My two cent n. 1 – Ritratti d’Artista

Bentornati, Fedeli Lettori! Quest’oggi inauguriamo una nuova rubrica. Una mini rubrica random. Funziona così: io leggo un libro e vi scrivo al volo cosa ne penso. Per iniziare ho pensato di recuperare intanto i primi libri letti in questo complesso 2021… ed è risultato che ad oggi (3 marzo) ne ho già letti 13! Abbiamo materiale a sufficienza per inaugurare questo nuovo spazio.

Se l’altro è un salotto letterario, questo sarà un tinello, una cosa minimal e informale, come uno scambio di opinioni tra amici: “Ehi, cosa leggi di bello in questi giorni?!
“Oh, io sto leggendo XYZ! E tu?”

Perciò poi datevi da fare nei commenti! Andiamo in ordine e parliamo del primo romanzo che ho letto quest’anno:

Della Vreeland avevo già letto “La ragazza con l’orecchino di perla” e “La ragazza in blu”, quindi andavo sul sicuro. Vi piace la storia dell’arte, ma vi annoia leggere i manuali? Nessun problema, la Vreeland vi trasporta nel tempo e nel luogo in cui l’opera d’arte prende vita, ve ne rende partecipi e vi costringe a pensare a quanta bellezza c’è nel mondo. I racconti presenti in questo volume sono belli da leggere singolarmente, ammalianti da leggere di seguito a formare un’unica grande storia.

Ve lo consiglio? Sì!

Quindi, buona lettura e alla prossima!

– Monia Guredda –

Rispondi