Le 5 curiosità sulle star: Susan Sarandon

Presentare certi nomi mi sembra quasi inutile, perché sono certa che Susan Sarandon la conosciate tutti, no? Ad ogni modo, per rinfrescarvi la memoria, non è solo la strega di Come d’incanto, per voler citare un film che di sicuro conoscerete, ma anche la vincitrice dell’Oscar come miglio attrice per Dead Man Walking, la rossa in Thelma e Louise, la giovane e bella “innocente” in The Rocky Horror Picture Show e potrei continuare con: Le streghe di Eastwick, Piccole donne, Nemiche amiche, Elizabethtown, Amabili resti, Cloud Atlas e tantissimi altri. Quindi, su, non abbiamo bisogno di aggiungere altro!

1. Vita privata.1

Susan Sarandon viene da una famiglia numerosa che ha avuto, oltre lei, altri otto figli (quattro maschi e cinque sorelle) tra cui il giornalista Terry Tomalin, morto d’infarto nel 2016, a 56 anni. Lei racconta di aver avuto un’educazione piuttosto severa e, tra le altre cose, le è stata anche imposta un’istruzione scolastica presso rigidi istituti cattolici. I genitori si separano nel 1982 e lei, in reazione a tutto quello che l’aveva toccata sin da bambina, diventa una ragazza ribelle, che non perde occasione per presentarsi in piazza a manifestare contro la guerra del Vietnam e a favore dei diritti civili. Nel 1968 si sposa con il futuro attore Chris Sarandon, del quale, nonostante il futuro divorzio, terrà sempre il cognome. Ha avuto delle relazioni e tre figli, ma dopo il fallimento del suo primo matrimonio ha dichiarato di non credere più in tale istituzione.

2. Anti-Hollywood.2

Proprio per il suo carattere “ribelle”, l’attrice non ha mai sentito la necessità di temere per la propria bellezza e ha affrontato i segni dell’età con enorme stile e freschezza. Si dice molto fortunata di poter recitare, di poter continuare questo progetto di vita e che l’unica cosa che realmente la spaventi sia solo la morte, ma forse perché ancora non abbastanza “anziana” da accoglierla. Per il resto, a 69 anni è diventata il volto de L’Oréal Paris e ha dichiarato, ironica, di non vedere l’ora di invecchiare notevolmente, perché quando l’aspetto fisico viene meno è importante solo quello che una persona è realmente.

3. Politicamente attiva.3

Tempo fa, ospite di Bbc Newsnight, la Sarandon ha detto senza troppe cerimonie che non avrebbe votato né la Clinton né Trump. Sostenitrice di Bernie Sanders durante le primarie, ha preferito appoggiare i candidati indipendenti, con la speranza di vederli arrivare al 5%. E quando le è stato proposto che una vittoria della Clinton avrebbe significato un traguardo storico, permettendo ad una donna di diventare Presidente degli Stati Uniti, lei ha risposto che non tutte le donne meritano tale carica: “Hillary si è schierata per l’occupazione in Iraq nel 1999, poi in Afganistan e in Libia; i Panama Papers hanno rivelato i legami con i finanziatori delle sue campagne politiche. Ha accettato la paga minima di 15 dollari all’ora dopo aver sostenuto per anni che era improponibile… insomma, devo continuare?”.

4. Curiosità Random.4

Negli anni ottanta si è trasferita a Roma e ci ha vissuto per molto tempo, dividendo la sua vita tra la Capitale italiana e New York. Il 10 febbraio 2006 ha partecipato alla Cerimonia di apertura dei XX Giochi olimpici invernali di Torino 2006 portando, insieme ad altre 7 celebri donne, la bandiera olimpica. Il 15 ottobre 2010, Susan Sarandon è stata nominata ambasciatrice di buona volontà dalla FAO.

5. Il ricordo di David Bowie. 5

Susan Sarandon, parlando della sua vita sentimentale, ha ricordato anche la relazione con Bowie, avuta oltre trent’anni fa, sul set dell’horror di Tony Scott, Miriam si sveglia a mezzanotte: “È stato un periodo della mia vita molto interessante. Io non ero fatta per avere figli, sono la più grande di nove fratelli e sorelle e ho fatto da madre a tutti loro, è per questo che allora non pensavo a fermarmi e mettere su famiglia. E così abbiamo avuto una relazione senza alcun legame o impegno”. Parlando in generale, comunque, ammette di aver avuto storie intriganti e particolari e di dover questo probabilmente all’essersi sposata troppo giovane: “avevo 21 anni e ciò ha fatto sì che tutto il ca**eggio da ventenne in giro venisse eliminato. Sì, ho avuto relazioni con un paio di celebrità, persone davvero interessanti. Una rock star e un attore. Ma a dirla tutta sono una che costruisce nidi e tendenzialmente monogama”.

– Lidia Marino – 

 

Rispondi