“Le donne non dovrebbero leggere né tantomeno scrivere:” Fannie Flagg

Bentornati, Fedeli Lettori!

Quest’oggi faremo la conoscenza di una scrittrice contemporanea, nota soprattutto per la trasposizione cinematografica di un suo romanzo. Vi presento Patricia Neal, o meglio, Fannie Flagg, nome con cui firma le sue opere.

Fannie nasce a Birmingham nella sweet home Alabama il 21 settembre del 1944. La Flagg esordisce col botto nel 1992 dando alle stampe Pomodori verdi fritti al caffè di Whistle Stop, che tutti conosciamo quantomeno per aver visto il celebre film. I romanzi della Flagg vengono tutti tradotti in Italia per quelli della Sonzogno che decide di seguire la falsariga del primo libro proponendoci come titoli Hamburger e miracoli sulle rive di Shell beach, Pane cose e cappuccino dal fornaio di Elmwood Springs, In piedi sull’arcobaleno, Mr. Zuppa Campbell, il pettirosso e la bambina, Torta al caramello in Paradiso, Miss Alabama e la casa dei sogni, Voli acrobatici e pattini a rotelle a Wink’s Phillip Station.

E vi posso assicurare che si trovano tutti. No, io non ne ho ancora letto nemmeno uno, ma li cerco per una mia amica che ama questa autrice e puntualmente trovo un suo titolo in qualche mercatino proprio quando lo cerco! Comunque la Flagg è anche un’attrice e si è vista in piccoli ruoli sia in televisione che al cinema, in lavori tipo Wonder Woman, Grease e, ovviamente, un cameo in Pomodori verdi fritti alla stazione del treno.

Fannie Flagg è dichiaratamente omosessuale e lotta per i diritti della comunità LGBT anche tramite le pagine che scrive. Per dire, vedendo il film ci eravamo tutti accorti che tra le due protagoniste c’era un sentimento più intenso dell’amicizia, ma il tema dell’amore tra due donne è stato volutamente fatto passare in sordina nel film, mentre nel romanzo il legame tra le due è chiaro. Ma erano gli anni 90, letteralmente un millennio fa.

Auguro a tutti voi, me compresa: buona lettura!

– Monia Guredda –

 

Rispondi