Le 5 curiosità sulle star: Emma Watson

L’attrice, nota a tutti per la sua interpretazione di Hermione Granger nella saga di Harry Potter, è riuscita negli anni a far parlare di sé, sia come donna che come attrice, tanto da distaccarsi pian piano – sebbene forse non riuscirà mai del tutto – da quel suo primo ruolo: sì, sto parlando di Emma Watson, la bionda che con il suo accento perfettamente british incanta il cuore di molti spettatori da diverso tempo. Visto che presto la vedremo nei panni di Belle, la bella (appunto) protagonista de La Bella e la Bestia, mi è sembrato ottimo parlare un po’ di lei!

1. Studiosa.1

Che cosa hanno in comune il ruolo di Hermione e quello di Belle? Ad entrambe piace leggere e acculturarsi. Ebbene, questo è un requisito anche dell’attrice, che – nonostante la fama e i grandi incassi dei suoi film – non ha mai voluto rinunciare ai suoi studi, seguendo i corsi con dedizione e impegno. Pensate che, dopo le riprese di Harry Potter e i doni della morte – parte 2, Rupert Grint (Ron) ha raccontato che l’università ha impedito a Emma di essere sempre presente sul set del capitolo finale della saga. Durante le riprese infatti, l’attrice era impegnata con lo studio alla Brown University (negli USA) e per la produzione si è reso necessario adottare diversi accorgimenti (anche tecnici) per rimpiazzarla quando non era possibile averla materialmente presente. “Non è stata molto tempo sul set” – ha detto Grint – “Abbiamo effettuato le riprese tenendo in considerazione i suoi impegni di studio, e lei aveva anche molte controfigure. Hanno anche realizzato una maschera di Emma da far indossare alle controfigure per le riprese di spalle, o che mostrano appena il viso. Emma è stata sul set per le scene e le giornate più importanti, cose del genere, ma onestamente non so come abbia fatto a lavorare e studiare insieme. Io non ce l’avrei fatta.” Infine l’attrice si è laureata il 25 maggio 2014 in letteratura inglese.

2. Impegno sociale e politico.2Il 7 luglio 2014 Emma Watson è stata nominata Goodwill Ambassador, ambasciatrice di buona volontà, dall’UN Women, l’organizzazione americana che si occupa della parità di genere e il pari ruolo delle donne nel mondo. La direttrice esecutiva e sottosegretario generale dell’agenzia, Phumzile Mlambo-Ngcuka, ha dichiarato come “l’intelligenza e la passione” dell’attrice consentiranno di far giungere ai suoi coetanei il messaggio di uguaglianza di UN Women. Proprio in questo contesto si colloca il suo famoso discorso per la campagna “#HeforShe”, che metteva alla luce l’importanza dell’uomo nella promozione della parità di genere. Tra le varie iniziative per la campagna, Emma Watson ha anche lanciato “Our Shared Shelf”, un book club virtuale e femminista, sulla piattaforma Goodreads.

3. Moda rispettosa. 3

Dopo aver visto il film documentario “The True Cost” diretto da Andrew Morgan, che parlava dell’impatto sociale ed ambientale della moda, l’attrice ha deciso di disegnare una linea di abiti che fosse sostenibile per l’ambiente, viaggiando anche in Bangladesh, per incontrare e conoscere le persone addette alla produzione e accertarsi che le loro condizioni di lavoro fossero come descritte e che rispettassero anche l’ambiente circostante. In un’intervista alla CNN riguardo il vestito indossato da lei al Met Gala ha detto: “Penso sia un capolavoro. Ho fatto una scelta lo scorso anno: indossare solo moda sostenibile sul red carpet. L’industria della moda è la seconda grande inquinante d’acqua del nostro pianeta. Ha un impatto così grande sull’ambiente, e di conseguenza anche sull’uomo. Per me ormai non è abbastanza il fatto che un abito sia bello per indossarlo! Voglio sapere che indossandolo io non stia lasciando un segno negativo sul pianeta. I consumatori sottovalutano il potere che hanno. Se compri qualcosa, pensi che lo indosserai almeno 30 volte? Se riesci ad impegnarti a mantenere questa promessa, allora avrai fatto un acquisto sostenibile. La moda è qualcosa che ci tocca tutti i giorni. Ci vestiamo ogni singolo giorno. Io voglio apparire bene, voglio sentirmi bene e voglio fare del bene. E questo per me è il vero lusso”.

4. Curiosità Random. 4

Per iniziare a conoscere i tre protagonisti che avrebbe diretto in Harry Potter e il prigioniero di Azkaban, Alfonso Cuarón chiese a Emma Watson, Daniel Radcliffe e Rupert Grint di scrivere un tema sui loro personaggi: Emma scrisse un saggio di sedici pagine, Dan una schematica paginetta, e Rupert non consegnò nemmeno una riga… adoro. L’attrice, nonostante l’impeccabile accento inglese, è nata a Parigi e il suo nome completo è Emma Charlotte Duerre Watson. I suoi animali preferiti sono i gatti e ne ha due, Bubbles e Domino. Il suo libro preferito di Harry Potter è Harry Potter e il prigioniero di Azkaban (se posso intromettermi… anche il mio!). Il suo film preferito è Notting Hill (1999). La serie tv preferita è Friends. Il suo attore preferito è Johnny Depp e la sua attrice preferita Julia Roberts. È fan di La bussola d’oro (2007) e della trilogia fantasy Queste oscure materie di Philip Pullman (mi intrometto di nuovo… la mia preferita!). Adora il cibo italiano, soprattutto gli spaghetti. Da piccola era ossessionata dalle Spice Girls e voleva essere Emma Bunton, la baby spice (“Lei era così carina. Avevo un’amica che si chiamava Ellie, e con lei litigavo spesso, perchè era bionda e sosteneva che dovesse essere lei Emma Bunton, ma io ribattevo che siccome anche io mi chiamo Emma, Baby Spice ero io. E siamo andate avanti a litigare così per mesi”).

5. Forte e romantica.5

Al giorno d’oggi sembra che decidere di sposarsi possa ledere alla femminilità di una donna, come se questa, unendosi in matrimonio all’uomo che ama, dovesse necessariamente rinunciare ai suoi sogni e alla propria carriera. Ebbene, non è affatto così e anche la nostra famosa attrice sostiene lo stesso: alla domanda di un giornalista su cosa sceglierebbe tra carriera e matrimonio, la Watson ha risposto come una cosa non escluda certo l’altra. “Mi piacerebbe essere felicemente sposata e avere lui e la mia famiglia presenti durante la mia carriera. Penso che sarebbe fantastico interpretare belle parti e vincere un Oscar, ma non sarebbe niente se loro non fossero lì con me.”

– Lidia Marino – 

Un pensiero su “Le 5 curiosità sulle star: Emma Watson

  1. Pingback: Le 5 curiosità sulle star: ultimo appuntamento | YouPopCorn

Rispondi