Cene a tema: Fiori

Avete in mente una festa a tema Hippy? Oppure vi piacciono i fiori e volete festeggiarli? Ecco una delle nostre cene a tema interamente dedicata ai nostri amici fiori.

Antipasto: Fiori di Zucca Fritti

1Ingredienti:
12 Fiori di Zucca
1 Tuorlo
100 gr. di Farina bianca
20gr. di Farina di Riso
Mozzarella e Prosciutto cotto q.b.
Sale q.b.
Olio per friggere

Sbattiamo il tuorlo con dell’acqua gasata e fredda ed un pizzico di sale. Aggiungiamo pian piano le due farine cercando di creare un impasto omogeneo. Lavate e pulite i fiori di zucca ed apriteli leggermente. Inseriteci dentro un pezzo di mozzarella e un pezzo di prosciutto cotto (in alternativa, la ricetta più famosa utilizza le acciughe, ma non a tutti piacciono). Passate il fiore ripieno nella pastella e poi friggetelo in olio bollente. Scolate e salate.

Primo piatto: Tagliatelle ai Petali di Rosa

2Ingredienti:
250 gr. di Tagliatelle all’uovo
2 Rose (preferibilmente rosse)
150 gr. di Prosciutto cotto magro
0,5 gr. di Noce moscata grattata
150 gr. di Panna fresca liquida
40 gr. di Scalogno
Olio, sale e pepe bianco q.b.

Tritate lo scalogno e versatelo in un tegame insieme ad un goccio d’olio d’oliva e lasciatelo appassire a fiamma bassa, mescolando. Tagliate il prosciutto cotto a cubetti e tenetene 50 gr da parte per la guarnizione. Il resto del prosciutto cotto unitelo all’olio e lo scalogno. Lasciate soffriggere a fiamma viva, finchP non si colorano, poi aggiungete la panna liquida e la noce moscata. Aggiustate di sale e pepe e spegnete. Con un frullatore ad immersione, frullate il tutto finché non otterrete una crema liscia ed omogenea.
Mettete l’acqua sul fuoco e portatela ad ebollizione. Dopo aver salato, calate la pasta. Staccate delicatamente i petali delle rose e puliteli con un panno umido. Dopodiché, tagliateli a listarelle sottili. Scolate la pasta al dente e unitela al condimento cremoso. Dopo aver mescolato, aggiungete il prosciutto cotto messo da parte e le listarelle di petali di rose, senza mescolare ulteriormente.

Secondo piatto: Mini pizza margherita

3Ingredienti:
1 pacco di Pasta per focaccia
Salsa di pomodoro
Mozzarella (o altro formaggio filante)
Basilico

Stendete la pasta per focaccia. Con l’ausilio di un bicchiere, create dei piccoli cerchi di pasta tutti uguali e disponeteli si una teglia con carta da forno. Condite ogni disco di focaccia con un cucchiaio di salsa di pomodoro e metteteci sopra un po’ di mozzarella (o di formaggio filante) a pezzi. Aggiustate con sale ed olio ed infornate per 10/15 minuti a 200 gradi. Controllate comunque la cottura frequentemente. Guarnite con una foglia di basilico su ogni disco di pizza.

Contorno: Insalata di malva

4Ingredienti:
Fiori di malva
1 Busta di insalata mista
1 Arancia

Lavate bene foglie e fiori di malva e tagliuzzatele finemente. In una ciotola, versateci la busta di insalata e la malva. Condite con olio, aceto e sale. Aggiungete dei pezzi di arancia.

Dolce: Rose del deserto

5Ingredienti:
200 gr. di Farina
50 gr. di Fecola di patate
200 gr. di Burro ammorbidito
150 gr. di Zucchero
200 gr. di Uvetta
2 uova
1 bustina di Lievito per dolci
1 bustina di Vanillina
1 bustina di Pinoli
1 confezione di Corn Flakes

In una ciotola, mettete burrozucchero e montate il composto con delle fruste elettriche. Incorporate le uova e montate. Poco alla volta, unite la farina mescolata alla fecola, alla vanillina ed al lievito, continuando a mescolare. In ultimo aggiungete uvettapinoli. Mettete i corn flakes in un piatto, fate delle palline con il composto e passatele sopra ai corn flakes stessi. Mettete queste palline su una teglia ricoperta di carta forno, non molto vicini, perché in cottura si gonfieranno. Infornate per 180 gradi per circa 20 minuti.

Cocktail: Mimosa

6Ingredienti:
75 ml. di Spumante brut
75 ml. di Arance spremute

Ovviamente, vi consiglio di comprare delle arance fresche di sicilia e di spremerle voi stessi, piuttosto che comprare del succo di arancia. Fate attenzione che le dosi siano pari sia di spumante che di succo d’arancia. Guarnite il bicchiere con una fetta di arancia.

– Giorgio Correnti –

Rispondi