Giovani promesse: Stranger Things

Finora abbiamo parlato di singoli attori lanciati da pochi anni nell’industria cinetelevisiva soprattutto attraverso pellicole horror, tuttavia ci sono prodotti che hanno come protagonisti molte giovani promesse, e allora perché non analizzare direttamente il cast di un’intera serie televisiva? Stranger Things fa proprio al caso nostro.

La storia inizia quando quattro ragazzini si incontrano per la loro consueta sessione di Dungeon & Masters, subito prima che uno di loro, Will, scompaia nel nulla. Mike è interpretato da Finn Wolfhard, noto agli amanti dell’onnipresente horror per il remake di It; prima di Stranger Things, era apparso in un episodio di The 100 e in uno di Supernatural, ma è al cinema che si sta dedicando attualmente con due titoli promettenti: The Turning, adattamento de Il giro di vite di Henry James, e Ghostbusters: Legacy, accanto alla nostra “vecchia” conoscenza Mckenna Grace. Gaten Materazzo, interprete dell’amatissimo Dustin, si sta concentrando invece su Prank Encounters, mentre Caleb McLaughlin (Lucas) è approdato ora su Netflix con un altro adattamento cinematografico, Concrete Cowboys, dove recita insieme a Idris Elba. E il povero, scomparso Will? Noah Schnapp, che ha esordito nel 2015 ne Il ponte delle spie di Steven Spielberg, è tornato ai lungometraggi con la commedia Hubie Halloween.

La giovane promessa più nota è, però, la piccola “Undi”, Millie Bobby Brown, che a seguito del suo ruolo in Stranger Things continua a ricevere numerose offerte di lavoro anche come protagonista: è il caso di Enola Holmes, film dedicato alla minore dei fratelli Holmes e tratto dalla saga di Nancy Springer, The Enola Holmes Mysteries, dove ha recitato al fianco di attori del calibro di Helena Bonham Carter, Henry Cavill e Sam Claflin. Dal 2019 è inoltre entrata nella saga dedicata a Godzilla e come i suoi colleghi continua ad apparire in numerosi videoclip musicali. Non dimentichiamo però una ragazza che recita con lei dalla seconda stagione della serie, la “Mad Max” Sadie Sink, che è possibile trovare nell’horror (ovviamente) Eli del 2019 e nella serie American Odyssey.

Più grandi, ma ugualmente degni di considerazione, sono il già citato Charlie Heaton (Jonathan) e la sua amata come nella vita Natalia Dyer (Nancy), che ha recitato nel film di prossima uscita L’apparenza delle cose con Amanda Seyfried. Ricordiamo anche del grande amico di Dustin, il mitico Steve (Joe Kerry), che per il 2020 ha recitato in ben tre prodotti, tra cui Free Guy di Shawn Levy. Figlia d’arte è l’amica e collega Robin, Maya Hawke, che con genitori come Uma Thurman ed Ethan Hawke non poteva che seguire le loro orme (per esempio come Jo March nella miniserie Piccole donne con Angela Lansbury), né essere dimenticata da Quentin Tarantino, per il quale la madre è stata una vera musa ispiratrice e che l’ha inserita nel cast di C’era una volta… a Hollywood come Linda Kasabian. È giusto citare anche Dacre Montgomery, che ha fatto un ottimo lavoro con l’antipatico fratello di Max, Billy, e che ha prestato il volto al Power Ranger rosso nel remake del 2017.

Potremmo concludere qua, ma mi pare doveroso citare due grandi promesse di un tempo: Winona Ryder e Sean Astin, che dovreste riconoscere solo dai nomi.

Al prossimo appuntamento fra due settimane!

– Sara Carucci –

Rispondi