L’occhio di Medusa: commento e teorie Pretty Little Liars 7×19

L’occhio di Medusa: commento e teorie Pretty Little Liars 7×19

Lo so, sono in ritardo. E l’articolo sullo scorso episodio non è uscito. Perdonatemi, ma con l’alta stagione e un matrimonio in redazione è stato difficile tenersi al passo! Ad ogni modo, vorrei comunque menzionare due scene della settimana passata che non possono assolutamente passare inosservate.

1) Il matrimonio Haleb: sapete quel misto di felicità per la vostra OTP che finalmente, dopo sette stagioni, convola a nozze e l’amarezza per averle dato cinque miseri minuti sullo schermo, mentre gli Ezra pianificano tutto da settimane e perfino Toby e Yvonne hanno avuto un matrimonio più romantico (stroncato subito dalla morte di lei, ma sorvoliamo)? Senza contare quel che la sceneggiatura ha fatto in questo flashforward agli Haleb come coppia e come singoli personaggi… In conclusione, la felicità che attendevo da anni è stata ridimensionata, ma sono stata comunque contenta di saperli finalmente marito e moglie!

2) La gemella di Spencer: che strano il cambio di atteggiamento tra la Spencer in pena per Mary e quella che incontra Ezra in aeroporto. Ancora di più, che strana la Spencer che, di punto in bianco, si presenta da Toby e fa l’amore con lui, sensuale come Spencer sa essere, ma come dubito sceglierebbe di porsi di fronte al suo ex fidanzato vedovo. Inoltre, Spencer indossa jeans e maglietta nelle scene precedenti e successive, ma in questa ha un abito che non si può dimenticare… era blu e nero oppure bianco e oro?! Ditemi che non sono stata la sola a pensarci!

Passiamo ora all’ultimo episodio della stagione. Della serie. Di tutto Pretty Little Liars – lo sentite, il magone? Torna il personaggio che in assoluto odio di più di tutta la serie, probabilmente di qualsiasi serie, perfino più di Ali, perché è la Dolores Umbridge di Rosewood. Pensateci bene: la maledetta Tanner, negli anni passati, ha preferito fingere che A non esistesse o che non fosse implicato nel rapimento delle Liars, per poi decidere che era in combutta fra di loro e ora, nel presente, chiudere il caso Rollins con la confessione di Mary Drake perché “al procuratore piacciono le storie semplici e lineari, non le teorie”; a parte che questo procuratore non ha mai visto le nostre, di teorie, davvero l’unico poliziotto non corrotto di Rosewood – eccetto Toby  e Marco – è tanto ipocrita da fingere di essere il miglior detective in circolazione, distruggere la vita di cinque ragazze e poi chiudere il caso in fretta e furia perché “Dai, è meglio così”? Non ho parole. La voglio morta. Può morire lei nel prossimo episodio, per favore?!

Come ho accennato, Mary Drake confessa per salvare figlia e nipote, alle quali ha inoltre intestato il Lost Woods Resort; non confessa soltanto l’omicidio di Rollins, suo ex complice, ma anche quello di Jessica. Ma esita. Perché si dispiace di avere ucciso sua sorella, perché dall’altra parte del vetro intuisce ci siano Spencer e Alison o perché, in realtà, sta coprendo la sua terza figlia, la gemella misteriosa? Non ci è ancora dato saperlo, ma non riesco a convincermi della sua colpevolezza.

Prima che lei confessi, Aria dà i numeri: ha un cadavere nel bagagliaio, vuole disfarsene, ma vuole anche che le sue amiche la perdonino, quindi si presenta davanti alla centrale di polizia, Ezra la ferma – dopo una sfuriata contro le Liars – e la convince a lasciar perdere. Aria, ripeto, mi piace molto in questa seconda metà di stagione, però ora la metterei da parte per parlare dell’ultima trollata di Marlene: il sogno di Emily. Ricordate quella scena al termine della prima metà della seconda stagione, quando Alison si firma alla lavagna come Mrs Rollins e le sue amiche compaiono sulla porta della sua aula, gridandole che “lui” è arrivato ed è lì per lei? “Lui” era il cadavere di Rollins. Era tutto un sogno. Splendido. Lo spettatore alza le spalle, ormai rassegnato alle trollate di Marlene, e via con il resto dell’episodio, ma poi giustamente si altera quando la produzione afferma di avere girato quella scena senza avere in mente niente di niente, e di averla quindi voluta risolvere “al modo di Pretty Little Liars“. Ma andate rapidamente a cagare, eh.

Passiamo al mio personaggio preferito, in questo futuro che vede Hanna e Caleb meno belli del solito, la splendida e astuta Mona. “No, non ci credo, Mona è ricaduta nel vortice”: almeno Hanna riesce ad ammetterlo e a sentirsi enormemente in colpa, ma all’inizio ha dubito anche lei della sua amica. Una volta scoperto che il gioco da tavolo si trovava a casa di Mona, decide di pedinarla insieme a Caleb. Il problema è che il gioco, appunto, si trovava là, ma è stato rubato da A.D., che intende incontrarla dove lei aveva dato appuntamento a Charlotte la notte del suo rilascio. Non riesco completamente a essere certa che la Spencer che raggiunge gli Haleb sia quella vera per due motivi: la sua apparizione, a differenza delle altre Liars, proprio nel posto in cui A.D. doveva vedere Mona e l’espressione di Caleb quando si scusa per averla ferita. Spencer sembra non curarsene, poi attribuisce il tutto al fatto che i due non devono più preoccuparsi per lei. Questa Spencer è vestita come l’altra, qualcuno – potrebbe comunque trattarsi di un complice – manda un biglietto a Mona mentre Caleb è con lei e con un’azione tanto avventata c’era il rischio che la vera Spencer si confrontasse con gli Haleb, una volta scoperto il loro matrimonio in un’eventuale scena successiva. Tuttavia, non riesco a dimenticare l’espressione di Caleb. Sorpresa, certo, ma come quando Hanna gli nascondeva l’esistenza di A.

Tornando a Mona, Hanna la incontra nella chiesa della città, vestita come la Mona di un tempo, con occhiali e trecce. E Mona, catapultata nel proprio mondo immaginario, crede che lei si Charlotte e confessa. Confessa di averla uccisa. Un po’ mi dispiace, perché le still uscite la scorsa settimana la mostravano nel campanile, spoilerando quindi la sua presenza sulla scena del delitto, però sono contenta di vedere la prima A mettere nel sacco un successore che si credeva meglio di lei. Con Mona non si scherza, dovreste averlo capito tutte. Mi spiace, infine, che la sua ricaduta sia stato solo un modo di mostrarla nell’ultimo episodio di nuovo con il camice del Radley, di nuovo folle come nella terza stagione, in cui Janel aveva recitato magnificamente… però ciò va a favore di noi spettatori e non della povera Mona.

Una volta ottenuta la confessione, il puzzle è completo. Viene rivelato il posto in cui trovare il cadavere di Rollins, la tomba fittizia a casa di zia Carol, e Mary chiude il cerchio anche con il caso Rollins. Fine dei giochi. Per ora…

Analizziamo il trailer del prossimo episodio, scena per scena:

  • breve panoramica dei personaggi che hanno indossato la felpa nera, da Mona ad Aria;
  • due personaggi (uomo e donna che non riesco a identificare) corrono in un tunnel;
  • le Liars mangiano insieme fuori dal Brew e parlano del non guardarsi mai indietro (l’espressione di Hanna sembra indicare che sia in pena per qualcosa, forse senso di colpa per avere reso Mona di nuovo folle?);
  • le Liars consolano Aria in lacrime, poi insieme ad altri, tra cui Ezra e Caleb, cenano all’aperto e la soggettiva è di qualcuno che li sta spiando;
  • Aria afferma di non poter sposare Ezra;
  • Spencer e Toby si baciano;
  • cade e si rompe una sfera con la neve, di quelle che tanto amava Jenna, e il successivo fotogramma è per lei;
  • torna Melissa;
  • Mona, vestita da A, colpisce in faccia Spencer/la gemella, la quale si risveglia e abbraccia qualcuno, prima spaventata (forse Mary, che compare poco dopo?);
  • Addison muove la mano davanti a Jenna per constatare che non ci veda;
  • Mary piega il braccio di Spencer/la gemella, e credo che qui avverrà la rivelazione (Mary sa chi è veramente);
  • Wren spara;
  • Mona, in camice, si confronta con A.D. e afferma di non avere mai immaginato che fosse lei/lui, poi sembra spaventata;
  • il promo mi fa arrabbiare perché parla di un finale di tre ore, ma contando anche il party con le attrici. Comunque il finale sarà di due ore e questo è bellissimo.

Cosa possiamo intuire da questo trailer?

  • Primo, Wren usa un silenziatore. Quindi si tratta di un omicidio premeditato. Wren sa che la gemella non è la vera Spencer? Dico di sì.
  • Come lo sa Mary, che abbracciando Spencer le tocca la spalla, dove dovrebbe essere ferita – anche la gemella ha una ferita sulla spalla, ma forse meno profonda, forse “finta”, fatta soltanto per trarre in inganno Toby – e capendo che lei non sente dolore o qualcosa di simile le torce il braccio, adirata per come si è comportata con la sorella. Sarà quindi Mary, in questa scena, a rivelare al pubblico l’esistenza di una gemella.
  • Aria afferma di non volere sposare Ezra… e dice “marry”. Ero certa fosse “bury”, e mi stavo preoccupando.
  • C’è un salto nel tempo fin dall’inizio dell’episodio, perché Alison ha sempre la frangetta. Forse il bambino è già nato.
  • Tornando a Wren, che la sfera rotta suggerisca che a morire sia Jenna?D. l’ha usata, ma non le serve più. E forse Wren, che appare disturbato da ciò che sta facendo, è obbligato a spararle per evitare che A.D. diffonda la verità su eventuali altri suoi crimini (Sara Harvey, forse).

 

Altre teorie? Come per Charles/Cece, credo azzeccherò il finale qualche ora prima, dopo giorno e giorni di teorie. Lo spero. Anche se per ora la teoria su A.D. è: la gemella, a differenza di Spencer, non viene presa dagli Hasting, ma data in adozione; Wren lo sa, e forse come Ezra ha avvicinato gli Hasting apposta, è entrato nelle loro vite (al Radley, durante la terza stagione, disegnava una donna vestita di rosso con dei capelli neri, e forse non si trattava di Vivian Darkbloom) e il suo scopo è aiutare la donna che ama, la gemella, a cui ha raccontato le minacce passate di A e Charles, dandole un’idea per il suo piano di vendetta; la gemella, effettivamente, si sente legata alle sorelle/sorellastre e vuole trovare l’assassino di Charlotte, senza però fare troppo del male a Spencer (a lei, si è già detto, spettano le sfide più semplici). La gemella vuole la vita di Spencer, vuole essere una ragazza normale e amata dalla famiglia… e forse è stata ricoverata al Radley anche lei. La gemella è Courtney, la misteriosa sorella di Alison dei libri.

E questo mi fa azzardare un’ulteriore teoria. La vera Spencer è sparita. Rapita, come ha scoperto Mona, e quello che fa è salvare le sue amiche – amiche, diceva a Charlotte, loro che non l’hanno mai voluta nel gruppo, a parte Hanna – quando nel trailer tira un pugno alla gemella. La vera Spencer, quella che vedremo risvegliarsi nella prossima puntata, è stata rapita e sostituita da Courtney (chiamiamola così, per il momento). È per questo che Courtney può azzardarsi a sostituirsi a Spencer nella scena con Mona e gli Haleb, è per questo che sorride a Mary e le prende la mano, lei che al contrario di Spencer non ha mai significato niente per la madre, e non c’è da escludere che Mary la ritenesse morta alla nascita; lei che si china di fronte a Mona e le parla piano, perché sa quello che significa vivere da reietti. Voleva vendetta per Charlotte, ma nel trailer Mona è ancora viva. Forse Courtney ha capito il motivo del suo gesto e quanto tenesse alle Liars.

Alla prossima, ultima puntata (sigh!). Bye bye, bitches.

– Medusa –

Rispondi