Romanzi e scrittori sottovalutati: Richard Matheson

1Ci sono autori tanto grandi e prolifici quanto misconosciuti. Eppure, se vi si dice “Sai quel film? È tratto da un romanzo di Tizio!” voi fate “Ma dai!?!” In questa categoria, un peso massimo è Richard Matheson. Scopriamo insieme chi è e cosa ha creato.

Richard Matheson nasce ad Allendale il 20 febbraio del 1926 e passa la sua infanzia a Brooklyn. Si dimostra un bimbo precoce e già a 8 anni scrive e pubblica poesie sul Brooklyn Eagle. Studia Giornalismo all’Università del Missouri. Nel 1950 pubblica il suo primo racconto Nato d’uomo e di donna su The magazine of Fantasy and Science fiction. Nel 1951 si trasferisce in California, sposa Ruth Ann Woodson con la quale ha 4 figli, 3 di loro scrittori a loro volta. Matheson entra nel gruppo Fictioneers, formato da giovani scrittori di gialli, ma per mantenere la famiglia continua a lavorare in fabbrica, anche se sogna di scrivere a tempo pieno.

Siamo nel 1954, e Matheson scrive un romanzo che aveva in testa da 17, da quando cioè aveva visto il Dracula di Tod Browning e aveva pensato. “E se ribaltassi la situazione? Un solo umano in un mondo di vampiri?” Nasce così Io sono leggenda, un romanzo del 1954, ambientato nel futuristico 1977 e che sembra sempre scritto oggi. Da questo romanzo son stati tratti 3 film:
1964: L’ultimo uomo sulla Terra, regia di Ubaldo Ragona, con Vincent Price. Questa pellicola rispetta quasi in pieno la trama del libro.
1971: 1975 Occhi bianchi sul pianeta Terra, regia di Boris Sagal, con Charlton Heston.
2007: Io sono leggenda, di Francis Lawrence, con Will Smith. Quest’ultima versione si discosta davvero tanto dalla trama originale, ma resta comunque un gran bel film. Si vocifera di un remake… staremo a vedere. Se lo 2rivedete preparate i fazzoletti per Sam.

Se non avete letto il romanzo, ve lo consiglio sinceramente; come il Dracula di Bram Stoker non è solo l’origine del mito, ma un gran romanzo di per sé. Siamo nel 1956 e Matheson pubblica Tre millimetri al giorno, romanzo da cui la Universal trae un film di buon successo. Il 1958 è l’anno di pubblicazione di Io sono Helen Driscoll. Non vi dice niente? E se vi dico Echi mortali con quel gran bell’omino di Kevin Bacon? Aaahh, ora sì! Intanto Matheson lavora come sceneggiatore per la serie Alfred Hitchcock presenta (ricordate, ci lavorava anche Ira Levin?) e viene contattato da Rod Serling a proposito di un nuovo progetto che ha in cantiere, una serie intitolata The Twilight Zone (Ai confini della realtà)…

Nel 1971, lo sconosciuto Steven Spielberg opziona i diritti di un racconto di Matheson per realizzarne un film, il suo primo film da regista. Il titolo? The Duel. Aaaaahh! Ricorda che da ragazzina vedevo spesso un film a episodi di genere thriller horror e che l’ultimo corto mostrava una statuina africana che prendeva vita e dava la caccia alla padrona di casa. Mi terrorizzava! Ho scoperto che si intitolava La preda e che era tratto da un racconto di Matheson! La raccolta di racconti l’ho trovata e comprata; ora sono alla disperata ricerca del dvd.

3Nel 1978 Matheson pubblica Al di là dei sogni (aaaaahh!) romanzo da cui nel 1998 è stato tratto un film di grande impatto visivo ed emotivo con un mai abbastanza compianto Robin Williams. La pellicola si discosta abbastanza dal libro, ma merita comunque. Curiosità: nel film si segnala un cameo di Werner Herzog; 1000 punti a chi lo scova! Sempre nel 1978, pubblica The Box, racconto da cui nel 2009 il regista Richard Kelly trarrà il suo film con Cameron Diaz e Real Steel, racconto dal quale nel 2011 il regista Shawn Levy trarrà il film con protagonista quel gran bel pezzo di manzo australiano che risponde al nome di Hugh Jackman. Doppio Aaaaahh! Triplo!

Matheson ha lavorato come sceneggiatore anche per la serie Masters of Horror (di cui ha fatto parte anche il nostro Dario Argento) e per… i Griffin! Sì, è suo l’episodio 19 della ottava serie. Riteniamo di avervi fatto esclamare un numero sufficiente di Aaaaahh! Nel 1991, Matheson riceve il Premio Bram Stoker alla Carriera (meritatissimo). Muore a Los Angeles il 23 giugno del 2013.

La produzione letteraria di Richard Matheson è immensa e, dato che questo è YouPopCorn e non Wikipedia, non ve la elenchiamo tutta. Ma vi possiamo dire che si trova quasi tutta nel catalogo Fanucci. A noi non resta che augurarvi buona lettura!

– Monia Guredda –

Un pensiero su “Romanzi e scrittori sottovalutati: Richard Matheson

  1. Pingback: Romanzi e scrittori sottovalutati: Robert Bloch | YouPopCorn

Rispondi