Le puntate più tristi delle Comedy

State comodi sul vostro divano, pronti a guardare una puntata allegra e senza troppe pretese della vostra Comedy preferita ed ecco che quei bast**di degli autori se ne escono con un episodio così triste da dovervi fare annullare tutti gli appuntamenti programmati per dopo, perché emotivamente sfiniti e con la faccia reduce di un terremoto. Del resto, come ogni buona serie che si rispetti, le parti tristi saranno scritte magnificamente come le parti comiche e proprio per questo vi lasceranno spiazzati e devastati per un po’. Io in particolare alcune tra le puntate più tristi delle Comedy che andrò ad elencare non posso ancora vederle senza inondare casa mia, sul serio. Quindi preparate i fazzoletti e andiamo a rivederne qualcuna:

1. Friends – The Last One/The One Hundredth

Ok, come è normale che sia, dopo dieci stagioni, l’ultima puntata è forse quella che nessun fan potrà mai vedere senza piangere come una fontana. Gli addii, la chiusura dell’appartamento, i saluti tra i personaggi che tanto abbiamo amato, ma soprattutto le vere lacrime degli attori, che – lo sappiamo – stavano peggio di noi in quel momento! Ma vorrei citare anche un altro episodio, che ho trovato particolarmente toccante: nella quinta stagione, Phoebe partorisce i gemelli portati in grembo per permettere al fratello di avere dei figli, ma quando li guarda il pensiero di separarsi da loro diventa praticamente insostenibile e si accinge a salutarli, nel lettone dell’ospedale, in una scena che definire triste è proprio poco. “Se voi piangete…”

2. How I met your mother –  Last Words/Symphony of Illumination

Quando ho pensato agli episodi più tristi di questa splendida serie, mi sono venuti subito in mente questi due, quindi non è stato difficile sceglierli, sebbene non penso che sarei in grado di nominarne solo uno. In realtà nel viaggio di questi amici abbiamo avuto diversi momenti da lacrime, ma questi sono stati – per lo meno – quelli che hanno colpito maggiormente me. Nella sesta stagione, il padre di Marshall muore di attacco cardiaco, lasciando il figlio completamente sconvolto per la dipartita del genitore tanto amato, ma soprattutto lasciandolo privo di un “ultimo momento” da poter ricordare. In Last Words vediamo il funerale e la disperata sensazione di Marshall che le ultime parole proferite dal padre siano state futili, non importanti e che non potrà più avere un’altra opportunità. Per fortuna un messaggio in segreteria cambierà le carte in tavola, sebbene tutti sapessimo bene quanti i due fossero attaccati l’uno all’altro. La seconda puntata da me scelta è quella in cui Robin scopre di non poter avere figli. Una scoperta che la lascia sconvolta: lei, che aveva sempre rifiutata l’idea di fare la mamma, si trova spiazzata, perché ora è la natura stessa a dirle che non potrà mai esserlo. Ho trovato tristissimo inserire i due figli cresciuti e vederli scomparire poi quando ci viene spiegata la situazione… e, nonostante io non sia una fan della coppia Robin/Ted, la scena finale tra loro due rimane la mia preferita di tutta la serie.

3. Gilmore Girls – Bon Voyage

Ok, come ho già ribadito più volte, Gilmore Girls è la mia serie preferita in assoluto. La amo, la conosco a memoria e ho quasi perso la voce per le urla di festeggiamenti quando ho saputo che ci sarebbe stato un seguito, quindi capite bene che per me l’episodio più triste non poteva che essere… la fine! Molti non hanno apprezzato la settima stagione – scritta da altri autori – e senza dubbio pecca di freschezza rispetto alle altre – oltre ad avere una dose eccessivamente alta di Christophertiodio – ma trovo che l’ultima puntata sia stata invece perfetta per decretare l’ultimo capitolo della serie. Quale modo migliore per farci salutare tutti questi magnifici personaggi se non una festa che celebrasse l’inizio del successo lavorativo di Rory? Del resto, la storia si basa sui sacrifici fatti da lei e dalla madre perché avesse tutto quello che la sua carriera potesse offrirle ed ecco che il suo cammino inizia al meglio. Io lo trovo molto bello e la scena dei personaggi che salutano la piccoletta sotto la pioggia mi fa sentire realmente male tutte le volte. E poi, perdonatemi il carico di tristezza, abbiamo Emily dire a Richard e Lorelai “questa non è l’ultima volta che vi parlerete”, quando sappiamo che purtroppo non avremo il papà Gilmore nel sequel e quindi… beh, quindi quella è stata per noi effettivamente l’ultima volta. Sob.

4. Scrubs – My Screwup

Tutti avete pensato a questa puntata, quando avete letto anche solo il titolo dell’articolo, ammettetelo. Non che Scrubs sia privo di episodi tristi, eh? Anzi! Ma questo è senz’altro tra i più devastanti, forse anche per la natura allegra di Ben, o per il viaggio mentale effettuato da Cox, pur di non accettare la dura realtà. Io personalmente lo trovo alla pari solo della morte di Laverne, ma quest’ultima forse la viviamo un po’ meglio perché lei torna, pur se nei panni della “Nuova Laverne”.Di certo possiamo considerare un grande pacchetto questo episodio con quello dopo – My Tormented Mentor -, dove Cox si rende conto finalmente di aver pensato solo a se stesso e non a Jordan – che ha perso il fratello – e si avvicina a lei in modo molto dolce alla fine della puntata. Una doppietta da doccia lacrimogena, insomma.

5. The Big Bang Theory – The Comic Book Store Regeneration

Ovviamente ci sono diversi momenti da lacrime anche in The Big Bang Theory, ma per lo più si tratta di scene commoventi, magari anche di pianti di gioia o di tenerezza, ma difficilmente di tristezza vera e propria. Qui, invece, parliamo della morte della madre di Howard e quindi capite bene quanto difficile sia stato vedere l’episodio. Personalmente ho trovato devastante la reazione di Sheldon: è facile ridere di questo personaggio così disadattato, così poco incline a comprendere i sentimenti degli altri, ma quando si tratta di momenti seri, sa sempre cosa dire e questo ci lascia senza parole. Non vi ricordate? Ebbene, Sheldon dice ad Howard che quando il padre è morto non ha avuto persone che gli sono state accanto, mentre lui può contare su di lui e su tanti amici che gli staranno accanto in quel duro momento. Bellissimo.

6. Sex and the city – One5

Anche in questo caso gli episodi tristi di certo non mancano, così come i lacrimoni spesi anche per i pezzi semplicemente commoventi (oh, io le scene a Parigi ancora non riesco a guardarle senza fazzoletti), ma un momento che a me piace ricordare come triste, ma estremamente delicato e meraviglioso è quello in cui Charlotte deve fare i conti con un terribile aborto spontaneo. La mamma per eccellenza del gruppo, quella sempre proiettata verso il sogno di essere felice con un uomo accanto e con un bambino in braccio, è – quasi per scherzo del destino – l’unica a non riuscire ad averne uno. Quando Miranda rimane incinta, lei non la prende tanto bene e invece in questo episodio si fa forza, emerge dalla propria depressione e festeggia anche il compleanno del piccolo – per il quale è un po’ come una zia – con un sorriso sul volto. Un bellissimo episodio, davvero. Io sono un po’ di parte, forse: amo follemente Charlotte.

Me ne sono venuti in mente altri anche di Will and Grace o di 2 Broke Girls, ma stavo diventando troppo triste e ho pensato di risparmiare anche voi! Ne avete ricordato qualcuno? Scrivetemelo nei commenti!

– Lidia Marino – 

2 pensieri su “Le puntate più tristi delle Comedy

  1. Nella completa tristezza, ricordo le puntate del cane e del nipote di Fry in Futurama come traumi al pari della morte di Ben in Scrubs. E io adoro Scrubs!

Rispondi