Nuovo Eataly a Roma, inaugurazione il 9 luglio

1Alle sette del mattino del 9 luglio, si raddoppia la presenza di un luogo di perdizione e bontà con l’inaugurazione del nuovo Eataly a Roma. Si troverà in Piazza della Repubblica, all’angolo Terme di Diocleziano, e proprio dalla sua posizione prenderà il nome: Eataly Repubblica, prodotto della collaborazione tra Eataly e il Gruppo Ethos, una delle aziende affermate nel settore enogastronomico lombardo.

Non so se vi sia mai capitato di girare tra i piani di questo posto ricco di profumi e di prodotti di ottima qualità, che certo si fanno pagare, ma riescono comunque a rapire il cuore, però posso assicurarvi che, se non l’avete fatto, non dovreste proprio perdere altro tempo. Il progetto, nato nel 1988 con la Trattoria Sanmauro, oggi è un gruppo di sei ristoranti tra Lecco, Monza, Brianza e Milano. La location di questo nuovo locale a Roma è unica nel suo genere, grazie al concentrato di storia ed arte che circonderà l’edificio, ma anche per il palazzo stesso, costruito dall’architetto Gaetano Koch.

Come tutti gli altri centri, Eataly Repubblica si concentrerà su piatti dagli elevatissimi standard di preparazione, ottenuti con materie prime ricercate e tramite l’utilizzo di procedure sostenibili, grazie all’approccio del Gruppo Ethos. Sviluppandosi in ben 1.500 mq d’estensione, si dividerà in diversi luoghi di ristoro: il ristorante salumi e formaggi, l’area pizza e focaccia al taglio con la pasticceria di Luca Montersino e il bar, il ristorante della carne, del fritto, della pasta, della pizza, la gelateria Lait, un’enoteca, una birreria e una sala eventi. Nel reparto mercato, che nel caso dell’altro centro romano è stato il settore per me più interessante, si potranno comprare oltre duemila prodotti di qualità.

Eataly Repubblica sarà aperto tutti i giorni dalle 7 del mattino alle 2 di notte, quindi non avete scuse. Io non vedo l’ora di andarci, anche perché inserire cibo e prelibatezze in una zona tanto bella di Roma è decisamente un connubio perfetto!

– Lidia Marino – 

Rispondi