Amused to Death di Roger Waters uscirà a luglio in versione rimasterizzata

rogerAmused to Death di Roger Waters uscirà a luglio in versione rimasterizzata: l’ex membro dei Pink Floyd ha infatti annunciato ufficialmente che il suo terzo album solista uscirà il 24 luglio in vari formati tra i quali CD, DVD, Blu-ray ed un’edizione in doppio LP.

Il cantante e bassista ha dichiarato: “Sono molto contento che pubblichino nuovamente Amused to Death, dal momento che non ricevette l’attenzione che meritava quando uscì, ventitré anni fa”.
L’album muove una profonda critica alla società degli schermi, piccoli e grandi, e l’indiscutibile attualità di questo tema porta l’artista ad affermare che “purtroppo, molte delle cose che avevo da dire allora sono tuttora, se non ancora di più, attuali”.

La società descritta in Amused to Death – che trae ispirazione per il titolo dall’omonimo libro di Neil Postman – è completamente catturata dalla televisione, totalmente estranea a qualsiasi forma di empatia tra individui, interamente omologata al concetto di “massa” assuefatta a spettacoli di pura violenza ed insofferente al dolore raccontato tramite le immagini di uno schermo.

I temi dell‘insensibilità alle sofferenze della guerra (tematica particolarmente vicina a Waters, che nella Seconda Guerra Mondiale perse il padre), dell’indifferenza e della totale accettazione passiva della realtà da parte degli individui emergono e prendono forma, impersonati da scimmie che distrattamente cambiano canale.
La storia raccontata da questo concept album è quella di uno scontro tra umanità e tecnologia, in un braccio di ferro per capire chi dei due domina l’altro: racconta Waters stesso che il messaggio del quale l’album è intriso è che “siamo umani, non ingranaggi di una macchina”.

In occasione dell’uscita di questa nuova edizione Amused to Death si presenterà in una veste grafica rinnovata, con una cover firmata Sean Evans, direttore artistico del tour The Wall Live.
La riedizione presenterà inoltre alcune aggiunte in fase di missaggio ed un nuovo remix in surround 5.1, per un’immersione totale: il disco è stato reimmaginato anche alla luce di quanto di nuovo è stato introdotto in termini di percezione spaziale del suono.

Roger Waters si è detto molto soddisfatto dell’attenzione rivolta all’aspetto tecnico della produzione di questa riedizione, in particolare per la presenza della distribuzione su vinile: un pubblico sempre più numeroso ricerca l’alta fedeltà e quest’opera merita sicuramente di essere ascoltata con particolare attenzione.

– Marco Cavinato –

Rispondi