno.

– Lidia Marino – 

Rispondi