Non Solo Classici – Giuseppe Balsamo di Alexandre Dumas

Con il consueto appuntamento della rubrica Non solo classici, oggi facciamo la conoscenza di un altro romanzo del celebre autore Alexandre Dumas dal titolo Giuseppe Balsamo.

Ma andiamo con ordine!

Per approcciarci al libro bisogna sapere che questo è il primo romanzo del ciclo dedicato alla storia di Maria Antonietta e della Rivoluzione. A Giuseppe Balsamo, scritto nel 1848, seguono La collana della regina, Ange Pitou, La contessa di Charny e Il cavaliere di Maison-Rouge.

La storia è incentrata sul negromante, mago, stregone, scienziato e nobil uomo Giuseppe Balsamo, meglio conosciuto come il celebre Conte di Cagliostro. La trama è la seguente: il Conte, dopo essersi salvato da una tempesta, trova riparo presso il castello del Barone di Taverney, un nobile ormai in rovina. Per una serie di motivi che possono essere racchiusi dalla parola “destino”, la Delfina di Francia decide di fermarsi, durante il suo viaggio verso Parigi, nel castello del Barone. L’uomo colto dal panico chiede aiuto al suo ospite che allestisce immediatamente un banchetto degno della visita. La Delfina stupita dall’accoglienza chiede di incontrare l’uomo e di leggerle il futuro. Ovviamente l’uomo, che non può sottrarsi al volere della futura Regina, rivela quello che il destino ha in serbo per lei. Parallelamente alla vicenda della Delfina si viene a conoscenza della vita privata di Giuseppe Balsamo. Dumas racconta al lettore la storia d’amore del protagonista con Lorenza Feliciani, legata al marito da uno strano sortilegio.Sono infatti le sue ripetute fughe a dare movimento a tutto il romanzo: quasi tutte le azioni dell’uomo hanno il solo e unico scopo di trovare e ritrovare la sua amata. A tutto questo si accosta la spasmodica ricerca dell’eterna giovinezza, perpetuata da Althotas il maestro del Conte, che nel romanzo è chiamato Acharat. Una ricerca di cui inevitabilmente si conosce l’esito.

Chi è amante del genere non può non provare, leggendo le pagine dello scrittore, una sensazione di imminente tragedia. La penna di Dumas ha l’abilità di intrecciare riti magici e sacrifici umani, amori e passioni, gli intrighi di corte di madame Du Barry e del duca di Richelieu impegnati a soddisfare i desideri lussuriosi di Luigi XV. Fino all’incoronazione di Luigi XVI e all’ascesa di Maria Antonietta che perde ogni inibizione davanti ad un cuore innamorato.

Realtà e immaginazione si mescolano sapientemente lasciando al lettore una storia che vale la pena di conoscere.

Buona lettura a tutti.

 – Giuseppina Serafina Marzocca –

Rispondi