Le 5 curiosità sulle star: Chris Pratt

Avete già visto il suo bel faccino al Cinema, precisamente come protagonista dei due film campioni di incassi Guardiani della Galassia e Jurassic World, ma questo attore è in giro da parecchio tempo e, anche se forse non lo avete riconosciuto, ha fatto parte anche di diverse serie tv, tra le quali Everwood e qualche puntata di The O.C. Ma andiamo a conoscere meglio Chris Pratt!

1. Chris a scuola. 1

Prima di essere attore, era un atleta. Cresciuto nella città di Lake Stevens, a Washington, Pratt era il tipo di ragazzo che sa sempre come farsi notare in un gruppo. Era terzino per la squadra di football, allenato costantemente, nonché un qualificato wrestler. Gli amici lo ricordano come umile e così ben voluto che lo hanno scelto per il discorso per la consegna di laurea. Pratt è ancora molto attivo nell’ambito didattico: dalla sua laurea ha prodotto e narrato un documentario per la squadra di wrestling di successo della sua scuola. Questo documentario è andato a anteprima al festival del cinema di ESPN , e più tardi su MTV True.

2. Chris e le Hawaii2

Potreste pensare che abbia iniziato la propria carriera ad Hollywood, come molti, e invece il diventare attore non rientrava tra i desideri di Chris. In un momento di crisi, un suo amico gli regalò un biglietto per andare alla Hawaii a cercare lavoro facile e il ragazzo partì, vivendo per tanto tempo nella sua auto, sperando di trovare una strada per il proprio futuro. Tutto questo fino a quando, in un ristorante chiamato Bubba Gump, ha conosciuto un’attrice, figlia di Tommy Chong, che lo ha preso in simpatia e l’ha presentato al suo assistente. Quest’ultimo ha offerto al giovane Pratt un ruolo nel suo debutto da regista nel film Cursed Part Three ed ecco che la vita è cambiata drasticamente. Si è trasferito ad Hollywood in appena un paio di giorni: la pellicola non si trova perché fu un fiasco più che totale, ma ha avuto il merito di iniziare Chris a questa carriera.

3. Chris e la musica. 3

Lo avrete sentito cantare e suonare la chitarra nella serie Parks and Recreation e chi può dimenticare la sua performance di Cucurrucucú paloma in The Five-Year Engagement? Eppure, nonostante questo, Pratt non parla mai della sua musica, se non in qualche intervista, dove ha raccontato di aver fondato uno studio di registrazione, dove ogni tanto va con la sua chitarra, ma non sembra avere nessuna intenzione di lasciare tracce delle sue performance, sebbene molti fan pagherebbero per ascoltarle. Che sia per timidezza o per mancanza di tempo non c’è dato saperlo!

4. Curiosità Random.4

Lui e sua moglie collezionavano insetti già da tempo e quando si sono uniti in matrimonio hanno unito le rispettive collezioni. Il suo libro preferito da ragazzino era Where the Red Fern Grows, mentre da grande ha amato la saga The Century Trilogy di Ken Follett. Il suo muppet preferito è Fozzie Bear e il suo momento più imbarazzante risale alla sua carriera da cameriere, quando sporcò di vino l’assistente del senatore. Gli piace molto il football e il caffè nero, dorme circa sei ore a notte, il suo primo animale domestico è stato un cane di nome Spike e il suo soprannome è Monkeyboy. I suoi eroi preferiti sono Peter Quill – aka Star Lord – e the Punisher.

5. Perdita di peso. 5

In una intervista alla rivista salutista Men’s Health Uk, Pratt ha raccontato il suo percorso, da quando ha interpretato il grassoccio Andy Dwier nella serie già nominata Parks and Recreations, che lo ha aiutato molto ad emergere, ma che non gli ha permesso – con lo stesso fisico – di sfondare nel cinema. “Continuavo ad andare avanti e indietro. Ho perso peso per L’arte di vincere, poi sono ingrassato di nuovo, quindi sono calato per Zero Dark Thirty, e ancora ho ripreso tutti quei chili per interpretare Andy”, racconta, “È stato allora che mi sono visto in Zero Dark Thirty e subito mi sono detto che dovevo rimettermi in forma, che non volevo essere mai più grasso. Mi sentivo impotente, affaticato, emotivamente depresso. Ho avuto a che fare con veri problemi di salute che mi stavano provocando seri danni. È una cosa che fa male al cuore, alla pelle, al fisico, allo spirito”.

– Lidia Marino – 

 

Rispondi