Le 5 curiosità sulle star: Tom Hanks

Oggi parliamo di un talento incredibile, un attore capace di rapire la telecamera e catturare tutta la nostra attenzione solo con uno sguardo: parliamo di Tom Hanks. Mi sembra quasi sciocco fare un’introduzione, nel suo caso, visto che dovreste essere caduti in qualche burrone per anni – o su un’isola deserta, visto il soggetto del nostro discorso – per non sapere i grandi punti salienti della sua carriera. Insomma, tutti l’abbiamo visto, se non in tutti i suoi titoli, almeno in Philadelphia, in Forrest Gump, in Apollo 13, in Salvate il soldato Ryan, ne Il miglio verde e in Cast Away. Cioè, almeno in questi è quasi sicuro che lo abbiate visto, ma questo meraviglioso esemplare di talento cinematografico ha alle spalle ben trentasei anni di carriera sul grande schermo. E cosa sappiamo di lui, più personalmente? Andiamo a scoprirlo.

1. Precisione e dedizione.1

Come sappiamo, spesso il metodo adottato dai grandi volti del cinema americano è quello Stanislavskij, dove viene ricercata la massima immedesimazione dell’attore nel personaggio da lui interpretato. Ebbene, Hanks lo ha adoperato spesso, in particolare per uno dei suoi ruoli più di successo (io ancora non posso credere che non abbia vinto l’Oscar per questo): Cast Away. Dovendo vestire i panni di un uomo vissuto da solo in un’isola deserta, l’attore ha perso ben venti chili, esponendosi spesso al sole, tanto da bruciarsi la pelle, e mantenendo le distanze dal resto della crew il più possibile, per avvertire quel senso di solitudine oppressiva provata dal protagonista. Decisamente riuscito. Per quanto riguarda, invece, un suo ruolo più moderno, quello di Walt Disney in Saving Mr. Banks, Tom si è scontrato con la casa di produzione, per la decisione di inserire la passione di Disney per le sigarette: alla fine si è trovato un punto di incontro tra le due parti, facendo vedere il personaggio storico gettare un mozzicone a terra in una scena e tossire insistentemente all’inizio del film.

2. Record.2

Uno potrebbe pensare a Meryl Streep come attrice più premiata agli Oscar e invece per ora risulta “solo” la più nominata: la vincitrice è ancora Katharine Hepburn, con quattro statuette. Il titolo di attore che ha ottenuto il maggior numero di Academy Awards, invece, è diviso tra sette contendenti, tra i quali fa parte anche il nostro Tom (e se quei maledetti dell’Academy non avessero premiato Russel Crowe, ma GIUSTAMENTE Hanks per Cast Away, ora forse le cose sarebbero diverse): Spencer Tracy, Gary Cooper, Marlon Brando, Jack Nicholson, Fredric March, Dustin Hoffman e Tom Hanks, ciascuno dei quali ha vinto due Oscar come Miglior attore. Ha inoltre condotto ben otto volte i “Saturday Night Live”, rendendolo un membro del Five-Timers Club, un termine coniato in uno sketch girato proprio durante la quinta volta di Tom. L’attore è inoltre entrato nel Guinness dei primati per aver interpretato otto film consecutivi con un incasso di più di 100 milioni di dollari, compreso Toy Story, dove ha prestato la voce al cowboy Woody, che ha incassato 356.800.000 $ in tutto il mondo.

3. Iconico.3

Vi ricordate la sua grande interpretazione in Philadelphia, no? L’attore interpretava Andrew Beckett, avvocato gay affetto di AIDS, vittima di discriminazioni sul lavoro. Ebbene, quel film non solo ha permesso all’attore di vincere il suo primo Oscar come Miglior attore protagonista, ma anche di conoscere Denzel Washington, che Hanks cita ancora, dopo tanti anni, come “la Migliore scuola di recitazione che gli sia mai capitato di frequentare”. Inoltre, il ruolo è entrato al 49esimo posto tra gli eroi nella lista dell’American Film Institute Top 100 Heroes and Villains. Il discorso di ringraziamento fatto da Hanks in occasione degli Academy Awards, dove citava l’ispirazione ad un suo ex professore omosessuale, ha inoltre ispirato la storia del film In & Out.

4. Curiosità Random.4

Il padre di Tom, Amos Mefford Hanks, è un lontano discendente di Abraham Lincoln, sedicesimo Presidente degli Stati Uniti. L’attore ama molto leggere e collezionare antiche macchine da scrivere: nell’agosto 2014 ha sviluppato un’app per piattaforma iOS che rivisita l’esperienza di scrittura con l’iPad, trasformandolo in una macchina da scrivere, dal nome “Hanx Writertra”. Tra i suoi libri preferiti c’è A sangue freddo. Ama molto il cibo giapponese e ne apprezza quasi tutte le ricette. Segue il football e il baseball. Tra i film più amati ci sono: Il Padrino, Fargo e 2001 Odissea nello spazio. Il 7 ottobre 2013, durante una puntata del Late Show, condotta da David Letterman, ha rivelato di essere affetto di diabete mellito di tipo 2.

5. Hanks – Spielberg5

Quando un attore ha una capacità interpretativa così fenomenale spesso diventa il cocco di qualche grande regista: in questo caso Spielberg sembra avere gli occhi a cuoricino quando si parla di Hanks, e come biasimarlo? Ebbene, i due, hanno lavorato insieme in titoli famosissimi e campioni di incasso, per la precisione quattro: Salvate il soldato Ryan; Prova a prendermi; The Terminal e Il ponte delle spie.  Ebbene qual è il rapporto tra i due al di fuori del set? Hanks lo descrive così: “Siamo molto amici. Abbiamo anche prodotto insieme le serie tv Band of brothers, Dalla terra alla luna e The Seventies. Steven è l’unica persona con cui mi sento perfettamente a mio agio anche senza scambiare una parola per un’ora di seguito, mi spiego? Quando lavoro per lui come attore io gli do quello che lui vuole, e lui lo dà a me, perché Steven è un regista che esorta tutti i suoi attori a contribuire con idee proprie. È talmente sicuro di sé che abbraccia con entusiasmo qualsiasi cosa uno gli dica. Ogni discordia viene risolta prima di ritrovarsi sul set: non si può perdere tempo né soldi su un set di Spielberg; ma se una mattina sul set mi viene un’idea nuova gliela dico, lui è il primo ad appoggiarla. E io ammiro tantissimo chi sa suonare leggendo nota per nota lo spartito, ma che riesce allo stesso tempo a improvvisare seduta stante”.

– Lidia Marino – 

Rispondi