Notre Dame de Paris, un nome che evoca mille immagini

1Bene, si presenta come un articolo complesso da scrivere, ma ho fatto i miei compiti a casa e, armata del mio taccuino di appunti, mi appresto a condividere con voi tutte le informazioni relative a questo evocativo nome. Notre Dame de Paris… beh, la cattedrale di Parigi: capolavoro dello stile gotico, sorge sui resti di un tempio dedicato a Giove. I lavori per la sua costruzione sono iniziati nel 1163 e sono finiti nel 1344. Ma di fatto, Notre Dame non ha mai finito di evolversi e di ispirare architetti, pittori, poeti, scrittori e musicisti. La Cattedrale, secondo una legge del 1905 che separa diritti e doveri tra Stato laico e Chiesa, è proprietà dello Stato Francese, che lo concede in utilizzo alla Chiesa Cattolica. Lo dico da quando avevo 5 anni; i francesi stanno troppo avanti. La Cattedrale di Notre Dame è dichiarata Monumento Storico di Francia nel 1862 e Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO nel 1991. E scusate se è poco.

Notre Dame de Paris… beh, il romanzo di Victor Hugo. Il ventinovenne Hugo scrive questo imponente romanzo a sfondo storico nel 1831 e ottiene successo e riconoscimenti, tanto dal pubblico che dalla critica dell’epoca. Siamo nella Parigi del 1482, sotto il regno di Luigi XI, e Hugo ci porta a conoscere le tragiche storie di Quasimodo, Esmeralda, bellissima fanciulla rapita dagli zingari in tenera età, Claude Frollo, Arcidiacono di Notre Dame e suo fratello Jean, del dongiovanni da strapazzo Phoebus de Chatepeurs, Capitano delle Guardie, dello spietato capo degli zingari Clopin de Trouillefou e del dolce poeta Pierre Gringoire. Dal romanzo di Hugo, nel corso degli anni, sono stati tratti diversi spettacoli, per il teatro, il 2cinema e la televisione. Abbiamo visto tutti la versione animata del 1996 targata Disney. Ora, la realizzazione è spettacolare come sempre ed anche le musiche meritano. Ma. C’è un grosso ma. Prendere uno Hugo e ridurlo al rango di una favoletta della buonanotte… perché? E cosa gli impedirebbe di far fare la stessa fine anche a Nanà di Emile Zola o a I Miserabili? Tremo al solo pensiero. Chissà perché non hanno mai pensato di fare Cappuccetto Rosso...?

Tornando al vero Notre Dame, passiamo a parlare di quello che è l’argomento di questo articolo: il musical di Cocciante! Siamo nel lontano 1997 quando Luc Plandon e Riccardo Cocciante realizzano libretto e musiche di un’opera popolare tratta dal romanzo di Hugo. Trovano un produttore e, il 16 settembre 1998, al Palazzo dei Congressi di Parigi, va in scena la prima mondiale di Notre Dame de Paris, con la regia di Gilles Maheu. Notre Dame è osannato da pubblico e critica per le sue innovazioni e si rivela lo spettacolo musicale di maggior successo nella storia di Francia, nonostante i melomani non apprezzino l’uso di basi musicali preregistrate. Il successo in patria spinge i produttori ad esportare lo spettacolo in altra nazioni, quali ad esempio Belgio, Canada, Cina, Corea del Sud, Giappone, Regno Unito, 3Stati Uniti e Svizzera. Riceve ovunque un’ottima accoglienza, ma mai come in Italia. Il libretto viene realizzato da Pasquale Panella e lo spettacolo prodotto da David Zard. La prima, nella suggestiva cornice dell’Arena di Verona, avviene il 14 marzo 2002 e da allora si susseguono 11 anni di trionfi fino al 2012. Si pensi che, per portare lo spettacolo a Roma, è stato costruito appositamente il Gran Teatro , poiché non esisteva uno spazio abbastanza grande per ospitare questa maestosa rappresentazione. La storia rispetta quella originale scritta da Hugo, con qualche variante comunque perfettamente inserita. Lo spettacolo è entrato nel Guinness World Record, in quanto è stato visto da oltre 15 milioni di spettatori nel mondo e si è rivelato il musical di maggior successo durante il primo anno di rappresentazioni, record precedentemente detenuto da Miss Saigon e successivamente da Wicked.

E fin qui era storia. Ma qual è la buona notizia per il futuro?
La buona novella è che, dopo oltre 1000 repliche in 11 anni e dopo 4 anni di meritato riposo, lo spettacolo tornerà ad affascinarci sui palchi più importanti d’Italia! Notre Dame de Paris torna, per vecchi affezionati e nuovi adepti, nel 2016. Già confermate le date di Milano, Napoli e Firenze. Noi di YouPopCorn vi terremo aggiornati.

– Monia Guredda – 

Rispondi