Rubrica – Michelangelo Buonarroti e Raffaello Sanzio

Il Rinascimento italiano ci ha portato molte personalità forti e famose del mondo dell’arte. Parliamo, oggi, di due famosi pittori ed artisti italiani: Michelangelo Buonarroti e Raffaello Sanzio.

1Il primo, Michelangelo, fu un pittore, scultore, architetto e anche poeta. Tra tutte le sue opere, quattro sono considerate tra le più importanti della cultura occidentale e mondiale. Parliamo della Pietà, scultura piena di significato e di simbolismo, tra cui una Maria raffigurata giovane e quasi coetanea al figlio, a perenne ricordo della sua verginità e purezza. Poi c’è il famoso David, scultura simbolo del Rinascimento, che ritrae il personaggio biblico che affrontò l’enorme Golia. Idea della sua bravura architettonica l’abbiamo dalla famosa Cupola di San Pietro (chiamata dai romani Cupolone), alta copertura della principale Chiesa del Vaticano e del mondo, alta, sulla sommità, ben 130 metri. Infine, per parlare della sua arte pittorica, non ci rimane che nominare la Cappella Sistina, ricoperta da un enorme affresco ricoprente la volta e la parete dietro all’altare, riguardante il biblico Giudizio Universale.

2Raffaello, invece, fu un famoso pittore e architetto, anche se lo ricordiamo più per il primo aspetto. Forse meno famoso del primo, la sua arte è comunque molto importante per il periodo rinascimentale. Anche le sue opere sono prevalentemente religiose, nonostante il suo quadro più famoso sia Scuola di Atene. Ricordiamo, tra le sue opere, la Madonna del Cardellino, lo Sposalizio della Vergine e l’affresco della Disputa del Sacramento. Le sue opere architettoniche più importanti sono la Basilica di San Pietro in Vaticano e Villa Madama. La sua importanza è data anche dalla sua sepoltura nel Pantheon a Roma.

– Giorgio Correnti –

Rispondi