10 traumatiche morti delle serie tv nell’ultimo anno

Immancabilmente, arriva il momento in cui le serie ci sputano addosso montagne di dolore. Quali sono, secondo la rabbia e l’incredulità dei fan, le 10 traumatiche morti delle serie tv nell’ultimo anno? In questa lista non sarà presente Grey’s Anatomy perché ne avevamo già parlato nella lista delle 10 canzoni heartbreaker, ma non è stato difficile trovare altri personaggi da ricordare con nostalgia.

(ATTENZIONE! Dato il tema dell’articolo, è opportuno precisare la presenza di pesanti SPOILER delle seguenti serie tv: Doctor Who, Forever, Game of Thrones, How To Get Away With Murder, iZombie, Poldark, Supernatural, The 100, The Casual Vacancy, Vikings)

 10) Julia Poldark (Poldark)
27EF2B5400000578-3056244-Ill_Ross_and_Demelza_s_baby_girl_Julia_becomes_seriously_ill_and-a-12_1430067367639

Ci abbiamo sperato. Abbiamo pensato che qualcosa potesse andare finalmente bene ai poveri coniugi Poldark, che Ross avrebbe perdonato sua moglie e gli affari sarebbero cominciati ad andare a gonfie vele; tuttavia, non appena la bella Demelza è entrata nella casa dei cognati malati, riuscendo a salvare perfino il nipotino, abbiamo capito che non poteva succedere.

Presto Demelza ha dato segni della stessa malattia, ma quel che è peggio è che l’ha attaccata alla figlia. Qual è stato il momento peggiore? Quando Ross ha saputo che Julia non ce l’aveva fatta o quando Demelza, ripresasi dopo giorni sul filo del rasoio, ha scoperto la sorte della bambina? O quando, dopo averle detto insieme addio, Ross è stato arrestato in un potente cliffhanger finale?

9) Abigail Morgan (Forever)

FOREVER - "The King of Columbus Circle" - What appears to be the dead body of an ordinary old man, turns out to be of royal lineage with an unusual connection to Henry. A familiar scar and radioactive poison point Henry and Jo to the man being an assassinated king in exile. Moreover, a half century earlier, Henry remembers performing an emergency, life-saving operation on a boy while on his honeymoon with Abigail. The boy turned out to be a prince of a tiny crumbling kingdom. Life came full circle as the boy grew up to be a king -- and now, the murder victim lying in Henry's morgue. The mystery deepens when other members of this royal family are poisoned and it is revealed that the king has an heir. Meanwhile, Abe continues to investigate his roots and discovers something amazing about his bloodline, on "Forever," TUESDAY, FEBRUARY 10 (10:00-11:00 p.m., ET), on the ABC Television Network. (ABC/Patrick Harbron) MACKENZIE MAUZY, IOAN GRUFFUDD

Che Abigail fosse deceduta era chiaro al pubblico come al suo immortale marito: il loro figlio adottivo era già anziano, difficile che la donna non fosse morta di vecchiaia. Il dolore deriva da un’altra scoperta: Abigail si è uccisa.

Adam – che dai suoi racconti sembrerebbe morto per la prima volta durante le Idi di Marzo – l’aveva rapita per farsi portare da Henry, ma lei aveva preferito prima mandarlo fuori strada e poi suicidarsi pur di impedire che l’uomo la usasse come oggetto di ricatto. L’unica consolazione di Henry è il ritrovamento di una lettera di Abigail, che si dichiarava pronta a tornare da lui.

8) Rebecca Sutter (How To Get Away With Murder)
katiefindlay2

La serie è targata Shonda Rhimes: c’erano davvero possibilità che uno dei protagonisti non ci rimanesse secco? È il caso di Rebecca, principale accusata della morte della sua migliore amica; solo noi scopriamo come sono andate davvero le cose, mentre Annalise Keating ha ormai accettato l’idea che a uccidere la giovane Lila sia stato suo marito.

Forse perché stava diventando insopportabile – un pensiero condiviso da molti spettatori – alla fine della prima stagione la ragazza non ha fatto una bella fine, ma Annalise e Frank hanno deciso di nascondere il suo cadavere facendo così credere ai quattro protagonisti rimasti che Rebecca sia fuggita.

7) Krystal Weedon (The Casual Vacancy)
uktv-the-casual-vacancy-episode-2-04

Ammettiamolo: le è andata meglio che nel libro di J.K. Rowling. Non ha dovuto (SPOILER!) trovare il cadavere di suo fratello, che nella serie è vivo e vegeto (FINE SPOILER).

Mentre cercava disperatamente il piccolo Robbie, è caduta nel fiume ed è rimasta… strozzata dai fili del televisione di cui si erano disfatti i Price? Fulminata da una presa che non era attaccata? Non è chiaro, ma vale la pena ricordare la sua morte nel libro, una morte che le abbiamo perfino augurato visto il suo tormento: overdose – con l’eroina della madre. Con la scelta di mantenere  fortunatamente in vita un altro personaggio, la BBC ha dovuto cambiare il modo in cui Krystal sarebbe uscita di scena. Da quando la BBC è diventata così magnanima?

6) Lowell Tracey (iZombie)
izombie-lowell

Ci eravamo abituati a vederlo sullo schermo, tanto da dare per scontato che sarebbe diventato un coprotagonista; ci eravamo affezionati a lui, alcuni avevano perfino accettato la sua relazione con Liv nonostante la preferenza per Major. Poteva andare lontano? Le sue sorti sono state decise nel momento in cui lui e Liv hanno pianificato di uccidere Blaine, lo zombie che rapiva ragazzini sbandati per ucciderli e vendere i loro cervelli ai migliori offerenti.

Lowell invita Blaine a cena, mentre Liv dal tetto del palazzo di fronte si prepara a sparare al nemico con un fucile da cecchino, ma all’ultimo rinuncia e lo scrive al suo ragazzo. Che, dopo averla salutata con un ultimo sguardo, tenta di uccidere Blaine; lo zombie restituisce il favore, colpendolo con una pallottola alla testa.

5) Danny Pink (Doctor Who)

jpeg

Che si tratti di Amy o di Clara, alle companion dell’Undicesimo Dottore non va mai troppo bene in amore – anche se è il Dodicesimo a essere in scena. Rory è morto così tante volte da aver perso lui stesso il conto, ma l’ha sempre fatto in maniera epica; la scomparsa di Danny risulta invece banale e fin troppo “umana” per una serie come Doctor Who: mentre al telefono Clara gli dice di amarlo, il professore viene investito da un’auto.

Molto più toccante il finale di stagione, dove un Danny versione Cyberman dice addio per sempre alla sua amata. O almeno è quello che lei crede; se solo riflettesse, potrebbe ricordare che, in uno dei viaggi con il Dottore, aveva incontrato un loro discendente. Una morte quindi che, sebbene importante, non raggiunge il podio, perché Danny potrebbe tornare da un momento all’altro. Proprio come Missy, che sappiamo essere dura/o a morire.

4) Charlie Bradbury (Supernatural)
Charlie-Bradbury-image-charlie-bradbury-36063045-1280-720

Charlie è un personaggio ricorrente nelle avventure dei fratelli Winchester e i fan si sono affezionati a lei – anche grazie alla bravura di Felicia Day – nonostante non si tratti un personaggio rilevante all’interno della serie. O forse sarebbe meglio utilizzare il tempo passato? Sembrerebbe assodato che Charlie non potrà tornare ad aiutare Dean e Sam, ma niente è mai scontato in Supernatural.

La sua morte ha shockato il pubblico: i due fratelli la ritrovano in una vasca, pugnalata a morte da Eldon Styne con la stessa arma con cui la ragazza aveva tentato di difendersi.

3) Athelstan (Vikings)
BRAND_THC_VGSP_164834_SFM_000_15_2398_20150127_0001_HD_still_624x352

Siamo giunti sul podio e lo facciamo con tre serie tv che non sono più alla prima stagione.

A uccidere Athelstan è Floki, l’unico della cui fedeltà Ragnar non abbia mai dubitato, suo alleato fin dal pilot. Ma, si sa, non si può dare mai nulla per scontato, soprattutto nell’ambito di Vikings. Athelstan, che all’epoca dell’incontro con il protagonista era un monaco cristiano, viene colpito alla gola subito dopo aver finito di pregare; un atto che Floki, pervaso dal fervore pagano, doveva meditare da tanto.

Athelstan si rende conto di ciò che sta per accadere e lo accetta, dando prova un’ultima volta del proprio coraggio.

2) Finn Collins (The 100)
Finn_2x03

Ai Cento ne succede sempre di tutti i colori e, nonostante il loro numero si fosse ormai dimezzato, eravamo abituati a vedere sopravvivere i protagonisti. Quante volte Octavia, Raven e soprattutto Finn sono stati salvati all’ultimo secondo? A metà stagione, tuttavia, per il ragazzo non ci sono possibilità di salvezza: alla ricerca di Clarke, Finn aveva perso la ragione e aveva ucciso Terrestri innocenti, sparando su di loro senza alcuna pietà; la sola alternativa rimasta era consegnarlo a Lexa o permettere ai Terrestri di sterminare il Popolo del Cielo.

Clarke cerca di far ragionare Lexa, ma non può fare niente, perché ormai Finn si è consegnato ed è impossibile farlo fuggire; confidando in ciò che è giusto per il suo popolo, Clarke capisce che non può salvarlo e riesce solo a evitargli la tortura uccidendolo in fretta con un colpo di pugnale. Finn muore così tra le braccia della ragazza che ama e le urla disperate di Raven.

1) Jon Snow, Myrcella e Shireen Baratheon (Game of Thrones)

Myrcella-dies-Official-HBO

D’accordo, le morti salgono così a dodici, ma si poteva scegliere fra uno solo di loro? Le ultime due puntate della quinta stagione hanno mostrato la fine di più personaggi principali di quattro stagioni messe insieme, oltre alla cecità di Arya e alla dubbia sorte di Sansa e Theon. Nonostante la sua importanza, Stannis non si è meritato il primo posto in questa classifica perché, dopo gli eventi del nono episodio, la sua morte è stata la realizzazione delle speranze di molti spettatori.

Jon è certamente, insieme a lui, il personaggi più importante che perde la vista in questa stagione, in una congiura che tanto ricorda le Idi di Marzo – di cui oggi abbiamo già parlato, peccato che Burn Gorman, l’Adam di Forever, sia stato ucciso qualche tempo prima oltre la Barriera. L’ultima parola pronunciata da Jon è “Olly”, il nome del bambino che gli ha inferto la pugnalata mortale. La colpa di Jon? Avere cercato di stabilire un’alleanza con il Popolo Libero per tenere i Guardiani occupati soltanto dalla battaglia imminente contro gli Estranei. Dopo cinque stagioni, “Jon knows”, il solo fra tanti confratelli.

La morte di Myrcella chiude il cerchio aperto settimane prima dal flashback della profezia di Cersei, costretta a veder morire i suoi amati figli. Non si sarebbe trattata di una scena devastante per lo spettatore se pochi secondi prima la principessa non avesse dichiarato a Jaime di essere felice di averlo come padre; Myrcella muore avvelenata proprio tra le braccia dello Sterminatore di Re, uno dei personaggi più amati della saga – e il suo dolore viene così trasmesso a tutti noi.

Ma è Shireen a morire nel modo peggiore: nella nostra mente abbiamo ancora le urla della bambina che viene bruciata viva di fronte al padre impassibile – e ormai folle – e alla madre che all’ultimo momento capisce di amarla. Nessuno, in tutta la saga, era innocente come Shireen e il suo sacrificio, che si rivela vano, mostra per l’ennesima volta il realismo sadico di Game of Thrones.

Queste dodici non sono state, purtroppo, le uniche morti devastanti di questa stagione tele filmica. Chi altro avreste inserito nella lista?

– Sara Carucci –

Rispondi