Le star delle serie tv: Sarah Michelle Gellar

L’abbiamo vista nell’articolo di ieri dedicato alla reunion di Buffy e ci siamo accorti che non abbiamo mai smesso di volerle bene, né mai lo faremo. Ecco perché la star della settimana è proprio Sarah Michelle Gellar, con la sua ancora bellissima figura e il suo enorme talento sullo schermo, piccolo o grande che sia.

1. Pattinatrice.

Che Sarah sia una persona atletica abbiamo avuto modo di vederlo anche nella sua serie di punta e in effetti uno dei motivi che hanno spinto la produzione a sceglierla era propria la sua conoscenza delle arti marziali. Ma la bella attrice non è abile solo nel dare pugni e calci, ma anche nel volteggiare sul ghiaccio. La Gellar, infatti, prima di prendere parte in Buffy era campionessa di pattinaggio su ghiaccio e negli anni ’90 arrivò seconda alle nazionali dedicate a questo sport. Del resto anche il suo alter ego più famoso da bambina sviluppa una grande ammirazione per la pattinatrice Dorothy Hamill, ricordate? Ad ogni modo, la Gellar è anche cintura nera di Karate Shotokan.

2. Dismorfismo corporeo.

L’attrice tempo fa ha rivelato a Health di soffrire di dismorfismo corporeo. Questa patologia psicologica porta la persona a considerare reale e insopportabile un determinato difetto fisico, e a rendersi pronta a tutto per cambiarlo o eliminarlo. Potreste pensare che si tratti di un pensiero abbastanza comune, ma in realtà il disagio è molto grave e può portare ad uno stato di stress e crisi davvero grande. La Gellar ha dichiarato: “un mio amico makeup artist una volta mi disse che non mi aveva mai visto guardarmi allo specchio. Sono sempre circondata da quegli oggetti per via del trucco e parrucco, ma effettivamente cercavo sempre di evitarli. Allora mi sono fatta delle domande”. Con il tempo e soprattutto con la nascita di sua figlia Charlotte l’attrice è riuscita in parte ad affrontare il problema, che comunque combatte ogni giorno: “devo solo ricordare che sono un essere umano e una mamma. Essere genitore cambia la vanità, almeno un po’. Deve. Le priorità sono diverse rispetto a prima”.

3. Ruoli forti.

Sarah, oltre al suo ruolo più famoso, ha sempre seguito una scelta coerente nella propria carriera, impegnandosi di interpretare solo ruoli che ritenesse in qualche modo interessanti, forti, intensi. “Senza dubbio lavorare così tanto nel serial Buffy mi ha un po’ viziata nel vedermi in ruoli forti che avrei grandi problemi a interpretare cose tipo la fidanzatina della porta accanto. D’altronde credo fortemente nel dover scegliere il proprio ruolo e ammiro moltissimo attrici come Nicole Kidman, Julianne Moore o Charlize Theron che avrebbero potuto “svendersi”, ma hanno invece sempre mantenuto un certo codice. Io amo interpretare personaggi di film horror e di azione, ho avuto la gran fortuna di lavorare sempre con ottimi registi e questo mi ha dato esperienza e di conseguenza possibilità di scelta.”

4. Curiosità Random.

L’attrice è stata notata casualmente da un agente, mentre pranzava al ristorante con sua madre, all’età di soli quattro anni, ed è stata ingaggiata per il suo primo ruolo: uno spot tv per Burger King. Il suo colore preferito è il rosa e ama molto indossarlo anche in servizi fotografici. Ha conosciuto il marito, Freddie Prinze Jr.  sul set di di So cosa hai fatto. Nel 1995, all’età di 18 anni, ha vinto il suo primo Emmy Award per la sua interpretazione nella soap opera La valle dei pini, dove interpretava il ruolo di Kendall Hart.

5. Foodstirs.

Sarah Michelle Gellar, insieme alle sue amiche, ha dato vita nel 2015 ad un nuovo marchio di cucina e stile di vita chiamato Foodstirs. La linea kid-friendly, venduta online, comprende un mix di tre forme di cottura (brownies, cupcakes e biscotti), decorazioni e kit artigianali tutti focalizzati sul preparare piatti amati dai bambini e dai loro genitori. I prodotti contengono anche ingredienti senza OGM che sono privi di conservanti artificiali, aromi e coloranti. Una parte dei proventi di ogni vendita è inoltre devoluta in beneficenza. La Gellar ha voluto offrire alle altre mamme la possibilità di realizzare dei dolci in modo semplice e veloce, così da “colmare il divario tra ispirazione e realizzazione”. Parlando del tempo passato in cucina con i bambini l’attrice ha commentato: “C’è davvero un grande legame che si ottiene solamente quando ci si scollega per un po’ e ti rendi conto che cucinare è molto di più che solo cucinare, perché in quel momento sviluppi competenze matematiche, competenze linguistiche, capacità motorie, abilità di vita ed il rafforzamento della fiducia, perché i ragazzi iniziano a credere di poter raggiungere tutto questo. L’orgoglio e la fiducia che vedo in mia figlia quando lei cucina con me è emozionante.”

– Lidia Marino – 

Rispondi