Ricette per il pranzo dell’Immacolata

Se siete religiosi, oggi starete magari effettuando un giorno di magra, in previsione della festa di domani; se invece non lo siete, comunque dubito che l’idea di assaporare un delizioso pranzo dell’Immacolata vi disgusti! Dato che inventarsi qualcosa ogni anno può risultare tedioso, ecco qualche ricetta facile e veloce, che farà leccare i baffi sia a voi che alla vostra famiglia!1

Se avete una particolare predilezione per la carne, potreste cucinare delle scaloppine al marsala e servirle con un contorno di verdure sfiziose, ad esempio. Fate sciogliere in una padella 50 grammi di burro e adagiatevi sopra le fette di carne (circa 480 grammi di vitello fesa per quattro persone), facendole dorare a fiamma alta, circa un minuto per lato. Conditela con sale e pepe a piacimento e poi bagnatela con mezzo bicchiere scarso di Marsala secco, aggiungendo poi due cucchiai d’acqua. Fate ridurre il sugo di circa la metà e prelevate la carne, trasferendola su un piatto. Unite al fondo di cottura 20 grammi di burro e mezzo cucchiaino di farina e mescolateli insieme, creando una salsa omogenea (aggiungete anche un po’ di prezzemolo, come profumo) da versare sulla carne e il gioco è fatto. Come contorno potreste preparare dei deliziosi asparagi con mandorle e capperi. Mondate circa un chilo di asparagi, tagliando la parte bassa, e passateli sotto l’acqua. Metteteli in una padella con un filo d’olio e fateli cuocere per venti minuti. Lavate anche i capperi, per eliminare il sale in eccesso. In una padella fate fondere 80 grammi di burro e aggiungete due cucchiai di mandorle tagliate a lamelle e i capperi. Fateli saltare per qualche minuto, fino a renderli ben dorati. Distribuite gli asparagi nei piatti, disponendo sopra di essi il mix di capperi e mandorle.

2

Se invece preferite il pesce, si sa, per i giorni di festa i crostacei sono il massimo, quindi perché non preparare un’ottima zuppa di pesce, con cozze, calamari e tutto quello che il vostro gusto vi indica? Vediamone una davvero appetitosa: lavate accuratamente sia il pesce che i molluschi (triglie, scorfano, sgombri, cozze, seppie, canocchie, polipetti), pulendo le cozze, tagliando i polipetti ecc. Tritate finemente due spicchi d’aglio, una cipolla e un pezzetto di peperoncino rosso e metteli in una grande casseruola con mezzo bicchiere di olio, a fuoco molto lento, per poi aggiungere 500 grammi di passato di pomodoro e due foglie di alloro e lasciare per qualche minuto sul fuoco vivo. Mettete a cuocere nella casseruola i pesci che richiedono una cottura un po’ più lunga, come seppie e polipetti, e fateli cuocere per 20 minuti a fuoco sempre molto lento, poi unite gli altri pesci e i crostacei. Lasciate cuocere per altri 15 minuti e infine aggiungete le cozze (e gli altri molluschi con il guscio). Versate un bicchiere di vino bianco e regolate con sale e pepe. Coprite la casseruola con un coperchio e cuocete la zuppa fino a che le cozze si saranno aperte. Ovviamente non dimenticatevi le bruschette da intingere!

3

Se, invece, siete vegetariani, potreste deliziarvi con un’ottima torta di pasta fillo con le zucchine!  Sgusciate due uova per bene, poi affettate finemente sei zucchine, sbucciate e affettate degli scalogni, facendoli poi rosolare in un tegame con 20 grammi di burro. Aggiungete le zucchine, insaporite con il curry e un poco di sale e pepe, e abbassate un poco la fiamma, facendo cuocere il tutto per circa 7-8 minuti in modo che risultino ben asciutte. Stendete un foglio di pasta fillo sul piano di lavoro e spennellalo con un poco di burro fuso, quindi sistemalo sul fondo di uno stampo rotondo, foderato con della carta da forno, facendolo sbordare verso l’esterno. Spennellate un altro foglio di pasta fillo, appoggiatelo sopra il precedente e continuate nello stesso modo con altri due fogli. Distribuite uno strato di zucchine sul fondo dello stampo, appoggiateci sopra le uova sode, aggiungete le zucchine rimaste, spolverizzate il tutto con un pizzico di curry e poi ripiegate la pasta fillo verso l’interno. Infine coprite lo stampo con dell’alluminio da cucina e ponetelo in forno a 220 gradi per circa 20 minuti. Togliete l’alluminio e continuate la cottura per 5 minuti circa, in modo da far dorare la pasta.

Spero di aver fatto contenti tutti, auguri!

– Lidia Marino – 

 

Rispondi