Non solo classici – Il delitto di Lord Arthur Savile di Oscar Wilde

Lo vuoi? Clicca sull’immagine.

La rubrica Non solo classici oggi si arricchisce con un racconto di Oscar Wilde dal titolo Il delitto di Lord Arthur Savile.

Il racconto, pubblicato nel 1887, è ambientato a Londra e narra  la storia di Lord Arthur Savile, un giovane aristocratico, brillante e di grande dignità, che invitato in uno dei grandi ricevimenti a Bentink House organizzato da Lady Windermere, fa la conoscenza di un enigmatico chiromante: il signor Podgers che si cimenta nella propria arte, deliziando il pubblico e la padrona di casa.

Spinto dalla curiosità, Lord Arthur chiede al veggente personale di Lady Windermere la lettura della mano. Appena Arthur gli porge la mano il chiromante impallidisce mostrando un evidente turbamento che con il passare dei secondi si tramuta in terrore. Podgers in un primo momento non intende svelare la verità di ciò che ha visto ma messo alle strette cede alle pressioni del ragazzo e gli rivela che sarà l’autore di un tremendo omicidio.Savile, spaventato e confuso, fugge via dal ricevimento e vaga per la città cercando di metabolizzare l’atroce notizia.

Lord Arthur, in un primo momento paralizzato dalla previsione, capisce che a causa del suo spiccato senso del dovere dovrà scendere a patti con la realtà. Trincerandosi dietro al senso del dovere, il giovane decide di commettere un omicidio scegliendo con cura la sua vittima per cercare di evitare spiacevoli complicazioni.

Lo scrittore Oscar Wilde, anche in questo breve racconto, affronta la tematica della morale e rende il suo protagonista inerme davanti al proprio destino, un destino che sembra accettare senza poi tanti problemi. Infatti l’unico cruccio che sembra porsi è quello di capire come commettere l’assassinio prima del giorno delle proprie nozze.

Anche questa volta la penna di Wilde assume una connotazione affascinante per descrivere la noia e la fatuità di un’epoca in cui sembra prevalere solo il fascino dell’abisso.

Buona lettura e alla prossima.

– Giuseppina Serafina Marzocca –

 

Rispondi