La vera Molly Brown, sopravvissuta del Titanic

La realtà è, molto spesso, il contenitore perfetto da cui ogni artista può attingere per raccontare la sua visione del mondo. Nell’era moderna sono sopratutto i registi a trasformare in pellicola alcuni avvenimenti che hanno scritto una pagina fondamentale nella storia del nostro mondo. James Cameron, per il suo famoso film Titanic, non ha certo fatto eccezione. Oltre a raccontare la tragedia del transatlantico britannico affondato nella notte tra il 14 e il 15 aprile del 1912, grazie ai suoi attori Leonardo DiCaprio e Kate Winslet, nel film ha anche aggiunto un personaggio realmente esistito e che probabilmente in pochi conoscono.

Ricordate Molly Brown? La donna recentemente arricchita e considerata volgare dalle altre donne che  alloggiavano in prima classe? Uno dei pochi personaggi gentili con il protagonista maschile Jack, interpretata dalla grande Kathy Bates? Ebbene Molly è realmente esistita ed è stata davvero una dei pochi superstiti del Titanic. Molly è in realtà Margaret Tobin. Figlia di immigrati irlandesi, Margaret nasce ad Hannibal, nel Missuri, il 18 luglio del 1867. Dopo aver vissuto l’infanzia nella sua città natale, all’età di 18 anni si trasferisce a Leadville, Colorado, con una delle sue sorelle, per lavorare in un grande magazzino. Qui conosce e sposa, il 1º settembre del 1886, James Joseph Brown  noto come J.J., un uomo intraprendente e autodidatta, da cui ha due figli. Margaret si dimostra una donna a cui sta cuore la sua indipendenza, è una donna vivace e allegra che non ha paura di sporcarsi le mani lavorando in cucina per assistere le famiglie di minatori. Diventa ricca quando suo marito diventa padrone di una miniera e fonda la Ibex Mining Company. Nel 1894 la famiglia si trasferisce a Denver, in Colorado. Qui Margaret diventa un membro del Denver Woman’s Club e si occupa di migliorare la vita delle donne attraverso l’istruzione e la filantropia. Nel 1901 si iscrive all’Istituto di Carnegie, a New York, dove impara a conoscere le arti francesi, tedesche e russe. Si adatta facilmente a questa nuova società tanto da correre, invano, nel 1909 e nel 1914 per il Senato. Margaret lavora anche  con il Giudice Lindsey per aiutare bambini bisognosi e ad edificare, negli Stati Uniti, un tribunale per minorenni. Man mano che la sua individualità aumenta il suo matrimonio collassa: Margaret e J.J si separano nel 1909, anche se rimangono profondamente legati. L’uomo muore il 5 settembre del 1922.

Dopo il tragico incidente del Titanic la sua fama da superstite l’aiuta a promuovere la consapevolezza riguardo a vari problemi comuni, come il diritto al lavoro delle donne, l’istruzione, l’alfabetizzazione dei bambini e la conservazione storica. Durante la 1° Guerra Mondiale lavora con il Comitato americano per la ricostruzione della Francia, aiutando soldati sia francesi che statunitensi. Riceve la Legion d’onore francese, poco prima della sua morte, e passa gli ultimi anni della sua vita dedicandosi al teatro, nel ruolo di attrice. Margaret Tobin Brown muore, a causa di un tumore al cervello, il 26 ottobre del 1932, all’età di 65 anni. Filantropa e attivista statunitense, dopo la sua morte, le attribuiscono il soprannome “L’inaffondabile Molly”, anche se Margaret non è mai stata chiamata “Molly” in tutta la sua vita.

– Giuseppina Serafina Marzocca – 

Rispondi