Luoghi d’arte che i turisti stranieri amano di più in Italia

Personalmente, se non fossi italiana, non saprei davvero da dove iniziare a sorprendermi della bellezza della nostra penisola: del resto, lo sappiamo bene, quanto ad arte e luoghi mozzafiato difficilmente al mondo veniamo battuti e almeno di questo possiamo ben vantarci. Ma quali sono i luoghi d’arte che i turisti stranieri amano di più in Italia? Questa lista è facile da ottenere, perché, oltre ai dati registrati dalle visite annuali in questi posti, sarebbe sufficiente cercare su internet quali siano i centri d’interesse e veder ripetere sempre gli stessi in varie testimonianze ed ecco che avremmo i nostri vincitori. Sono certa che alcuni di questi potreste indovinarli ancora prima di leggerli.

10. Castel del Monte
1
Sì, questa meravigliosa costruzione presente nella nostra Puglia, viene assolutamente adorata all’estero, conosciuta grazie anche a diversi film girati al suo interno (uno degli ultimi il nostro Il Racconto dei Racconti). Fatto costruire nel XIII secolo dall’imperatore Federico II, nell’attuale frazione omonima del comune di Andria, è situato su una collina della catena delle Murge occidentali, e ha una veduta davvero molto suggestiva dalle sue torri. Ho avuto la fortuna di visitarlo l’anno scorso e devo ammettere di esserne rimasta folgorata, quindi se manca al vostro appello, dovreste subito partire per visitarlo. È stato inserito nell’elenco dei monumenti nazionali italiani nel 1936 e in quello dei patrimoni dell’umanità dell’UNESCO nel 1996.

9. La Valle dei Templi 

2

Anche questa presenza non può stupirvi: questa enorme eredità greca è splendida da vedere e per chi, come gli americani, non possiede una storia così antica, un posto del genere non può che lasciare sgomenti. La Valle dei Templi, infatti, è un’area archeologica della Sicilia, caratterizzata dall’eccezionale stato di conservazione e da una serie di importanti templi dorici del periodo ellenico. Corrisponde all’antica Akragas, monumentale nucleo originario della città di Agrigento. Dal 1997 l’intera zona è stata inserita nella lista dei patrimoni dell’umanità redatta dall’UNESCO. È considerata un’ambita meta turistica, per l’appunto, tanto che solo nel 2011, è stata visitata da ben 583.465 visitatori.

8. Ercolano e Pompei 

3

È molto probabile che all’estero amino questi siti molto più di noi: affermo questo con amarezza, visti gli ultimi stati di conservazione di un patrimonio artistico del genere, ma questa realtà è applicabile anche in altri molti luoghi, purtroppo. Comunque, In queste località campane, vicino Napoli, sepolte dall’eruzione del Vesuvio oltre duemila anni fa, il tempo sembra essersi fermato, consentendo a ogni visitatore di viaggiare nel passato ed è una sensazione davvero incredibile.
Pompei, proprio per questo motivo, ha detenuto a lungo il primato di luogo più visitato al mondo. Il 24 agosto del 79 d.C., a causa dell’eruzione del Vesuvio, l’area della città e delle ville suburbane fu sepolta sotto uno spesso strato di pietra, cenere e lapilli, al contrario di Ercolano che scomparve sotto il fango vulcanico. Dal momento della scoperta delle due città sepolte, avvenuta nel XVIII secolo, gli studiosi ne hanno scavato importanti testimonianze architettoniche, che sono tutt’ora visitabili e piene di fascino.

7. La Torre di Pisa

4Se siete mai stati a Pisa, questo dato non può sorprendervi minimamente: basterà avvicinarvi al centro, infatti, per vedere un’incredibile quantità di turisti stranieri riempire il monumento di foto, non mancando di scattare quella famosa dove si spinge la torre o si cerca di non venirne atterrati. La torre è il campanile della cattedrale di Santa Maria Assunta, ed è situata nella piazza del Duomo. La sua pendenza è dovuta a un cedimento del terreno sottostante verificatosi già nelle prime fasi della costruzione. È stata addirittura proposta come una delle sette meraviglie del mondo moderno.

6. Manarola (Cinque Terre)

5

Manarola è un antico borgo della Riviera ligure di Levante e costituisce una delle Cinque Terre. Famosa la sua “Via dell’Amore”, la passeggiata scavata nella roccia a strapiombo sul mare, che la rende meta di migliaia di turisti provenienti da tutto il mondo. Le case torri presentano intonaci colorati e si affacciano sulla marina, risalendo il dislivello della collina, e arrivano fino alla chiesa parrocchiale di San Lorenzo, risalente al XIV secolo, con il bel rosone in marmo bianco di Carrara sulla facciata. Da non perdere all’interno della chiesa due trittici dipinti su tavola del Maestro delle Cinque Terre. Patrimonio dell’UNESCO, è un luogo quasi magico, che può stregare chiunque.

5. Il Duomo di Milano

6

Il duomo di Milano è una chiesa, monumento simbolo del capoluogo lombardo e uno dei simboli d’Italia, dedicato a Santa Maria Nascente, situato nell’omonima piazza, nel centro della metropoli. Per superficie è la terza chiesa cattolica nel mondo dopo San Pietro in Vaticano e la cattedrale di Siviglia. Attira moltissimo la presenza di un numero elevato di statue, nonché la sua incredibile imponenza sul territorio circostante. Se non ci siete mai stati, vi consiglio di arrivarci in metro: salendo le scale ve lo troverete davanti e vi farà davvero un effetto che non dimenticherete.

4. Basilica di S.Pietro in Vaticano7

Sì, non poteva mancare questa meraviglia.  La basilica di San Pietro è la più grande delle quattro basiliche papali di Roma, nonché centro del cattolicesimo. Non è tuttavia la chiesa cattedrale della diocesi romana poiché tale titolo spetta alla basilica di San Giovanni in Laterano che è anche la prima per dignità essendo Madre e Capo di tutte le Chiese dell’Urbe e del Mondo. Molti vanno a visitarlo per poter assistere ad un’omelia del Papa, o per accedere ai Musei Vaticani, ma vi assicuro che anche solo passare in macchina davanti a tale spettacolo provoca un tuffo al cuore. Inoltre, sfido qualsiasi turista – straniero e non – a non rimanerne estasiato in particolare a Natale, con le luci e un albero enorme davvero suggestivo.

3. Santa Maria del Fiore

8

Conosciuta comunemente come Duomo di Firenze, è la principale chiesa fiorentina, simbolo della città ed uno dei più famosi d’Italia nonché la terza chiesa al mondo per grandezza. Con la sua mole gigantesca si impone come una presenza sovrastante nella spettacolare cornice del centro religioso cittadino, che il Battistero e il campanile di Giotto vanno a completare. Poi, se non soffrite di vertigini, come me, dovete assolutamente salire sulla sua cupola e vedere Firenze dall’alto: fatelo anche per me.

2. Venezia

9

Nonostante Venezia abbia un patrimonio artistico enorme, uno dei motivi per il quale è più famosa all’estero sono i suoi canali: gli stranieri li adorano e sognano di poter fare un giro sulle gondole. Non che sia un sogno solo estero, eh? Personalmente sono stata a Venezia tre volte e l’ho trovata sempre meravigliosa. Un encomio in particolare va senz’altro alla Basilica di S.Marco. Il carattere bizantino che la contraddistingue appare soprattutto nei grandi mosaici che narrano le storie di San Marco, ma anche gli episodi dell’Antico e del Nuovo Testamento. Oggi purtroppo, dato l’enorme numero di visitatori, è possibile visitare solo in parte questo gioiello universale, ma comunque anche da fuori vi farà sognare.

1. Colosseo e Fontana di Trevi

10

Io sono siciliana, quindi non sono di parte quando affermo che per me scegliere solo una parte di Roma non le rende assolutamente giustizia: Roma sarebbe da visitare e amare tutta, perché è meravigliosa. Comunque, non essendo io a fare la lista, ma i turisti stranieri, ho messo i due monumenti più citati nei siti esteri. Il Colosseo, come ho detto prima per il Duomo, dovete assolutamente vederlo la prima volta, uscendo dalla Metro B. Avevo sette anni e ancora me lo ricordo come uno dei momenti più emozionanti della mia vita. Di notte, illuminato, mantiene il suo fascino, ma anche di giorno è davvero splendido. Del resto, non so voi, ma camminare per i Fori Imperiali o guardare una costruzione del genere mi fa sentire come se potessi davvero partecipare ad una storia così importante. Se non volete spendere il biglietto dell’ingresso, non preoccupatevi perché è l’esterno che conta. Quanto a Fontana di Trevi, ogni volta è un nuovo colpo al cuore. La più grande fontana di Roma, nonché una delle più celebri del mondo, è stata progettata da Nicola Salvi, adagiata su un lato di Palazzo Poli e appartiene al tardo barocco. Capisco perfettamente perché i turisti la amino.

– Lidia Marino – 

Rispondi