Le 5 curiosità sulle star: Ryan Gosling

Adesso lo trovate al cinema nel delizioso La La Land, film che gli è già valso il suo primo Golden Globe e la sua seconda candidatura al premio Oscar come miglior attore protagonista (il primo per il suo ruolo in Half Nelson): Ryan Gosling è decisamente un attore completo, con ottime capacità sia nella recitazione che nel mondo della musica e del ballo. Ha iniziato la sua carriera da bambino, prima come membro del Mickey Mouse Club poi come interprete di serie televisive, per poi arriva al cinema nel 2000. Ottiene grande successo dopo la pellicola romantica Le pagine della nostra vita e da allora la sua carriera è in continuo progresso (nel 2008 ha ricevuto una candidatura ai Golden Globe per Lars e una ragazza tutta sua, nel 2011 un’ulteriore candidatura per Blue Valentine e nel 2012 una doppia candidatura per Le idi di marzo e Crazy, Stupid, Love) e nel 2014 ha anche debuttato alla regia con il film Lost River. Gosling ha inoltre fondato il duo musicale indie rock Dead Man’s Bones. In attesa di vedere se otterrà la statuetta dorata agli Oscar quest’anno, andiamo a conoscerlo meglio.

1. Bullismo e infanzia.Sebbene adesso venga considerato da molti un sex symbol e la sua immagine si accosti spesso a quella del bello trascurato, da bambino Ryan Gosling ha subito vari episodi di bullismo durante le scuole elementari. A causa di queste problematiche, la madre decise di ritirarlo da scusa e si occupò personalmente della sua istruzione. Questo è uno dei motivi che l’attore sostiene avergli formato il carattere un po’ solitario, sempre alla ricerca di spazi personali e con pochissimi e selezionati amici. L’attitudine al mondo dello spettacolo, però, l’ha sempre avuta, amando esibirsi con le sorelle, tanto da convincersi a partecipare all’audizione per il programma televisivo The All New Mickey Mouse Club, dove condivise le attenzioni con Christina Aguilera, Britney Spears e Justin Timberlake, dal quale visse anche nel periodo del divorzio dei propri genitori.

2. Ottimi panini.

Oltre ad eccellere nel mondo artistico, Ryan ama darsi da fare dove può, soprattutto per non rimanere senza niente di cui occuparsi. Così ogni tanto, quando non recita, lavora nella cucina del ristorante di Los Angeles di cui è co-proprietario, il Tagine. Pare che in passato abbia preparato sandwich in un fast food, con ottimi risultati: “i miei panini non dovevano essere niente male, perché da quel giorno i clienti volevano che fossi io a farli!”. L’attore sostiene, inoltre, che la propria voglia di lavorare appartenga a tutti gli uomini della sua famiglia (suo padre e suo zio sono operai in una cartiera in Canada) e che lui semplicemente non faccia eccezione: “Dopo aver lavorato duro ti senti meglio, dormi più tranquillo. Meglio non avere troppo tempo per pensare”.

3. Il sesto Backstreet Boys.La famosissima boy band che tutti conosciamo avrebbe potuto avere un altro membro proprio in Ryan. All’epoca l’attore lavorava al The Mickey Mouse Club ed era vicino di casa di AJ McLean, uno dei componenti dei Backstreet Boys, e proprio quest’ultimo ha rivelato in seguito a TMZ che Gosling rifiutò l’offerta di partecipare al loro progetto perché convinto che non avrebbe avuto successo. Quando cambiò idea provò a ricontattare AJ, che però non rispose in quel momento e si dimenticò di ricontattarlo in seguito. Sempre tramite TMZ, McLean ha poi mandato un messaggio all’attore: “Ryan, se mai avessimo bisogno del sesto Backstreet Boys ti chiamo. Mi dispiace di non averti telefonato quella volta. Non solo sei un grande attore e un bell’uomo, ma sai anche cantare!”.

4. Curiosità Random. 

Come detto prima, Ryan è un tipo solitario: nel 2006 i produttori di Il caso Thomas Crawford lo cercarono a lungo nel tentativo di dargli la sceneggiatura del film, ma non riuscirono a trovarlo perché l’attore si era rifugiato per due mesi in una tenda senza contatti con il resto del mondo. Come il suo personaggio in La La Land, Gosling è un grande appassionato di jazz: il suo artista preferito è Chet Baker. L’attore ha un tatuaggio sul braccio sinistro che si è fatto da solo con un kit casalingo: dovrebbe raffigurare la zampa di un mostro, ma lui stesso ammette la scarsa somiglianza con l’idea originale che aveva in mente. Per le sue fan: sappiate che una volta Gosling ha salvato la vita alla scrittrice inglese Laurie Penny, intervenendo tempestivamente prima che questa potesse finire investita da un’auto; inoltre, dopo aver comprato centinai di biscotti dagli scout li ha regalati ai passanti.

5. Cause umanitarie. 

Gosling ha sempre sostenuto varie cause, lavorando a stretto contatto con John Prendergast, cofondatore dell’Enough Project. Inoltre è un rappresentante di Hollywood per il Campus Progress National Conference, dove ha parlato della situazione del Darfur, e nel dicembre del 2010 ha viaggiato con Prendergast, e l’analista Fidel Bafilemba nel Congo orientale. Durante la loro visita a Goma e in altre zone della provincia del Kivu Nord, Gosling ha incontrato organizzazioni per la difesa dei diritti umani ed i sopravvissuti al violento conflitto in corso. Attraverso la raccolta di materiale video, Gosling vorrebbe dare la giusta attenzione alle loro storie di sopravvivenza e coraggio.

– Lidia Marino – 

Un pensiero su “Le 5 curiosità sulle star: Ryan Gosling

  1. Pingback: Le 5 curiosità sulle star: ultimo appuntamento | YouPopCorn

Rispondi