Jazz italiano per Amatrice e per gli altri territori colpiti dal sisma

1“Il Jazz Italiano per l’Aquila”, iniziativa promossa per il secondo anno consecutivo dal Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo e realizzato dall’ Associazione I-Jazz e da MIDJ Musicisti italiani di Jazz e Casa del Jazz, diventa per questa edizione, in seguito a quanto avvenuto nei territori italiani di recente,“Il Jazz Italiano per Amatrice e per gli altri territori colpiti dal sisma”. Domenica 4 settembre si terranno due grandi eventi e numerosi concerti caratterizzeranno la giornata: a Roma, dalla mattina al tardo pomeriggio alla Casa del Jazz, e in serata a L’Aquila nel piazzale adiacente la Basilica di Santa Maria di Collemaggio. Inoltre, buona parte dei 20 palchi di solito presenti a L’Aquila troveranno ospitalità in altre città italiane: a Milano, Torino, Napoli, Novara, Parma, Catania, Courmayeur, Pisa, Cantalupo in Sabina (RI), Barga, Empoli, Fano, Lecce, Nuoro e S. Anna Arresi, Lampedusa e molte altre che si stanno aggiungendo in queste ore.

Questa meravigliosa iniziativa coinvolgerà oltre 700 artisti, impegnati in circa 110 concerti, distribuiti nel centro storico del capoluogo abruzzese, dove l’evento si è tenuto per la prima volta lo scorso anno, con la presenza di circa 60.000 persone. Una grande giornata di solidarietà musicale, con la presenza di alcuni tra i più rappresentativi musicisti italiani che si esibiranno a titolo gratuito e dove per il pubblico è previsto un contributo spontaneo di solidarietà. Prevista, inoltre, l’attivazione di una campagna di crowdfunding nazionale e di un sms solidale per raccogliere fondi destinati al restauro e alla riapertura del Cinema Teatro Comunale “Giuseppe Garibaldi” di Amatrice, luogo simbolo della cultura e della ricostruzione del tessuto sociale di uno dei centri storici distrutti dal sisma. Un buon modo per aiutare in questo momento di tragedia, trovando un punto di raccoglimento nella bellezza del mondo dell’arte. L’intera giornata sarà seguita dalla Rai Tv, dai canali Radio Rai e raccontato anche con uno speciale di Rai Cultura.

Stasera, inoltre, il comitato organizzatore ha confermato dei convegni, che prevedono la partecipazione di esponenti del mondo politico, culturale, economico e della ricerca e il coinvolgimento di importanti realtà che si occupano di difesa e valorizzazione del territorio come Federparchi, FAI e Unesco Giovani. In questa occasione sarà donato un pianoforte a coda al Conservatorio Alfredo Casella dell’Aquila, acquistato grazie alle generose donazioni della campagna di crowdfunding “Un pianoforte per l’Aquila”, che ha raccolto e diffuso il progetto dei tre pianoforti ideato da Claudio Filippini Giovanni Guidi e Mirko Signorile. Un secondo pianoforte sarà donato da SIAE, main sponsor della manifestazione e si stanno pianificando ulteriori forme di solidarietà, con un’attenzione particolare per le nuove generazioni attraverso laboratori di musica destinati ai bambini di età prescolare. Quando le iniziative sono di questo tipo, non possiamo che celebrarle.

– Lidia Marino – 

Rispondi