Rubrica – I 5 strumenti più utilizzati dagli antichi egizi

È lungo tempo del loro impero, gli egiziani hanno utilizzato svariati strumenti per suonare la loro musica. Possiamo, però, identificare i 5 strumenti più utilizzati dagli antichi egizi, soprattutto grazie alla loro maggiore rappresentazione nei vari geroglifici e pittogrammi rinvenuti nel suolo egiziano.

ARPA ARCUATA

01L’arpa arcuata e forse lo strumento a corde più diffuso nell’antico Egitto. Era composto da varie corde di metallo tese su una struttura arcuata di legno. Questa struttura aveva una forma ad L con un angolo più acuto e aveva una specie di largo uncino sempre di legno  che serviva per tenere lo strumento sulla spalla per poterlo suonare anche in piedi. Non avendo una cassa di risonanza, il suono risultava più debole, ma la lunga attesa delle corde permetteva sono abbastanza acuto da poter essere sentito.

SISTRO

02Il sistro è una specie di sonaglio, fatto da una struttura a forma di racchetta, nel quale passavano delle piccole aste di metallo dove venivano infilati dei piccoli dischi anch’essi di metallo. Veniva suonato scuotendo, in modo che i dischi producessero il suono sbattendo fra loro e addosso alla struttura. Questo strumento è forse il più diffuso nell’antico Egitto ed era lo strumento sacro alla dea Hathor, divinità dell’amore, che veniva spesso raffigurata con questo strumento in mano. Pare che il nome sistro sia un termine onomatopeico del suono che produceva lo strumento.

LIUTO

03Arrivato in Egitto grazie al contatto con la cultura ellenica, il liuto ebbe un grande spazio nella musica egiziana. La sua conformazione composta da corde tese sopra una cassa di risonanza, permetteva di avere un suono ben udibile pur mantenendo una forma più piccola e maneggevole rispetto all’arpa arcuata. Non si hanno informazioni sulla accordatura utilizzata, ma si pensa seguisse la scala pentafonica.

FLAUTI

04I flauti utilizzati nell’antico Egitto erano di diversi tipi. La loro forma poteva essere dritta o leggermente arcuata o anche più o meno sottile. Tutti i tipi di flauti venivano utilizzati spesso insieme a formare una piccola orchestra di fiati. Ogni flauto aveva un suono più o meno dolce ed anche più o meno acuto, ciò portava ad una maggiore complessità di suoni all’interno delle esecuzioni dell’orchestra.

TAMBURI

05Nella civiltà egizia, i tamburi avevano un ruolo fondamentale sia in guerra, dove tenevano il tempo del movimento dell’armata, sia nei balli, dove tenevano il ritmo. Ne esistevano di diversi tipi, spessi cilindrici e di grandezza variabile da quella di un barattolo, fino a tamburi grandi come barili. Venivano utilizzati anche tamburelli più piccoli e portatili, conforme sia circolari che rettangolari. Tutti i tamburi erano composti da strutture in legno che tenevano tese pelli di animali, soprattutto di capra. Alcuni tamburelli erano composti interamente di legno e venivano suonati battendoli tra di loro.

– Giorgio Correnti –

Rispondi