5 consigli musicali per l’estate

La voglia di riposarsi dopo mesi di lavoro è forte, ma cosa fare con questo caldo opprimente? Mettere un paio di cuffie nelle orecchie sembra la soluzione ideale, e allora come non assecondarla con 5 consigli musicali per l’estate?

1) Scoprite la vostra stazione radio preferita
radio1

Stanchi della solita musica? Avete dimenticato per la terza volta di caricare nuove canzoni sul vostro cellulare e siete rimasti con le solite venti, che ascoltate a ripetizione nonostante vi abbiano dato ormai a noia?

Accendete la vostra radio: provatene un paio, concentrandovi su quelle che prendono meglio dove vi trovate più spesso, su quelle che “passano” il vostro genere preferito, su quelle che hanno i nomi più originali (Radio Dolcissima, Radio 883, Radio Pane Burro e Marmellata…). Oltre alle canzoni del momento, potrete scoprire successi del passato a voi ancora ignoti, oltre a seguire le rubriche tra una hit e l’altra. Un altro aspetto positivo è che molte radio nazionali si possono ascoltare anche sul web o tramite tv, per non parlare dei viaggi in macchina che, quando ci si dimenticano i CD, rischiano di minare la vostra sopportazione già provata!

2) Recatevi a festival e concerti gratuiti

festival-exit

Che in estate ci sia una grande concentrazione di concerti è risaputo, ma quanti di voi erano al corrente di trovarne molti gratis? Stiamo parlando anche di cantanti e band che, durante il resto dell’anno, potete ascoltare solo dopo aver pagato il prezzo del biglietto; accade diversamente nei mesi estivi, nei quali avrete anche più tempo per seguire i vostri idoli – o per conoscere gruppi emergenti.

Potete partecipare anche a festival musicali gratuiti o a basso costo, come il Beat (Empoli) o l’Vrban Ecofestival (Prato), solo per citarne un paio che si terranno in città; lanciatevi anche sui festival di paese, con il passare degli anni sempre più a tema rock e pronti ad accogliere le novità da tutta Italia. Live nei vostri locali preferiti o in quelli dove avreste sempre voluto andare? Godetevi una bella serata musicale al prezzo di una birra.

 

3) Curiosate negli armadi dei vostri genitori
fiera-di-sinigaglia

In molti hanno in casa un giradischi o un buon vecchio stereo. La generazione del 2000 non si sarà trovata a usarli spesso, per cui è arrivato il momento di riportare in auge la moda del passato: ascoltate la musica… direttamente dai loro supporti fisici! Scoprirete che avrà tutto un altro sapore – soprattutto se i suddetti 33 giri si interromperanno nel bel mezzo di una strofa.

Nelle collezioni dei vostri genitori potreste trovare LP dei classici del Novecento italiano, come Renato Zero, Mia Martini e Vasco Rossi, icone che li hanno accompagnati quando avevano la vostra età (come dimenticare Donna Summers?), ma anche quei gruppi rock e punk che, per un motivo o un altro, non vi eravate ancora decisi ad ascoltare: Queen, Led Zeppelin, Nirvana, Genesis, Sex Pistols…

4) Cedete al mondo dei musical
el-fantasma-de-la-opera

O perlomeno apritevi a esso per qualche ora.

Quante volte avete sentito parlare de Les Misérables, Notre Dame de Paris, Il Fantasma dell’Opera, Aquarius e Rent? Non avete proprio voluto vederli, perché Grease vi aveva annoiato, per non parlare di Sweeny Todd che, no, eravate proprio sicuri che fosse un film normale. Basta con questi preconcetti! Munitevi delle canzoni di un musical a vostra scelta e mettetevi le cuffie nelle orecchie: lasciatevi trascinare dalla storia, seguite le sorti dei protagonisti e piangete, piangete, piangete.

Nel caso il vostro inglese sia carente e fra i musical italiani non ce ne sia uno che soddisfi le vostre richieste, potete gustarvi uno spettacolo “interamente”.

5) Comprate un biglietto per l’Arena di Verona

Watching Aida in the open-air Arena

I musical vi piacciono, ma ne siete sazi? Avete voglia di scoprire qualcosa di nuovo, che non avevate mai visto o ascoltato prima? L’opera potrebbe fare per voi.
L’Arena di Verona attira ogni anno centinaia di spettatori, con il suo programma che tiene impegnata tutta l’estate. C’è una vasta scelta: Il Barbiere di Siviglia, Tosca, Nabucco, Aida, Don Giovanni… Ce n’è per tutti i gusti!

Se non avete mai dato una possibilità all’opera, perché non farlo ora? Soprattutto se siete stanchi delle hit estive che vi rimbombano nelle orecchie, in spiaggia, in auto e perfino al lavoro. L’opera, come i musical, è perfetta per chi ama lasciarsi sedurre dalla musica e dai gesti, dalla scenografia, dalle storie che tengono con il fiato sospeso fino alla fine.

Appuntamento alla prossima settimana con… cinque consigli gastronomici!

 

– Sara Carucci –

Rispondi