Le 5 curiosità sulle star: Marion Cotillard

A Cannes è uscito un nuovo adattamento cinematografico del Macbeth, con interpreti Michael Fassbender e l’attrice protagonista della rubrica di questa settimana, come avevo già anticipato. Siete pronti per Le 5 curiosità sulle star: Marion Cotillard?

1

1. La recitazione non è la sua sola passione. Quando non è sul grande schermo, infatti, Marion canta nella band di Maxim Nucci, Yodelice, sotto lo pseudonimo “Simone”, il nome della nonna. Se doveste chiederle quali siano le sue influenze musicali e quale musica apprezzi maggiormente, vi sentireste rispondere: Elvis, Rolling Stones, David Bowie, Beatles e Radiohead.

2

2. Marion è una dei sei attori che hanno vinto un Oscar con un ruolo parlato per lo più in lingua straniera(La Vie en Rose e Two Days, One Night). Gli altri sono Sophia Loren, Robert De Niro, Roberto Benigni,Benicio Del Toro e Christoph Waltz. La Cotillard è inoltre l’unica ad essere stata nominata per un film Belga e l’unica ad aver vinto due oscar con due pellicole non candidate come miglior film.

3

3. Membro e portavoce di Greenpeace dal 2002, è anche una dei tanti artisti coinvolti nel “Dessins pour le Climat “, un libro di disegni originali per Greenpeace e Glénat, disponibile per la vendita dal 2005, i quali proventi sono tutti indirizzati alle due associazioni ecologiste.

4

4. Curiosità Random: Marion è figlia d’arte di genitori entrambi attori ed è sorella di due gemelli. Non ha i buchi sulle orecchie, nemmeno quelli classici sul lobo. Adora la serie televisiva inglese Absolutely Fabulous. Si è detta grande fan di Kate Winslet, Will Ferrell, Seth Rogen e Jonah Hill e durante un’intervista al The Tonight Show di Jay Leno del 2012 ha affermato il suo desiderio di recitare con loro in una commedia. I suoi film preferiti sono: Il grande dittatore, La vita è meravigliosa, Soy Cuba, Hollywood Party, The Elephant Man, Le roi et l’oiseau e Tandem. Grande fan del mondo del musical, soprattutto di Cantando sotto la pioggia.

5

5. È una locavore, dalle abitudini culinarie prese dalla nonna, e preferisce dunque mangiare cibi coltivati o prodotti localmente. È inoltre la proprietaria di due ristoranti francesi: Jaja e Glou.

E per rimanere in Francia, la prossima settimana parlerò di Vincent Cassel.

– Lidia Marino – 

Rispondi