Rubrica della Settimana: L’Impressionismo

Iniziamo a parlare dell’epoca artistica che, pittoricamente, amo di più: l’Impressionismo.

Diciamo subito che in questa corrente artistica, furono molto fondamentali le esperienze del Romanticismo e del Realismo, dove avevamo già avuto una rottura con i soliti “quadri religiosi“, mettendo genere storico, religioso e profano allo stesso livello. Ma le particolarità dell’Impressionismo sono, sicuramente, l’interesse al colore, a discapito del disegno, la prevalenza della soggettività e dell’emozioni dell’artista e la riscoperta della pittura del paesaggio, oltre alla preferenza della pittura “all’aria aperta“.

I quadri impressionisti non sono fatti di linee precise e di sfumature perfette, ma, piuttosto, di pennellate veloci, rapidi colpi di spatola e un alternarsi di superfici uniformi ed irregolari, creando un disegno forse non preciso, visto da vicino, ma emozionante e coinvolgente visto nel suo complesso insieme.

Ma, come vedremo, attraverseremo questa corrente osservando anche aspetti diversi dalla pittura.
Quindi, buona settimana dell’Impressionismo.

– Giorgio Correnti –

Rispondi