Ricette sfiziose con l’uva

Quale migliore periodo dell’anno per scrivere un articolo su ricette sfiziose con l’uva? La trovate ovunque e oltre a mangiarla a grappoli dopo il pasto, possiamo tranquillamente integrarlo a questo.

Iniziamo con un primo prelibato, chic e raffinato: il risotto con l’uva.
Ingredienti: 
500 gr di uva bianca da tavola; 400 gr di riso per risotti; 1 lt di brodo vegetale; 100 ml di vino bianco; 1 cipolla bianca; q.b. erba cipollina; q.b. Olio extravergine di oliva; 60 gr di parmigiano reggiano; q.b. Sale e pepe q.b. 

Prepariamo un brodo vegetale con le verdure che abbiamo in frigo (o usate il dado) e teniamolo in caldo, una volta pronto, per versarlo sul riso in cottura. Laviamo e puliamo con cura gli acini d’uva, togliendo i semi all’interno. In una padella dai bordi alti facciamo imbiondire una cipolla tagliata a fettine sottili con un filo d’olio. Uniamo ora il riso e lasciamolo tostare per qualche minuto rigirandolo affinché non attacchi. Prendiamo il vino, alziamo la fiamma, versiamolo sul riso e lasciamolo evaporare. Una volta evaporato il vino, aggiungete il brodo con un mestolo fino a cottura quasi ultimata. Ora potete inserire gli acini d’uva e completare la cottura. Condite con sale e pepe e completate con parmigiano ed erba cipollina.

Passiamo alla seconda ricetta con un bel pollo all’uva.
Ingredienti:
4 petti di pollo; 50 gr di burro; q.b.Olio extravergine d’oliva; 20 acini di uva bianca; Un dado vegetale; Mezzo bicchiere di Marsala; Mezzo bicchiere di sherry secco; Due cucchiai di Brandy; Prezzemolo tritato; Un cucchiaino di zucchero; Noce
moscata; Sale e pepe.

Pulite e lavate i petti di pollo, disponeteli in una ciotola e poi versate il Marsala e lo Sherry. Aggiungete anche un pizzico di sale e pepe e il prezzemolo. Fate marinare la carne per circa 2-3 ore. A questo punto disponete il burro in una padella, aggiungete anche due cucchiai di brandy, lo zucchero e gli acini d’uva. Fate rosolare il tutto per alcuni minuti e poi spegnete il fuoco. Fate sgocciolare i petti di pollo, conservate il liquido in cui li avevate lasciati a marinare e poi fateli rosolare in padella con l’olio e il burro: quando cotti, irrorateli con il liquido conservato e lasciate evaporare. Aggiungete alla preparazione anche un dado vegetale sbriciolato e mezzo bicchiere d’acqua, coprite con un coperchio e fate cuocere altri 10 minuti a fuoco basso. Quando il pollo è cotto, aggiungete gli acini d’uva che avevate fatto rosolare precedentemente, aggiustate di sale secondo il vostro gusto, aggiungete un pizzico di noce moscata, fate insaporire per qualche minuto e poi servite il piatto ben caldo. Dal pollo al salame, l’uva si può utilizzare per preparare anche dei secondi piatti. L’abbinamento con la carne e con salumi e formaggi, infatti, è ottimo. L’uva viene però usata anche in abbinamento a piatti più delicati come quelli a base di pesce.

Terminiamo con una buonissimo budino all’uva.
Ingredienti:
2 Kg uva nera; 100 g farina

Sgranate i grappoli d’uva, raccogliete gli acini in una grande casseruola e cuoceteli a fuoco medio per circa tre quarto d’ora. Mescolate e schiacciate spesso gli acini durante la cottura in modo che si disfino e rilascino il loro succo. Filtrate il mosto in un colino, oppure passatelo al setaccio per recuperare il succo ed eliminare le bucce:poiché risulterà molto denso, aiutatevi premendolo con il cucchiaio. Pesate il succo ricavato, dovreste ottenerne circa 1 litro, versatelo di nuovo nella casseruola e riportatelo sul fuoco, aggiungendo il 10% di farina rispetto al peso del succo (100 g per 1 litro). Portate a bollore e cuocete per 2-3’, mescolando di continuo con la frusta finché la farina non si sarà ben amalgamata. Versate il composto in un unico stampo da budino o in più stampini, lasciatelo intiepidire, poi fatelo rassodare in frigo per almeno 3 ore. Sformate con delicatezza il budino e servitelo, a piacere, con altri acini di uva e foglioline di menta.

– Lidia Marino – 

 

Rispondi