Romanzi ambientati a Cipro

Non so voi, ma mi piace girare il mondo attraverso la letteratura che, del resto, ti permette anche di farlo in diverse epoche storiche, rendendo il tutto ancora più affascinante. Oggi comunque parliamo dei romanzi ambientati a Cipro, partendo da quello più famoso di tutti: Otello! Sebbene nel dramma ad apparire più importante siano le vicende umane, piuttosto che la locazione, trovo comunque intrigante pensare al motivo per il quale Otello fosse stato mandato a Cipro, ovvero per difenderla, quando lì a ritrovarsi indifeso dalle calunnie di Iago sarà proprio lui stesso. Una finezza forse poco importante, ma ho voluto comunque condividerla con voi!

Sempre a Cipro è ambientato Bitter Lemons, di Lawrence Durrell, pubblicato nel 1957. Il lavoro è autobiografico e racconta nel dettaglio l’esperienza vissuta per tre anni nell’isola, arrivando a vincere anche il Duff Cooper Prize nel 1957. Si tratta di un romanzo ora ironico ora serio, dove vengono presentati usi e costumi della gente del posto in una descrizione minuziosa e avvincente. Purtroppo, come molti altri titoli ambientati in questa terra, non è stato tradotto in Italiano. Potrei elencarvi altri esempi, infatti, come Journey into Cyprus o Death in Cyprus, ma purtroppo non potreste comunque trovarli nelle librerie nostrane.

Non mancano, invece, i libri storici che ricostruiscono determinate vicende passate, come Il sultano e l’isola contesa. Cipro tra eredità veneziana e potere ottomano, che ricostruisce la guerra di Cipro e la congiuntura mediterranea tardo-cinquecentesca che vi fece da sfondo. Amate di più i romanzi d’amore? E che problema c’è? A Cipro è ambientato anche Il segreto di Helena, di Lucinda Riley, che ha venduto 8 milioni di copie. La trama segue Helena in un ritorno dopo tanti anni sull’isola, dove da ragazza aveva passato l’estate, innamorandosi per la prima volta. Come potrete immaginare, ci sono segreti e intrighi passionali che non sto a raccontarvi, ma se vi piace il genere dovreste apprezzare anche questo titolo!

Lidia Marino –

Rispondi