Musei in apertura nel 2018

L’anno appena passato è stato importante, per quanto riguarda le inaugurazioni di luoghi d’arte nel mondo: nel 2017, infatti, hanno visto la loro apertura il Louvre di Abu Dhabi (il primo museo della cultura occidentale in Oriente), l’Yves Musée Saint Laurent Museum a Marrakesh, dedicato al lavoro dello stilista francese, il Centro Botin di Santander, disegnato da una delle firme dell’architettura più importanti al mondo, Renzo Piano. Ebbene, i musei in apertura nel 2018 non saranno da meno. Iniziamo parlando del Victoria & Albert Museum che aprirà il 15 settembre in Scozia. La famosa istituzione londinese ha deciso di espandersi a Dundee, città ad un’ora e mezza da Edimburgo e Glasgow, per realizzare il primo museo del design della Scozia. Il museo è stato progettato dal celebre architetto giapponese Kengo Kuma e sorgerà sul lungomare di Dundee, non lontano dalla chiesa parrocchiale di Sant’Andrea. Il primo museo di design in Scozia e l’unico altro museo V & A in qualsiasi parte del mondo, fuori da Londra, sarà dedicato al design scozzese e mondiale.

Con Muza, in maltese, si intende “ispirazione” e proprio questo sarà il nome del Museo che aprirà nello storico sito all’interno della capitale Città di La Valletta, patrimonio dell’Unesco. Il progetto, a energia verde, è un museo d’arte nazionale-comunitario, il primo del suo genere, e sorgerà nell’edificio che un tempo era la sede dei cavalieri italiani dell’Ordine di San Giovanni. L’apertura è prevista proprio durante l’anno in cui Malta sarà capitale europea della cultura. In Canada, invece, e più precisamente a Edmonton, aprirà il Royal Alberta Museum, il più grande museo del Canada occidentale. Il nuovo edificio ospiterà una ricca collezione sulla storia naturale e umana, nonché una galleria per bambini, una bug room, e una galleria Manitou Stone, con mostre temporanee dedicate alla flora delle Montagne Rocciose.

Ci spostiamo negli Stati Uniti, dove ad Aprile aprirà il VCU Institute for Contemporary Art in Virginia. Il museo ospiterà una lista di mostre dinamiche, spettacoli, film e programmi speciali. L’inaugurazione prevede una mostra, “Dichiarazione”, che esplorerà il potere dell’arte contemporanea di catalizzare il cambiamento con opere di pittura, scultura, opere multimediali, installazioni e performance basate sul tempo di vari artisti. Troveremo infine a New York il National Comedy Center, prima istituzione culturale senza fini di lucro, che proporrà una grande mostra dedicata alla commedia. Con più di 50 eventi coinvolgenti, il Centro, celebrerà la commedia in tutte le sue forme. Una sezione particolare del National Comedy Center sarà inoltre dedicata agli archivi di George Carlin e ci sarà anche una “Blue Room”, dove l’argomento  trattato sarà la forma d’arte e la storia dei tabù culturali.

– Lidia Marino –

 

Rispondi