Rubrica – Architettura vittoriana

Oggi parliamo di Architettura vittoriana. Durante i primi anni dell’era vittoriana vengono realizzati diversi nuovi parchi cittadini; uno dei più notevoli è sicuramente quello di Birkenhead, una città satellite di Liverpool. Questo parco è opera di Joseph Paxton, artista di grande versatilità. Paxton nasce nel 1803 in una famiglia contadina ed inizia a lavorare giovanissimo come giardiniere. Ma si dimostra presto un bravo ingegnere, un dotato architetto, un abile organizzatore ed un attivo scrittore e promotore di libri di botanica. Il disegno per la realizzazione del parco di Birkenhead è tipico del suo tempo, così ricco di linee morbide e curve, ma non tralascia la razionalità e la funzionalità. Il parco è circondando e delimitato dal serpeggiante park drive, il percorso per le carrozze, e le due parti in cui una strada di attraversamento divide il parco sono segnate da laghetti dal contorno ondulato, in modo da moltiplicare gli scorci visuali. Per entrare dall’ingresso nord si passa sotto un arco ionico, disegnato da Gillespie Graham. All’interno del parco, a sottolineare ulteriormente l’eclettismo artistico tipico del periodo, troviamo inoltre casini, ponti, un tempio classico, aree gioco per il cricket e il tiro con l’arco. Tutto ciò per divertire e conferire una forte identità ai diversi luoghi, per rendere ancora più piacevole ai visitatori la passeggiata.

Paxton diventa molto famoso grazie ai suoi esperimenti sull’evoluzione dei sistemi costruttivi delle serre e sulle possibilità di coltivazione che esse offrono. E proprio grazie a queste sue innovazioni gli viene affidato il prestigioso incarico per la realizzazione della sede della Grande Esposizione Industriale del 1851 a Londra, in Hyde Park. Per questa occasione Paxton crea il Crystal Palace, un’enorme costruzione in vetro e ferro, una gigantesca serra usata come palazzo d’esposizione per contenere macchine, ritrovati meccanici e oggetti d’arte, intervallati a zone di vegetazione. Il Crystal Palace viene smontato al termine della manifestazione (cosa che sarebbe dovuta accadere anche alla Tour Eiffel), ma viene ricomposto a Sydenham, un villaggio a sud di Londra, dove Paxton crea un grande parco per il divertimento e l’istruzione al cui centro si trova, appunto, l’immensa serra.

– Monia Guredda –

 

Rispondi