Quando la realtà supera la finzione: attori morti sul set cinematografico

1Avete presente la pentalogìa di Final Destination? Ecco, se sei finito nel quaderno della Morte non hai scampo, nemmeno se sei un attore ricco e famoso. Anzi, in questi casi, la Nera Signora dà libero sfogo alla sua macabra fantasia. Ricordiamo insieme, dunque, i casi più eclatanti di attori morti sul set cinematografico.

1. Martha Mansfield. L’attrice statunitense stava girando un’esterna del film di Elmer Clifton, The Warrens of Virginia (1924). Indossava uno splendido abito lungo, realizzato con un materiale altamente infiammabile. Passa un automobilista, completamente estraneo al set, e lancia il mozzicone acceso della sua sigaretta dall’auto in corsa. La sigaretta finisce sulla gonna della Mansfield. Il fuoco l’avvolge in pochi secondi sotto gli occhi increduli, atterriti ed impotenti dell’intera troupe.

2. Tyrone Power. L’uomo responsabile dell’esistenza di Romina Power era un grande attore, discendente di una stirpe di attori di alto livello. Il 15 marzo 1958 si trovava sul set del film Solomon and Sheba del grande King Vidor quando un infarto pose fine alla sua carriera, alla sua vita e alla tradizione artistica dei Power.

3. Paul Matz. L’attore/pilota era sul set del film Il volo della fenice. L’ 8 luglio del 1965 stava girando una scena acrobatica e gli venne la brutta l’idea di fare lo splendido, guidando il suo aereo.

4. Vic Morrow. Il padre della nota attrice Jennifer Jason Leight (L’ultima eclissi) si trovava sul set del film tratto dalla serie Ai confini della realtà (The twilight zone), diretto da John Landis. Era il luglio del 1982 e Morrow e due bambini asiatici dovevano girare una scena in cui assistevano all’atterraggio di un elicottero. Per cause sconosciute, il pilota perse il controllo, l’elicottero si schiantò a terra e le pale tranciarono di netto la testa di 2Morrow e del bambino. La bambina subì gravissime ferite e morì in seguito.

5. Roy Kinnear. L’attore stava girando alcune scene del film The return of the Musketeers. Il 20 settembre 1988, una brutta caduta gli causò la rottura del bacino. Morì d’infarto durante il trasporto in ospedale.

6. Brandon Lee. Il primo attore a cui avete pensato, leggendo il titolo di questo articolo. Il figlio della leggenda delle arti marziali Bruce Lee (morto anch’esso molto giovane ed in circostanze mai del tutto chiarite) stava girando un film tratto dal fumetto di James O’Barr, Il Corvo. La pellicola era diretta da Alex Proyas. Era il 31 marzo del 1993 e si stava girando la scena in cui Eric, appena resuscitato, ricorda la sua morte per mano di Funboy. L’attore punta la pistola contro Lee. L’arma caricata a salve è difettosa, e la distanza eccessivamente ravvicinata. Il proiettile colpisce Lee all’addome, ferendolo gravemente. Morirà dopo una disperata operazione durata 12 ore.

7. Massimo Troisi. L’attore italiano muore d’infarto il 4 giugno 1994, appena 12 ore dopo aver terminato le riprese del film Il postino.

8. Harry L. O’Connor era uno stuntman e nel 2002 stava girando alcune scene del film di Rob Cohen XXX come controfigura di Vin Diesel. È morto schiantandosi sul tetto di un sottomarino.3

9. Heath Ledger. Il 22 gennaio del 2008 fu trovato morto in seguito ad un overdose di farmaci regolarmente prescritti. A tutt’oggi non si è sicuri se si sia trattata di una tragica disattenzione o di un suicidio. Il giovanissimo e talentuoso attore aveva appena smesso la maschera di Joker nel film di Chris Nolan, Il cavaliere Oscuro, e stava terminando le riprese di Parnassus. Lascia una figlia di 2 anni, Mathilda, avuta dall’attrice Michelle Williams (Jen di Dawson’s creek) conosciuta sul set di Brokeback montain. Si vocifera che non riuscisse ad uscire dal ruolo e dalla mente del Joker, personaggio in cui si era calato così bene e per così tanto tempo da renderlo memorabile per tutti, fan e non.

10. Paul Walker. L’attore non è morto sul set dell’ultimo capitolo della saga di Fast & Furious, che aveva appena terminato, ma, per uno strano scherzo del destino, ha trovato la sua fine in un terribile incidente d’auto, il 30 novembre 2013.

11. Philip Seymour Hoffman. Il memorabile interprete di Truman Capote in A sangue freddo è stato trovato morto nel febbraio del 2014 a causa di un’overdose. Non si sa se si sia trattato di un incidente o di un suicidio. L’attore stava ultimando le riprese di Hunger Games – Il canto della rivolta parte 2 che sarà nei cinema il prossimo 19 novembre.

Se le persone che amiamo ci vengono portate via, perché continuino a vivere, non dobbiamo mai smettere di amarle. Le case bruciano, le persone muoiono, ma il vero amore è per sempre.

– Monia Guredda –

Un pensiero su “Quando la realtà supera la finzione: attori morti sul set cinematografico

  1. Pingback: I grandi registi dalla A alla Z: Alex Proyas | YouPopCorn

Rispondi