Le canzoni natalizie più popolari

Vi è mai capitato, ascoltando i vostri brani preferiti mentre addobbate l’albero, di chiedervi quale fossero le canzoni natalizie più popolari? Beh, a me sì, ma devo dire che sono una vera “nerd del Natale”. Spero che qualcuno dei miei lettori sia curioso come me e dunque ecco una risposta alla nostra domanda!

Secondo l’American Society of Composers, Authors and Publishers (ASCAP) nel 2016, “Santa Claus Is Coming to Town”, scritta da Fred Coots e Haven Gillespie nel 1934, è la canzone natalizia più suonata degli ultimi 50 anni. È stata eseguita per la prima volta dal vivo da Eddie Cantor nel suo programma radiofonico. Tommy Dorsey e la sua orchestra registrarono la loro versione nel 1935, seguita in seguito da una serie di artisti tra cui Frank Sinatra, The Supremes, The Jackson 5, The Beach Boys e Bruce Springsteen ne ha registrato una versione rock nel 1975.

I classici natalizi di lunga data precedenti all’ “era rock” dominano ancora le classifiche natalizie, come “Let It Snow! Let It Snow! Let It Snow!”, “Winter Wonderland”, “Sleigh Ride”, mentre i brani dell’era rock che entrano a far parte del canone della stagione includono “Wonderful Christmastime” di Paul McCartney, “All I Want for Christmas Is You” di Mariah Carey e Walter Afanasieff e “Last Christmas” di George Michael.

La maggior parte di queste canzoni in qualche modo descrivono o ricordano le tradizioni natalizie, come i paesi cristiani occidentali tendono a celebrare le festività, cioè con canti natalizi, vischio, scambio di regali, un albero di Natale, banchetti, tintinnio di campane, ecc. Celebrativo o sentimentale , e con un tono nostalgico, rievocano tempi più semplici con pratiche di vacanza memorabili, esprimendo il desiderio di stare con qualcuno a casa per Natale. Dalla metà degli anni ’50, invece, gran parte della musica natalizia prodotta per il pubblico popolare ha sfumature esplicitamente romantiche, utilizzando solo il Natale come ambientazione. Gli anni ’50 furono anche caratterizzati dall’introduzione di canzoni nuove che utilizzavano le festività come bersaglio per la satira e fonte di commedia. Eccezioni come “The Christmas Shoes” (2000) hanno reintrodotto temi cristiani come complementari ai temi secolari occidentali, e una miriade di versioni tradizionali di cover di canti natalizi di vari artisti hanno esplorato virtualmente tutti i generi musicali.

Alcuni titoli, inoltre, hanno aiutato a definire personaggi centrali dell’immaginazione natalizia. Quali? Beh, pensiamo alla renna con il naso rosso più famosa al mondo: “Rudolph the Red-Nosed Reindeer”, adattata da una poesia promozionale di un importante rivenditore, venne presentata al pubblico radiofonico da Gene Autry nel 1949. E “Frosty the Snowman”?, si tratta sempre di un pezzo uscito sulla radio di Autry.

Qual è la vostra preferita?

– Lidia Marino – 

Rispondi