My two cent n. 3 – Il giorno prima della felicità

Bentornati, Fedeli Lettori! Oh, come mi diverte scrivere questa mini rubrica random! Spero che a voi faccia piacere leggerla. Occupa il tempo di un caffè e magari vi dà una buona idea per la vostra prossima spedizione in libreria. La mia speranza è che questi flash letterari possano sviluppare una discussione con voi lettori nei commenti. Oggi vi parlerò del terzo romanzo da me letto in questo 2021

Trovato in un mercatino dell’usato, ho subito deciso di adottarlo. Chi ha letto De Luca sa cosa aspettarsi; Erri più che sullo sviluppo della trama si occupa della mente e del cuore dei suoi personaggi, e delle sensazioni, visive, tattili, olfattive, mnemoniche che il paesaggio che descrive ispira, tanto nei personaggi quanto nei lettori.

Durante “Il giorno prima della felicità” assistiamo alla maturazione del giovane protagonista in una Napoli post bellica, ferita e per questo ancor più magnifica. Il bambino, poi ragazzo e infine uomo, come un eroe epico deve affrontare pericolosi nemici e numerose prove di coraggio per liberare la bella e triste principessa prigioniera nella torre. Sempre accompagnato dal suo maestro e tutore, destinato a insegnare la teoria del volo per poi veder volare via il suo allievo. Ma questo è il viaggio dell’eroe, il suo destino.

E De Luca conosce le regole e ci gioca toccando corde che credevamo sopite.

Ve lo consiglio? Sì!

Quindi vi auguro buona lettura! Alla prossima!

– Monia Guredda –

Rispondi