La recensione di Pet Sematary

La recensione di Pet Sematary

L’unica certezza che abbiamo nella vita è la morte. La visione della l’orrenda Mietitrice è perfettamente restituita dallo splendido capolavoro di Stephen King, forse uno dei suoi romanzi migliori dopo It, una vicenda in grado di emozionare e spaventare al contempo, non attraverso un orrore spettacolarizzato o sanguinolento, ma mediante quell’inafferrabile senso di fragilità e…

I cliché intramontabili dei film horror

I cliché intramontabili dei film horror

Ordunque. Il capo mi chiede un pezzo sulle scene involontariamente comiche presenti nei film horror. Rispondo: nessun problema! Poi mi metto seduta davanti al pc e capisco che invece il problema c’è. Ed il problema è costituito dall’avverbio “involontariamente”. In passato vi ho già deliziato con articoli dedicati al legame tra il mondo onirico e la…

Annientamento, recensione al primo libro della trilogia di Jeff Vandermeer

Annientamento, recensione al primo libro della trilogia di Jeff Vandermeer

Immaginate una vasta area dell’America centrale divenuta una specie di zona d’ombra dalla quale nessuno può tornare, un’agenzia governativa super segreta con l’obiettivo di proteggerla da sguardi indiscreti e una coraggiosa ma problematica biologa alla ricerca della verità sulla morte del marito, ammalatosi durante una spedizione proprio nella famigerata Area X. Immaginatevi questa storia e…

Happy B-Day Stephen King

Happy B-Day Stephen King

Stephen King nasce a Portland, nello stato del Maine, il 21 settembre del 1947. Auguri, Zio! È l’autore più sfruttato dal cinema dopo William Shakespeare e Philip K. Dick, ma la maggior parte delle trasposizioni cinematografiche e televisive non riescono a rendere nemmeno l’ombra dell’idea della genialità del King. Alcuni lavori fanno sinceramente schifo e…

4 icone del cinema horror

4 icone del cinema horror

Il cinema horror è probabilmente il genere cinematografico più difficile da analizzare. Sono tantissimi i film dell’orrore che si sono succeduti nel tempo, con un picco di successi negli anni ’80 e ‘90, eppure non ho mai saputo definirli belli, coinvolgenti, interessanti, spaventosi, flop… Perché in questi casi lo stato d’animo che incombe su una fifona come…