Un prequel di The Big Bang Theory?

1Si parla da lungo tempo circa la conclusione o meno di questa sitcom, che nel 2017 compierà dieci anni dal suo esordio sui televisori americani, ma la CBS ha deciso di rinnovare lo show fino al 2017, rendendo così i tre protagonisti principali, Johnny Galecki, Jim Parsons e Kaley Cuoco, gli attori di serie televisive più pagati di sempre (percepiscono un assegno di oltre un milione di dollari a episodio). Del resto, il canale giustamente segue il gusto degli spettatori, che sembrano ancora interessati alle vicende dei nerd tanto amati da non volerne perdere alcuna novità. Ecco perché, come spesso succede con un prodotto vincente, le voci hanno già iniziato a parlare di un possibile prequel di The Big Bang Theory, incentrato unicamente sulla figura di Sheldon e sulla sua vita da adolescente.

Il progetto è stato descritto come una commedia per famiglia dai tratti simili a Malcolm, tranne che per il fatto – ovviamente – che il protagonista sarebbe l’allora già eccentrico genietto. Per THR, lo spinoff sarà curato da Chuck Lorre and Bill Prady, con l’aiuto dell’attuale showrunner di The Big Bang Theory, Steve Molaro. Di certo per ora, anche grazie allo show principale, dell’infanzia di Sheldon sappiamo che è stato un bambino prodigio, come testimoniato dal suo quoziente d’intelligenza (187, di molto superiore alla norma) e dalla sua rapida carriera scolastica: si è diplomato a 11 anni e a 16 ha ottenuto il suo primo dottorato di ricerca. Sappiamo, inoltre, dei difficili rapporti con i genitori (il padre che lo costringeva a guardare le partite di football e la madre che lo portava di forza in chiesa) e con i fratelli, nonché degli atti di bullismo subiti a scuola.

Quello che più mi chiedo, però, è se funzionerà. Sappiamo con certezza che le comedy che funzionano con un gruppo preciso non sempre raccolgono successo analizzandone solo uno: un esempio grande fu Joey, lo spinoff su Friends. Per quanto un personaggio possa essere il preferito dal pubblico, non necessariamente renderlo unico protagonista risulterà così interessante. La CBS, comunque (e non solo), è una grande fan degli spinoff, avendo già annunciato quello di The Good Wife e proposto in passato varie versioni di NCIS e Criminal Minds, quindi non ci stupisce certo un annuncio del genere. Intanto godiamoci i nuovi episodi della serie principale.

– Lidia Marino – 

Rispondi