I 5 falsi storici sui Pianisti

Eccoci al primo appuntamento con questa nuova rubrica musicale. Oggi vedremo 5 cose che dovreste sapere e che probabilmente saprete sui pianisti, ma che non sono vere. Iniziamo subito con i 5 falsi storici sui Pianisti.

Piano 011. ESSERE PIANISTI VUOL DIRE ESSERE GAY

Nell’immaginario collettivo, il pianista è un fascinoso suonatore, spesso collegato ad un grado di nobile… e questo ha portato a pensare che la maggior parte dei pianisti sia omosessuale. Sì, è vero che tra i pianisti più famosi abbiamo Elton John e Freddie Mercury, ma l’equazione “Pianista = gay” non è puramente vera.
Abbiamo anche molti casi di pianisti notoriamente etero, tra cui lo stesso Agente 007 o Spike Edney (il quinto dei Queen) o anche Giovanni Allevi… ma forse avevamo detto affascinanti.

Piano 022. PIANO E TASTIERA SONO LA STESSA COSA

Sì, si suonano uguali, ma tastiera e pianoforte hanno due concezioni diverse. Principalmente la differenza è sullo studio del suono, molto classico quello del pianoforte, molto più complesso (anche se meno affascinante) quello della tastiera. Perché meno affascinante? Beh, sentire suonare un pezzo di pianoforte con la tastiera, non uguaglierà mai il sentire i martelletti colpire le corde in un pianoforte reale.

Piano 033. IL PIANO FORSE È LO STRUMENTO PIÙ COMPLESSO

Questo è vero. Infatti, tra tutti gli strumenti, il pianoforte è l’unico a poter dare una completezza armonica e melodica anche se suonato da solo. Poi, con i suoni e le varie programmazioni che si possono mettere ad una tastiera, ha raggiunto anche una completezza di sonorità.
È, però, luogo comune pensare che un pianista sia già predisposto per suonare gli altri strumenti. Ciò è vero in parte: infatti il pianista avrà una conoscenza melodica e armonica tale da essere pronto a qualsiasi situazione, ma suonare un violino o una batteria, non sono veramente la stessa cosa.

Piano 044. SUONARE I TASTI NERI È PIÙ DIFFICILE

Questa è una cosa – divertente –  che molti di quelli che iniziano ad approcciarsi al pianoforte, pensano. Soprattutto se non hanno dimestichezza con la musica in generale. Ovviamente, non è affatto vera: i tasti neri non sono altro che i diesis o i bemolle delle note classiche e non sono più difficili da suonare dei tasti bianchi.

Piano 055. I PIANISTI/TASTIERISTI SANNO SUONARE SOLO CON LE MANI

Anche questo non è vero, seppure l’utilizzo dei piedi per un pianista non si possa paragonare a quello di un batterista. Ogni pianoforte ha ben 3 pedali: uno serve per mettere in sordina la musica, che ne uscirà più ovattata; un altro crea il cosiddetto “chorus”, ovvero il suono di un tasto che continuerà a risuonare anche quando il pianista avrà smesso di pigiarlo; il terzo è un’altra sordina, che renderà il suono delle corde più secco, interrompendolo subito.
Ovviamente le tastiere non hanno questi pedali, soprattutto perché, per mettere in sordina la musica, basterà abbassare il volume. Ci sono molti, però, che utilizzano il pedale del chorus, che può essere attaccato ed utilizzato a piacimento.

Vi sentite stravolti da questi miti sfatati? State pronti, la settimana prossima parleremo dei Chitarristi!

– Giorgio Correnti –

Rispondi