Mostre estive: 6 eventi da non perdere in Italia

Anche durante le vacanze estive c’è sempre tempo e voglia di concedersi un po’ di storia e cultura e il nostro Paese in questo non si smentisce mai. Vi fornisco, dunque, un assaggio di mostre estive che potete trovare tra Roma, Venezia, Firenze, Milano, Genova e Napoli: dall’arte moderna alla storia antica di Pompei, eccovi 6 eventi da non perdere in Italia.

1. Milano, Uomini come Cibo 

1

Max Mara, in collaborazione con la Collezione Maramotti presenta Uomini come Cibo, una mostra che condivide il lavoro dei bambini del gruppo Atelier dell’Errore, un laboratorio di Arti Visive progettato da Luca Santiago Mora per la Neuropsichiatria Infantile. Qui il tema di Expo Milano 2015 è capovolto: invece di essere l’uomo il protagonista che rende l’animale l’oggetto del suo appetito, è l’uomo stesso a divenire vittima del suo carnefice. Queste creature sono generalmente il risultato di paure personali dei bambini, ma trasformati in esseri positivi e non più da temere. La mostra sarà ospitata fino al 15 settembre 2015 in via Monte di Pietà 23, a Milano.

2. Venezia, Alchemia / Murale di Jackson Pollock

2

Fino al 14 settembre 2015, se avrete la possibilità di recarvi a Venezia, non perdetevi la mostra dedicata a Jackson Pollock, nel museo Collezione Peggy Guggenheim. Dedicata al suo capolavoro, Alchemia, che è stato oggetto di un lungo processo di pulizia delle superfici e riportato al suo antico splendore, svelerà allo spettatore l’esplosione dei colori ritrovati dopo questo lungo intervento, in una sorprendente riscoperta della celeberrima opera, che verrà eccezionalmente esposta senza teca protettiva in modo da offrire l’esatta lettura della sua complessa superficie tridimensionale. Fino al 16 novembre, invece, potrete ammirare anche la mostra Jackson Pollock Murale. Sarà infatti possibile vedere l’enorme opera che l’artista realizzò per l’appartamento newyorkese di Peggy Guggenheim, committente dell’opera, tra l’estate e l’autunno del 1943. Con i suoi sei metri di lunghezza, il Murale è l’opera più grande che Pollock abbia mai realizzato ed ha esercitato un impatto sull’arte americana dell’epoca, fino ad arrivare ai giorni nostri.

3. Genova, August Sander

3

Siete amanti della fotografia? Allora di certo conoscerete il grande August Sander, spesso considerato come uno dei più talentuosi esponenti della fotografia documentaria e ritrattistica. Al Palazzo Ducale fino al 23 agosto troverete una retrospettiva di questo artista, con oltre cento immagini selezionate, suddivise in diverse sezioni, che offrono una panoramica sulla sua intera e variegata produzione: dagli scatti della sua serie più famosa – Uomini del XX secolo – che offre uno spaccato della società del suo tempo, ai numerosi altri progetti che realizzò durante la sua vita. La sezione Uomini del XX secolo è suddivisa in sette sottosezioni che presentano varie categorie umane: I Contadini, Gli abili Commercianti, Le Donne, Classi sociali e Professioni, Gli Artisti, La Città, Gli Ultimi. “Chi guarda queste immagini nette, potenti, ne sarà illuminato più che da conferenze o teorie e imparerà molto su di sé e sugli altri”, scriveva Alfred Döblin.

4. Roma, David LaChapelle, Dopo il diluvio

4

Dopo più di quindici anni dalla sua ultima mostra al Palazzo delle Esposizioni, il grande fotografo e artista americano David LaChapelle è tornato con uno spettacolo che garantisce emozioni da lasciare a bocca aperta, con la presenza di oltre 150 opere in mostra, di cui alcune totalmente inedite, altre presentate per la prima volta in un museo e molte di grande formato. Sarà presente anche un corpus prodotto fra il 1995 e il 2005, con scene di ispirazione surrealista, basate su temi religiosi, citazioni di capolavori della storia dell’arte, ma soprattutto ritratti di celebrities del mondo della musica, del cinema, e della moda: “Nel mondo della moda sono sempre stato un outsider, ma facevo venire bene le persone, per questo ho fatto carriera”, ha raccontato l’artista. La mostra ospiterà una rassegna di filmati di backstage che documentano il complesso processo di realizzazione dei vari set e sarà visitabile fino al 13 settembre.

5. Napoli, Pompei E L’europa 1748 – 1943

5

Fino al 2 novembre potrete ammirare Pompei e l’Europa, 1748-1943, mostra che si snoda in un duplice itinerario: al Museo Archeologico Nazionale di Napoli e in contemporanea all’Anfiteatro di Pompei, affiancandosi per importanza e prestigio al programma di eventi previsti per Expo Milano 2015. Un evento che evoca la storia della città vesuviana, inesauribile fonte d’ispirazione, in un costante confronto tra il versante delle arti e quello degli scavi; un dialogo fra archeologi, storici dell’arte, dell’architettura e della letteratura, tutti chiamati a raccontare la vicenda della riscoperta di Pompei. La rassegna, dunque, si articola come un vero e proprio viaggio, grandioso e complesso, in cui l’antico dialoga con il moderno, la natura con le arti e l’archeologia.

6. Firenze, Dalí meets Dante

6

Fino al 27 settembre, la Galleria delle Carrozze di Palazzo Medici Riccardi, a Firenze, farà da cornice a Dalí meets Dante, mostra organizzata dalla Fondazione Ambrosiana, in occasione del 750° anniversario dalla nascita del Sommo Poeta. L’esposizione avrà come protagoniste più di cento opere di Dalì, che ha illustrato un viaggio attraverso Inferno, Purgatorio e Paradiso, reinterpretando il percorso dantesco in un’ottica psicoanalitica. Egli riesce a mantenere la sognante atmosfera presente nella scrittura di Dante, aggiungendo ad essa il suo inconfondibile tocco surrealista, fatto di figure molli, stampelle e ossa volanti. Il soprannaturale si fonde con un’esplorazione audace della spiritualità, andando a creare una versione unica de La Divina Commedia.

– Lidia Marino – 

 

Rispondi