Pixar – 30 anni di animazione

Dal 9 ottobre 2018 al 20 gennaio 2019 è possibile visitare la mostra “Pixar – 30 di animazione” allestita presso il Palazzo delle Esposizioni di Roma.

Il percorso espositivo è strutturato analizzando tre macro elementi che sono alla base di un buon film d’animazione:

– Personaggi, i bozzetti a matita, lo studio dei colori, i cartoncini originali dei primi disegni, l’analisi del movimento fino ad arrivare al computer e grafiche digitali. Troverete appunti e spiegazioni sulle dinamiche creative, vedrete nascere i vostri amici Pixar ed in seguito crescere fino a prendere la forma a voi ben nota.

– Storia, i Cartoni Animati Pixar hanno da sempre dato vita a racconti ben studiati; dal primo lungometraggio, Toy Story, per arrivare al più recente Coco , ciò che ha reso indimenticabili i loro lavori è soprattutto l’abilità nel saper creare storie avvincenti, che per le due ore di visione sono in grado di farti dimenticare che stai assistendo a una proiezione animata.

– Mondo, o forse meglio dire Mondi, quelli in cui sono ambientate le avventure più disparate dei vari personaggi; luoghi che prendono spunto dal reale ma sono riadattati a misura di bambino. La perfezione sta nella cura dei dettagli, nulla è lasciato al caso tutto viene studiato fin nel più piccolo elemento per creare quelle che sono atmosfere credibili e ambientazioni entusiasmanti. Sono mondi veri e propri in cui sembra plausibile vivano determinate storie con i loro buffi personaggi.

“I nostri film sono assolutamente high-tech, ma alla loro origine ci sono storie e personaggi sbocciati   dall’immaginazione e dalla traccia di una matita su carta. “

Lee Unkrich , Regista- Montatore

La mostra è ideata come una passeggiata nel mondo Pixar: passerete da una stanza all’altra, senza dover seguire un percorso prestabilito; troverete aree dedicate alla storia degli Studios per scoprire come tutto è nato e conoscere qualcosa in più sugli uomini che si celano dietro ai disegni, partendo dal 1986 per arrivare ad oggi; scoprirete con quanta dedizione vengono scelte le voci e create le musiche, che non sono solo un di più ma parte integrante dei film; troverete ad accogliervi Woody e Buzz, che passeranno la mano a Mike Wazowski e Sullivan; vi immergerete nell’oceano con Nemo e Dory, vi parrà di sentire il rombo dei motori di Cars e volerete con i palloncini di Up ritrovando quella lacrima che a tutti ha portato via la storia di Carl; passerete nelle cucine di Ratatouille per approdare poi nella mente umana di Inside Out dove Rabbia Disgusto Tristezza Paura cederanno inevitabilmente il passo a Gioia .

Oltre 400 opere si alterneranno a video esplicativi e due sale interattive – l’Artscape e lo Zoetrope – vi mostreranno come la tecnologia riesca a dar vita al disegno, vedrete le idee prendere vita, letteralmente.

E’ una mostra che celebra la creatività, l’inventiva e la dedizione: nulla sarebbe possibile senza questi elementi. E’ come immergersi nell’album dei disegni della Pixar: i cartoni prendono forma intorno a noi, e diventiamo per qualche ora parte di quel fantastico mondo che da anni ci fa compagnia. Non temete, non rovinerà l’atmosfera dei film, anzi, sarà come aggiungere magia a un mondo che di magia negli anni ne ha regalata già tanta e speriamo continuerà a coccolarci così come siamo ormai abituati.

Portate il bambino che è in voi a stupirsi ancora una volta di fronte a ciò che lo ha aiutato a crescere curioso e felice, i cartoni animati Pixar!

Rispondi