Le 5 curiosità sulle star: Eddie Redmayne

Continuiamo il nostro conto alla rovescia per la Notte degli Oscar, scegliendo come protagonisti di questa rubrica i candidati di quest’anno come migliori attori delle varie categorie. Delle nominations per i protagonisti maschili, abbiamo già visto Michael Fassbender, Leonardo DiCaprio e Matt Damon, quindi oggi conosceremo qualcosa in più sul giovane Eddie Redmayne! Negli ultimi anni il suo volto sorridente ha invaso il Cinema, da Les Misérables, dove interpretava il ruolo di Marius, a Jupiter – Il destino dell’universo, fino ad arrivare all’anno scorso con La teoria del tutto e vincere l’Oscar per il suo Stephen Hawking. Questi Oscar lo vedono concorrere per il ruolo del transessuale Lili Elbe. Questo trentaquattrenne, insomma, è una stella da non sottovalutare.

1. Menzogne a fin di bene. 1Una delle prime parti affidata all’attore è stata nella miniserie Elizabeth I del 2005, dove Redmayne sarebbe dovuto apparire molto spesso a cavallo. Il problema? Non era mai più salito su un cavallo dai suoi quattro anni e aveva mentito agli sceneggiatori per avere il ruolo. Venne scoperto, dopo aver rovinato la sua grande scena e cacciato dal set. Tom Hooper ha raccontato questo aneddoto, dicendo di averlo canzonato con il megafono sul set di Les Misérables: “sei un fot**to bugiardo, Redmayne!” Come biasimarlo, però?

2. Nessuna audizione.2Per il ruolo di Stephen Hawking, a Redmayne non venne chiesta nessuna audizione, ma anzi gli venne offerto il ruolo da protagonista nel film. Per alcuni potrebbe sembrare un sogno, ma per lui è stato un po’ angosciante, o “terrificante”, come lo ha descritto a parole sue: “Almeno quando vieni scelto dopo varie audizioni, prendi coscienza di quello che hai fatto, di come lo stai facendo. Invece venire catapultato sul set è stato terrificante, ero molto nervoso”. Beh, sembrava che avessero ragione a proporglielo!

3. Karaoke3Sappiamo già delle sue capacità canore per il ruolo di Marius in Les Misérables, ma a quanto pare a Redmayne piace davvero tantissimo passare la serata a cantare con gli amici, scegliendo quante più canzoni diverse possibili e mettendosi alla prova. La sua scelta preferita? Bat Out of Hell di Meat Loaf. Non vi piacerebbe vederlo dimenarsi con il microfono? A me sì!

4. Curiosità Random. 4

I suoi libri preferiti sono: Levels of Life di Julian Barnes e A Field Guide to Getting Lost di Rebecca Solnit. Adora il tennis e gli piacerebbe molto passare più tempo a giocarlo. Attori con i quali gli piacerebbe lavorare: “la lista è lunga, ma se dovessi scegliere inserirei anche qualcuno con il quale ho già lavorato, ma mi piacerebbe farlo ancora: Marion Cotillard, Alfred Molina, Ben Whishaw, Mark Rylance, e Ed Norton.

5. Daltonismo. 5

Redmayne ha problemi a distinguere i colori, ma questo non lo ha mai fermato dall’amare l’arte e farsi un’idea propria dei colori che nella sua mente sono vividi. Sostiene che il suo colore preferito sia quello che usa Yves Klein: “la pittura umida ha una luminosità che muore quando asciuga e perde la sua brillantezza, quindi Yves ha creato scientificamente questo colore che trattiene la luminosità.” E se doveste chiedergli del suo daltonismo vi risponderebbe: “Non so quello che vedo, ma lo vedo e mi piace.”

– Lidia Marino – 

 

Rispondi