Tante idee per un picnic delizioso

1Quanto utilizziamo il termine picnic (dal termine composto piquenique, che in francese abbina piquer – prendere, rubacchiare, spilluzzicare – all’arcaico nique – piccola cosa di poco valore -) identifichiamo un pasto all’aperto, possibilmente su un prato, che rende il mangiare non più un’attività esclusivamente alimentare, ma una funzione ludica e sociale sporadica e gradita, perché è proprio il contatto con la natura a renderlo diverso e interessante. Attività tutt’altro che nuova, durante il XVIII secolo la nobiltà era solita mangiare all’aperto, anche se di solito avevano un seguito di servitori pronti ad imbandire nel migliore di modi le loro grande tavolate. Nel XIX secolo, invece, ci si riferiva già al picnic come alla consumazione di un pasto in allegria e in clima rilassato da effettuarsi sui prati, in riva ad un fiume o sulla spiaggia, ed era l’ideale contorno per il corteggiamento, tanto che in molti quadri degli Impressionisti vengono ritratte proprio questo tipo di immagini (ne è un esempio Colazione sull’erba di Manet).

2Oggi spesso non troviamo il tempo per concederci questo tipo di svago, ma quando ci riusciamo, con la compagnia giusta, va ad arricchire i nostri ricordi di giornate davvero speciali. E proprio per aiutare e invogliarvi, voglio fornirvi tante idee per un picnic delizioso, facile da preparare e che vi assicurerà un pranzetto saporito e invitante: voi, invece, assicuratevi di invitare le persone con le quali state meglio e il gioco sarà fatto! Intanto iniziamo a preparare il nostro cestino con i primi stuzzichini. Se siete molto pigri (oh, come vi capisco) agli “antipasti” potrete sostituire una varietà di gusti di patatine in pacchetto, che non guastano mai, sia che siate in tanti (a tutti piacciono, dai!), sia che siate in due e vogliate stuzzicarle, prima di passare al “piatto forte”. Se invece volete impegnarvi un po’ di più (non che una cosa escluda l’altra, in realtà), potreste cucinare dei muffin salati o dei tramezzini misti. Nel secondo caso, puntate su qualcosa di freddo, come prosciutto e formaggio e tonno e pomodoro (state attenti a confezionarli bene, perché potrebbero sporcare tutto il resto). Quanto ai muffin, niente di più semplice da realizzare, ve lo assicuro, e si mangiano tranquillamente anche freddi. Mescolate 230 grammi di farina a due uova sbattute e unite una bustina di lievito per torte salate. In un’altra ciotola ponete 1,5 dl di latte, due cucchiai di olio d’oliva, 80 grammi di prosciutto cotto, 80 grammi di emmental grattugiato, sale e pepe e piacere. Mescolate bene e poi unite anche la farina e il lievito. Versate il composto in 12 stampini da muffin imburrati, riempiendoli fino ai 2/3 e infornate a 180°C per circa 25 minuti. Ci metterete sì e no quaranta minuti per averli pronti da imbustare e ne varrà la pena, vi assicuro!

3Il pasto principale invece potrebbe essere la pasta fredda, andando sul classico e preparandola con olive, pomodorini e mozzarella. Una delizia semplice da cucinare e ottima da mangiare e proporre a tutti. Se volete essere un po’ più sofisticati, invece, una ricetta interessante potrebbe essere una pasta fredda con zucchine, pecorino e pompelmo, anche questa velocissima e più sfiziosa: mentre cuoce la pasta, in un’ampia terrina mettete 90 grammi di zucchine tagliate a julienne, olive nere private del nocciolo, sale, delle foglioline di timo e olio di oliva. Scolate la pasta e versatela nella ciotola insieme agli altri ingredienti, terminando con scaglie di pecorino e scorza di pompelmo rosa grattugiato. Fatto! Se invece la pasta preferite evitarla, ampliate gli stuzzichini, preparando delle frittate o dei pomodori ripieni. Nel primo caso vi propongo una frittata funghi e speck velocissima e gustosa: in una padella aggiungete un filo di olio e mettetevi due spicchi di aglio in camicia: appena l’olio è caldo, aggiungete 300 grammi di funghi. Mentre i funghi cominciano a cuocere, affettate a striscioline sottili 200 grammi di prosciutto crudo e aggiungetelo ai funghi. Condite con sale e pepe a piacimento e aggiungete qualche rametto di timo. Coprite con un coperchio e lasciate cuocere a fiamma bassa, mentre nel frattempo rompete 5 uova in una ciotola, aggiungete mezzo bicchiere di latte, tre cucchiai di formaggio grattugiato e del prezzemolo tritato: con una forchetta o una frusta sbattete energicamente le uova, in modo da ottenere una frittata soffice e alta. Quando i funghi saranno cotti, versate le uova nella stessa padella: abbassate la fiamma e coprite con un coperchio. Lasciate cuocere per qualche minuto: quindi girate la frittata per cuocerla adeguatamente su ogni lato. Gnam.

5Beh, poi non può mancare in un picnic una macedonia: metteteci quello che volete, ma fatela, è quasi obbligatoria e super deliziosa! Per il dolce, io propongo dei biscotti: facili da trasportare e buonissimi. Una ricetta particolare e speciale? I biscotti ai cornflakes! Montate 150 grammi di zucchero con 180 grammi di burro fino ad ottenere un composto spumoso. Aggiungete una alla volta due uova, facendole assorbire bene al composto, prima di unire l’altra. Unite 200 grammi di farina e 50 grammi di fecola ben setacciate e infine una bustina di lievito. Amalgamate il tutto e lasciate mezz’ora in frigo. Prendete poi una teglia rivestita con carta forno e, con un cucchiaio, formate delle palline, schiacciandole leggermente, e poi passatele nei cornflakes, coprendole completamente. Infornate a 180° per venti minuti e il vostro picnic sarà completo! Siete contenti? Con chi vorreste andare e dove?

– Lidia Marino – 

Rispondi