10 canzoni ispirate ai libri

Non è meraviglioso ascoltare un brano e ritrovarci le atmosfere e le emozioni di un romanzo che avevamo amato? Quando due arti si incontrano il risultato sarà spesso assicurato, ed è il caso di questa lista: ecco a voi 10 canzoni ispirate ai libri. 


7

1. LED ZEPPELIN – RAMBLE ON 

“‘Twas in the darkest depths of Mordor, I met a girl so fair, but Gollum, and the evil one crept up and slipped away with her.”

Brano del 1969, contenuto nel secondo album della band (Led Zeppelin II), è attualmente alla posizione 433 nella lista delle 500 migliori canzoni secondo Rolling Stone e presenta diverse citazioni del romanzo Il signore degli anelli di Tolkien.

3

2. NIRVANA – SCENTLESS APPRENTICE  

“Like most babies smell like butter, his smell smelled like no other. He was born scentless and senseless, he was born a scentless apprentice”

Brano del 1993, contenuto nel terzo album della band (Utero), forse non uno dei più famosi dei Nirvana, ma di certo molto d’effetto nel sua racconto ispirato Grenouille, il protagonista di Profumo di Patrick Süskind.

8

3. EDOARDO BENNATO – L’ISOLA CHE NON C’È

“Seconda stella a destra, questo è il cammino, e poi dritto fino al mattino; poi la strada la trovi da te: porta all’isola che non c’è.” 

Il brano del 2002, contenuto nell’album omonimo L’isola che non c’è (riedizione dell’album Capitan Uncino del 1992), cita la famosa isola dove sono ambientati i romanzi di James Matthew BarriePeter Pan nei Giardini di Kensington (1906) e Peter e Wendy (1911).

1

4. BRUCE SPRINGSTEEN – THE GHOST OF TOM JOAD

“Welcome to the new world order: families sleepin’ in their cars in the Southwest; no home, no job, no peace, no rest. The highway is alive tonight, but nobody’s kiddin’ nobody about where it goes.”

Brano contenuto nell’album omonimo (The Ghost of Tom Joad) del 1995, che fornisce una rilettura in chiave moderna del romanzo Furore, di John Steinbeck, seguendo le vicissitudini della famiglia Joad durante la grande crisi del ’29.

10

5. FABRIZIO DE ANDRÈ – UN GIUDICE 

“E allora la mia statura non dispensò più buonumore a chi alla sbarra in piedi mi diceva: ‘Vostro Onore. E di affidarli al boia fu un piacere del tutto mio, prima di genuflettermi nell’ora dell’addio, non conoscendo affatto la statura di Dio.”

Il brano appartiene all’album Non al denaro non all’amore né al cielo, del 1971, e cita la raccolta di poesie Antologia di Spoon River, di Edgar Lee Masters, parlando di Selah Lively, un uomo deriso per la propria bassa statura, che decide di diventare giudice per vendicarsi della sua infelicità, attraverso il potere di giudicare e condannare.

6

6. THE BEATLES – I AM THE WALRUS 

“Slave, thou hast slain me. Villain, take my purse. If ever thou wilt thrive, bury my body and give the letters which thou find’st about me to Edmund, Earl of Gloucester.”

Il brano, del 1967, è stato definito dalla critica il vertice compositivo di Lennon, e lo stesso John annoverava fra le sue creazioni preferite. Questo capolavoro include, a fine brano, una registrazione di un passo recitativo del Re Lear di William Shakespeare, registrato dal cantante alla radio della BBC.

9

7. THE ROLLING STONES – SYMPATHY FOR THE DEVIL 

“Pleased to meet you, hope you guess my name, but what’s puzzling you is the nature of my game.”

Il brano è la traccia iniziale dell’album Beggars Banquet del 1968 ed è annoverata al 32º posto nella lista delle 500 migliori canzoni di sempre redatta dalla rivista Rolling Stone nel 2004. Mick Jagger dà voce a un Lucifero errante per San Pietroburgo, chiaro riferimento al romanzo Il maestro e Margherita di Mikhail Bulgakov.

4 copy

8. KATE BUSH – WUTHERING HEIGHTS 

“I’m coming back, love. Cruel Heathcliff: my one dream, my only master. Too long, I roam in the night, I’m coming back to his side, to put it right. I’m coming home to Wuthering, Wuthering, Wuthering Heights!”

La canzone è il primo singolo della cantante inglese, contenuto nell’album del 1978 The Kick Inside, che ha raggiunto il primo posto nelle classifiche in quasi tutto il mondo, Italia compresa. L’ovvia citazione è quella dell’omonimo romanzo di Emily Brontë, in Italia tradotto come Cime Tempestose e la storia cantata è proprio quella della protagonista, Catherine Earnshaw e del suo amore travagliato con Heathcliff.

5

9. IRON MAIDEN – BRAVE NEW WORLD

“What you see is not real, those who know will not tell: all is lost, sold our soul in this brave New World.”

La canzone, una delle tante citazioni letterarie della band, è contenuta nell’omonimo album del 2000, e narra la storia di John, un selvaggio, che viene strappato dalla sua terra e portato in un nuovo mondo, che detesta; tale storia prende spunto dal romanzo di Aldous Huxley: Il Nuovo Mondo. 

2

10. RADIOHEAD – 2+2=5 

“Are you such a dreamer to put the world to rights? I’ll stay home forever, where two and two always makes a five.”

La canzone è un singolo discografico, estratto dall’album Hail to the Thief, del 2003 e proprio il titolo è un riferimento all’espressione “2+2=5”, utilizzata da George Orwell nel suo romanzo 1984, dove i cittadini dotati di un proprio pensiero vengono obbligati dalla psicopolizia ad ammettere che due più due faccia cinque. Nel video del brano vi è anche un richiamo ad un’altra famosa opera di Orwell, La fattoria degli animali.

Rispondi